A differenza di quelle antiestetiche officine del gas che alcuni di noi ricordano dall'infanzia, il moderno impianto tedesco vicino al villaggio di Rehden è un po' più all'avanguardia. Nessun edificio torreggiante e incrostato di ruggine, circondato da vassoi di polistirolo da asporto unti e soffiati dai bidoni del chippy di fronte. Questo perché la maggior parte della struttura è nascosta sotto terra (e non c'è nessun chippy). L'impianto è su una scala impressionante, estendendosi su un'area equivalente a quasi 1000 campi da calcio con la capacità di immagazzinare quasi 4 miliardi di metri cubi di gas. Nonostante le sue enormi dimensioni, questo sito nasconde solo il 20% del gas di lavoro immagazzinato in Germania.

Nonostante queste statistiche sbalorditive e le incredibili dimensioni fisiche, il vero problema è questo: L'impianto è di proprietà e gestito dal gigante energetico russo di proprietà statale, Gazprom. Ciò che entra e ciò che esce da questo impianto è regolato in ultima analisi da mani russe. Ho la vaga sensazione che stiate già capendo il quadro e vedendo il dilemma con questo.

Ora, se tutto questo non è abbastanza per noi per rimuginare un po', Gazprom controlla anche il 33% degli impianti di stoccaggio di gas austriaci, olandesi e tedeschi. Preoccupante è il fatto che nel 2021 la quantità di gas naturale immagazzinato in questi e in altri impianti di stoccaggio, all'interno dell'UE-27, è scesa a livelli precariamente bassi che hanno provocato bruschi picchi di prezzo.

Ci è stato detto che le forniture di energia si stavano esaurendo a causa dell'aumento della domanda post pandemia, ma in qualche modo lo trovo difficile da digerire al giorno d'oggi. Le basse scorte energetiche in Europa hanno sicuramente dato a Putin la leva in più necessaria per pianificare la sua invasione dell'Ucraina? La diminuzione delle scorte energetiche significava che Putin aveva il piede ben premuto sulla gola dell'Europa. Con le mani sospese sull'interruttore "GAS OFF", c'era ben poco che l'Europa o l'Occidente potessero fare per scoraggiare qualsiasi potenziale invasione russa senza pagare un prezzo pesante. L'invasione in corso ha certamente esposto il tallone d'Achille della Germania e quindi quello dell'Europa in generale. È l'energia - la linfa vitale della civiltà occidentale.

Ma non sono solo i tedeschi a trovarsi esposti alle astuzie dei giganti russi dell'energia. Lo stesso si può dire degli italiani, che hanno investito ancora meno nelle energie rinnovabili. Infatti gran parte dell'Europa si è buttata a capofitto nello stesso pantano strategico, facendo troppo affidamento su forniture just-in-time da regimi dispotici, incluso il Cremlino.

OK. Vi sento dire che il senno di poi è una cosa meravigliosa. Ma siamo sinceri su questo. Non c'era bisogno di essere uno stratega esperto o un economista completo per capire la grandezza di questa follia prodotta da tempo. Proprio davanti ai nostri nasi occidentali si è incancrenito il fatto molto scomodo che la Russia di Putin ha fornito più del 40% delle importazioni di carbone e gas dell'UE-27 e ben oltre il 25% del greggio dell'UE. Questo è un gran bel pugno di mosche da afferrare collettivamente?

Naturalmente la Germania è stata particolarmente esposta ai recenti eventi perché il paese si è modellato come una gigantesca potenza economica, il grande hub europeo per la produzione di alta qualità. Affinché questo rimanga sostenibile, la Germania ha bisogno di un flusso sicuro di energia affidabile e conveniente. Questo era e rimane una componente chiave del piano economico germanico. Tuttavia, qui sta anche il problema. Attualmente c'è un coro crescente che chiede alla Germania e all'UE di evitare l'energia russa. Questo ha provocato una frenesia di attività in cui i singoli governi cercano di fiutare alternative valide come parte di una spinta a livello europeo per ridurre le importazioni di gas russo - fino al 66% nei prossimi dodici mesi.

