La scelta giusta?

Forse la scelta di un'auto non è poi così diversa dalla scelta di un partner? E se avete voglia di un'auto che i vostri amici hanno liquidato come appannaggio di chi ha gli occhi girevoli? Una creazione molto maltrattata e forse incompresa della scuderia British Leyland, per esempio. Un'auto che è stata quasi universalmente criticata fin dal primo momento in cui ha visto la luce. Una subalterna completamente ferita, beccata, ammaccata e malandata. Un'auto con una pessima reputazione! Non il tipo di scelta che porteresti a casa per mostrarla alla tua famiglia.

Che tempo che fece la povera vecchia Allegro. Lambita per il suo aspetto, per le sue prestazioni un po' scadenti e per la sua scarsa affidabilità. Si è persino guadagnato un soprannome piuttosto duro: "All-aggro".

Un atto difficile da seguire

Senza entrare nella politica, nell'economia o in qualsiasi altro istrione complicato, uno dei più grandi ostacoli che l'Allegro doveva superare era il fatto che era difficile da seguire. Le vecchie Austin e Morris 1100 e 1300 (ADO16) erano sempre state tra le auto più vendute. Queste piccole auto iconiche erano in cima alle classifiche di vendita e avevano trovato un posto nel cuore della gente per anni. Quindi, qualsiasi cosa BL abbia introdotto come sostituto è sempre stata accolta con un bel po' di sospetto. Anche una leggera ostilità. L'Allegro aveva davvero una montagna da scalare.

Il fatto è che in realtà mi sono comprato una Austin Allegro 1300 Super del 1979, vecchia di 18 mesi, in un glorioso color ruggine marrone con appena 15.000 miglia all'attivo. L'ho comprata perché mi piaceva abbastanza. Certo, avevo sentito tutte le solite critiche ma poi mi sono posto una semplice domanda. Quanto poteva essere peggiore la Allegro rispetto a tutte le altre offerte automobilistiche dell'epoca?

Voglio dire, siamo onesti, le Ford di quell'epoca non erano esattamente il massimo. Infatti spesso erano dannatamente orribili. Le Vauxhall amavano mangiare i propri alberi a camme e finivano per suonare come un sacco di chiodi. Anche una Rolls-Royce era più che incline al vecchio tarlo, come la maggior parte delle auto che non erano state completamente Ziebarted o immerse in un bagno di bitume fuso. Per quanto riguarda le auto giapponesi o italiane? Vogliamo essere gentili e dire che si sono dissolte quando sono state esposte a un clima umido.

BL-bashing

Non mi sono unito al coro di Allegro-bashing. Francamente sembrava emanare (insieme a un forte odore di birra stantia) dai buchi delle torte di tipi corpulenti che probabilmente non si erano mai seduti su un'Allegro e tanto meno ne avevano mai guidata una. Il signor Spock che è in me desiderava testare e sfidare questa convenzione sempre più fastidiosa. E così ho fatto.

Nonostante i venti prevalenti siano pieni di ondate di negatività BL-bashing, confesserò ancora una volta spudoratamente che il design spazioso della Allegro mi è piaciuto fin dall'inizio. Quello che ho visto era una versione leggermente più curva e modernizzata dell'uscente Austin 1300. L'Allegro utilizzava in gran parte la stessa collaudata e affidabile meccanica dei vecchi modelli, insieme a una versione notevolmente migliorata del sistema di sospensioni Hydrolastic, che fu ribattezzato Hydragas.

Il mio modello del 1979 non aveva un volante al quarzo, ma avevo perdonato da tempo la BL per questa infame mania di progettazione (forse le ruote quadrate avrebbero potuto essere più difficili da vendere). Mi piaceva il modo in cui i volanti al quarzo erano abbinati al colore del resto delle finiture interne. Ho anche apprezzato la qualità di guida della Allegro. Mi sono sempre piaciuti i fidati motori da 1275cc che erano vivaci, scorrevoli, economici e molto facili da mantenere.

E qui sta la chiave: la manutenzione

Un'auto spesso è buona solo quanto la mentalità del suo proprietario. La cura e la manutenzione sono chiaramente molto importanti. Ho sempre trovato che un'auto malandata ha spesso un proprietario disattento al timone. Un'auto ordinata, d'altra parte, probabilmente vivrà nel vialetto immacolato di un proprietario attento, con accesso a un tubo per innaffiare, un aspirapolvere e persino un armadietto che contiene shampoo per auto e un barattolo di cera di tartaruga. Forse anche un gallone o due di olio motore pulito, alcuni filtri nuovi, un set di scintille e anche alcuni punti di contatto di ricambio.

Il lignaggio

Nonostante tutta la cattiva stampa, la Austin Allegro ha avuto una produzione piuttosto lunga, dal 1973 al 1982. C'erano molti modelli offerti durante questo periodo: due porte, quattro porte e una versione station wagon. C'era anche un modello Vanden Plas cromato e grigliato che presentava tutte le solite raffinatezze da "mini Rolls-Royce", tra cui pelle lussuosa, impiallacciature in legno lucidato, tavoli da picnic posteriori e sontuosi tappeti Wilton. La Vanden Plas era disponibile con motori da 1500cc o 1750cc, 5 velocità manuali o una trasmissione automatica. BL fece anche una Allegro sportiva conosciuta come Equipe. L'Equipe a due porte aveva un assetto unico, un interno sportivo di lusso e strisce colorate in stile Starsky & Hutch per andare più veloce.

L'Allegro ha visto non meno di tre versioni nei suoi dieci anni di produzione. L'originale (e la più ambita sulla scena odierna delle auto d'epoca) andò dal 1973 al 1975. La Allegro-2 fu lanciata appena in tempo per il London Motor Show nell'autunno del 1975. Venne con alcuni aggiornamenti stilistici (tra cui la perdita del volante al quarzo). Infine, l'Austin-Rover con il marchio Allegro-3 ha visto l'auto fino alla fine della produzione nel 1982 con uno stile esterno rivisto, compresi i paraurti neri stampati. Vantava anche un interno completamente nuovo e restyling e opzioni di colori metallizzati rivisti dal catalogo Austin-Rover. Alcuni modelli avevano anche dei doppi fari che davano all'Allegro-3 un bell'aspetto sportivo.

Così, per coloro che hanno un pensiero indipendente, la povera vecchia Austin Allegro non era forse così terribile come alcuni esperti l'hanno descritta. Era certamente un'auto del suo tempo e non mi dispiace confessare che mi manca la mia. Mi manca molto in realtà. Sono sicuro che non lo sentirete dire tutti i giorni.