Ci sono le elezioni in Ungheria domenica prossima, e sembra che Orbán possa davvero vincere. Un mese fa era molto indietro rispetto all'opposizione, ma poi la Russia ha invaso l'Ucraina.

L'Ungheria è uno dei nuovi modelli di dittature "morbide" che sembrano democrazie al passante medio. Dopotutto, non c'è una polizia segreta, si può criticare il governo pubblicamente, e alle elezioni contano davvero tutti i voti. A volte trovano anche qualche voto in più, ma Orbán ha davvero vinto tre elezioni più o meno giuste di seguito.

Eppure è davvero un dittatore ("Il Viktator", lo chiamano alcuni) nonostante le elezioni libere. Non hanno bisogno di essere truccate in anticipo, perché Orbán controlla quasi tutti i media da cui gli elettori si informano. E non ha nemmeno bisogno di vincere la maggioranza dei voti, perché i distretti elettorali sono stati distribuiti a suo favore.

Ha eliminato i media "liberali" rendendoli non redditizi (nessuna pubblicità del governo, cause legali costose, ecc.), e poi ha fatto in modo che ricchi amici li comprassero a prezzi stracciati e vi tessessero le sue lodi. Più del 90% dei media ungheresi sono pro-Orbán, anche se non esiste una censura formale.

L'ha fatta franca espandendo la corte costituzionale e riempiendola di stalattiti del suo partito "Fidesz". Ha anche preso il controllo delle corti inferiori costringendo tutti i giudici sopra i 62 anni ad andare in pensione e nominando invece membri di Fidesz. E a volte crea falsi partiti politici negli anni delle elezioni per attirare parte del voto anti-Orbán.

Il più grande successo di Orbán è stato estendere la cittadinanza a più di un milione di ungheresi etnici che vivono come minoranze nei paesi circostanti - e dare loro anche accesso ai generosi benefici sociali ungheresi. Possono non essere mai stati in Ungheria, ma costituiscono un decimo dell'elettorato, prendono i soldi - e il 95% di loro vota per Fidesz.

Nei media, c'è un torrente incessante di propaganda d'odio contro le minoranze (ebrei, rom e gay) e soprattutto contro gli immigrati. Per una dozzina d'anni al paese è stato detto che Fidesz è la loro unica difesa contro un'Ungheria islamizzata dove i veri ungheresi sarebbero una minoranza oppressa, anche se nessun musulmano sano di mente sceglierebbe mai volontariamente di vivere lì.

Un numero deprimente di ungheresi, per lo più anziani, poco istruiti o rurali, ha creduto all'intero pacchetto, ma le vittorie di Orbán dipendevano anche dal fatto che i partiti di opposizione erano cronicamente in guerra tra loro. Questa volta era in guai seri, perché tutti e sei erano riusciti a riunirsi e a sostenere lo stesso candidato.

Non riuscivano a mettersi d'accordo su molto altro, così lo sfidante che scelsero fu un politico di centro-destra piuttosto incolore chiamato Péter Márki-Zay. Tuttavia, abbastanza gente era stufa del clientelismo e delle menzogne che un mese fa Fidesz e l'alleanza dell'opposizione correvano testa a testa. E poi la Russia ha invaso l'Ucraina.

Questo avrebbe dovuto essere un disastro per Orbán, che rivaleggia con Donald Trump nella sua adulazione da fanboy di Putin. Ha persino dovuto ingranare la retromarcia e lasciare entrare nel paese 450.000 rifugiati ucraini. È solo un quinto di quanti ne ha accolti la Polonia, ma è trenta volte di più di quanti ne ha accettati il Regno Unito, quindi è al sicuro in mezzo al gruppo europeo.

È stato altrettanto veloce nel cambiare la sua narrativa di politica estera. Invece di tenere a bada le orde musulmane, ora stava tenendo l'Ungheria fuori dalla guerra in Ucraina: "L'opposizione ha perso la testa", ha detto in un comizio il 15 marzo.

"Vogliono entrare in una guerra crudele, sanguinosa e prolungata e vogliono mandare truppe e armi ungheresi in prima linea. Non possiamo permettere che questo accada. Non un solo ungherese può essere preso tra l'incudine ucraina e il martello russo".

Sono tutte sciocchezze, naturalmente. La coalizione di opposizione non ha mai detto niente del genere, e l'Ungheria è membro dell'alleanza NATO, che dichiara costantemente che in nessun caso sarà direttamente coinvolta nella guerra in Ucraina. L'Ungheria non potrebbe inviare truppe in Ucraina anche se volesse.

Ma ha funzionato. A metà marzo Fidesz era in testa all'alleanza dell'opposizione con un netto 8%, anche se sondaggi più recenti hanno mostrato che il vantaggio di Orbán si è ridotto. Per un popolo che ha la reputazione di essere intelligente, persino furbo - "le uniche persone che possono entrare in una porta girevole dietro di te, e uscirne davanti a te" - gli ungheresi sono imbarazzantemente ingenui.

Potrebbe essere un indizio del perché alcuni paesi vengono sedotti da questi aspiranti autocrati manipolatori mentre altri no? Gli americani sono più ingenui dei canadesi? I russi sono più facilmente ingannabili degli ucraini? Cibo per la mente, ma ho detto abbastanza.