Una divergenza così drastica dall'energia di origine russa significa che i politici occidentali devono prepararsi a potenziali carenze di gas naturale e di petrolio greggio. Prima che i rifornimenti russi possano essere realisticamente tagliati, è necessario assicurarsi nuove fonti e costruire nuove infrastrutture. Tutto questo richiede tempo e un enorme investimento di capitale. Senza i rifornimenti russi, l'Europa dovrebbe prepararsi a un viaggio accidentato per quanto riguarda la sicurezza energetica. I leader europei si sono ridotti a portare le loro ciotole oleose da un despota all'altro. I nostri stimati leader si ritrovano a sventolare libretti di assegni in bivacchi illuminati dall'umore mentre cercano di definire la futura sicurezza energetica del mondo occidentale.

La prospettiva di una crisi energetica prolungata derivante dall'invasione dell'Ucraina da parte di Putin non può essere esclusa. Il governo polacco, che si è sentito particolarmente vulnerabile alle minacce della Russia, ha fatto pressione sull'UE-27 per bloccare tutte le importazioni di energia russa. Nel frattempo, in una mossa che imita da vicino la vecchia sequenza di apertura del cartone animato della BBC "Ho notizie per te", Mosca sta minacciando di interrompere comunque le forniture di gas europee.

La Germania ha sospeso con riluttanza il suo programma chiave del gasdotto Nord Stream 2. Se fosse andato avanti come previsto, quest'ultimo gasdotto avrebbe raddoppiato le forniture di gas russo. Tuttavia, la Germania non può realisticamente andare oltre nel sanzionare la Russia. Il paese è completamente bloccato a causa della sua dipendenza dall'energia russa. Le autorità tedesche hanno resistito alle richieste di un embargo totale, altrimenti la Germania si trova a soffrire ancora di più della Russia. Le autorità tedesche hanno avvertito che l'interruzione delle forniture energetiche russe non è fattibile a breve o medio termine, citando gravi conseguenze per le economie dell'Europa.

La bolletta energetica giornaliera dell'UE, pagabile a Mosca, equivale a più di 800 milioni di euro. Pertanto, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ripetutamente supplicato l'UE di tagliare i legami economici con Mosca. Zelensky si preoccupa che Putin stia usando le entrate sempre maggiori dalle esportazioni di energia per finanziare l'offensiva militare contro il suo paese e potenzialmente anche su altri.

Non possiamo ignorare gli avvertimenti di Zelensky sulle potenziali incursioni russe oltre il confine ucraino. Dico questo perché abbiamo già imparato che non possiamo semplicemente presumere che Vladimir Putin non si tratterrà dall'invadere i territori vicini se ritiene di poterlo fare. Abbiamo visto noi stessi la depravazione del suo regime. Non conosce letteralmente limiti. La stessa retorica di Putin ha minacciato in modo agghiacciante l'uso di armi di distruzione di massa. È difficile liquidare queste come minacce vuote, considerando la tendenza insensibile del regime di Putin verso tattiche militari di "terra bruciata", come tristemente testimoniato in Siria.

Questa, credo, si sta rivelando una crisi energetica come nessun'altra. A differenza delle crisi precedenti, che alla fine sono state risolte dalle forze di mercato, questa potrebbe risultare diversa. Questa volta è diverso perché è emerso un enorme buco nero. Un buco nero che può risucchiare e divorare tutta l'energia e le materie prime che qualcuno vuole gettargli addosso. È la singolarità che consuma tutto, emersa nella forma della Cina moderna.

Il mondo occidentale può evitare tutta l'energia russa che ritiene di potersi permettere, ma il nocciolo della questione è chiaro a tutti. Qualunque surplus si possa creare mentre l'Europa schiaffeggia il polso di Putin, sarà semplicemente dirottato a est verso una Cina gioiosa. Il grande imperatore d'Oriente emetterà un enorme rutto di soddisfazione mentre l'Occidente si aggira come un topolino alla ricerca delle briciole.