Montemor-o-Velho si trova nel distretto di Coimbra e ha più di 26.000 abitanti. Si trova a 25 chilometri da Coimbra e si può arrivare in macchina dalla città percorrendo la EN111 o la A14.

Tempo di mangiare

Dopo essere arrivati in città, era ora di mangiare. Il piatto tipico qui è il riso alla lampreda, che non ho provato, perché la lampreda, che è un tipo di pesce simile all'anguilla, non è il mio piatto preferito, invece, ho mangiato carne di manzo in un bel ristorante chiamato A Grelha. Il pasto era molto economico, il che mi ha sorpreso perché c'era molto cibo nel mio piatto, ma molto gustoso.

La pioggia ha smesso ed era ora di muoversi. I castelli di solito sono situati in luoghi elevati, ed eravamo tutti mentalmente preparati per la salita. Ma Montemor è preparato per questo, e abbiamo scoperto che ci sono scale mobili disponibili per raggiungere il castello.

Ingresso gratuito

L'ingresso al castello è gratuito ed è aperto a tutti coloro che vogliono visitare il passato. Il castello è di origine araba e fu una delle fortezze più importanti del X secolo. Viene descritto come uno dei castelli più strategici del Portogallo, e ho capito facilmente perché. Da ogni torre era possibile avere una vista su luoghi distanti 30 chilometri e più. La posizione facilitava la difesa della città non appena arrivavano i nemici, poiché era più facile vedere quando arrivavano, anche se i nemici erano lontani. Mentre i musulmani attaccavano la città, il castello era il luogo dove la popolazione viveva e passava la maggior parte del tempo, perché era più sicuro che vivere nelle zone circostanti. Dal castello è anche possibile vedere i grandi campi che vengono utilizzati per piantare il famoso Arroz Carolino di Baixo Mondego.

All'interno del castello, c'è una piccola chiesa con un altare di legno e tre piccole cappelle, una con scarpe da bambino, accanto a una figura di quella che ho pensato essere la Vergine Maria. La chiesa fu costruita in onore di Santa Maria dell'Alcáçova. All'interno, tre navate conducono alle cappelle, che sono divise da arcate su colonne salomoniche che risalgono al periodo manuelino, durante il XVI secolo. Per quanto riguarda le scarpe, non ho trovato nessuno che mi spiegasse perché la gente offre scarpe da bambino alla figura, ma sono sicuro che fa parte di una delle leggende di Montemor-o-Velho.

Storie di Montemor

Una delle leggende riguardanti il castello di Montemor-o-Velho spiega che ci sono due grandi volte sepolte dai primi abitanti, senza sapere se fossero romani, musulmani o cristiani. Quello che si sa è che una delle volte contiene ricchezze, oro sufficiente per rendere il Portogallo uno dei paesi più ricchi del mondo, ma l'altra volta contiene il male. Peste, fame, febbre e miseria capaci di uccidere ogni persona che vive nel paese senza pietà. I sotterranei sono rimasti intatti fino ad oggi. Anche durante i periodi di crisi più critici, la gente ha cercato di aprirle, ma una volta arrivati alle volte la gente si è tirata indietro e ha capito che potrebbe portare ancora più miseria se si apre la volta sbagliata.

Leggende a parte, ci sono eventi storici che sono accaduti all'interno del castello di Montemor-o-Velho: una delle più famose storie d'amore-tragedia che il Portogallo abbia mai avuto. La storia di Pedro e Inês de Castro fu raccontata a Lusíadas e fa parte di una delle leggende più famose della città di Coimbra. Tuttavia, fu a Montemor-o-Velho, nel 1355, che il re D. Afonso IV si riunì con il suo consiglio per discutere il pericolo dell'unione tra suo figlio D. Pedro e Inês de Castro. D. Pedro era sposato e dopo la morte di sua moglie visse insieme a Inês Castro, la sua più grande passione. D. Afonso IV non voleva che suo figlio sposasse Inês de Castro e di conseguenza che uno dei figli di quella relazione diventasse re dopo D. Pedro. Poiché Inês de Castro era la figlia di una delle più importanti famiglie aristocratiche di Castiglia, l'unione fu vista come un pericolo per l'indipendenza portoghese. Pertanto, Inês de Castro fu uccisa a Coimbra e D. Pedro si ammalò mentalmente, e dormì addirittura con il corpo morto della sua amata per diversi anni.


Montemor-o-Velho ha molto di più da vedere nelle parrocchie circostanti, tuttavia, il tempo non stava aiutando il nostro viaggio e dopo aver trascorso più di un'ora nel castello, perché ci vuole più di un'ora per visitarlo, abbiamo deciso di tornare a casa e prendere i grandi paesaggi di Montemor-o-Velho.