Per rispondere a questa domanda, l'Associazione degli psicologi portoghesi (OPP) ha dato i seguenti consigli a tutti coloro che ospitano o stanno pensando di ospitare una famiglia di rifugiati.

Benvenuti!

Secondo l'OPP, il giorno del loro arrivo "dovresti accoglierli con un sorriso, mostrare loro la casa e dire dove possono tenere i loro effetti personali".

Può volerci del tempo perché si abituino al loro nuovo spazio. "Offrire loro qualcosa da mangiare può essere una buona idea, ma se non vogliono, bisogna capire. Dopo quel lungo viaggio, è naturale che alcune persone vogliano dormire e rilassarsi. Potrebbero sentirsi molto stressati ed esausti e aver bisogno di dormire più a lungo", ha detto l'OPP.

Hai dei figli?

Se hai dei bambini, dovranno abituarsi a condividere il loro spazio con degli estranei. Potrebbero provare paura o entusiasmo. Qualunque cosa provino, dovresti cercare di parlare con tuo figlio prima e coinvolgerlo nel processo. Per esempio, potete stabilire con vostro figlio nuove regole sull'uso dei giocattoli.

"I bambini possono essere felici di aiutare, ma anche sentire un po' di paura di perdere l'attenzione dei loro genitori. Dall'altro lato, i bambini rifugiati possono arrivare con paure, insicurezze e timidezza e sentire molto la mancanza delle loro famiglie e degli amici. Passare del tempo con altri bambini aiuta ad alleviare la tensione e l'ansia e ad esprimere le emozioni", hanno sottolineato.

Le regole sono importanti

È importante stabilire delle regole per promuovere un buon ambiente di vita. Secondo l'associazione psicologica: "stabilire delle regole può essere più efficace nel gestire l'ansia di un rifugiato che dire semplicemente di sentirsi a casa"!

"Per esempio, quali aree sono accessibili, quando possono usare ogni area, come e quando possono aiutare a pulire la casa e se possono fumare o bere alcolici all'interno. Può essere una buona idea dividere il frigorifero e stabilire regole per la pulizia dopo l'uso della cucina".

La privacy è importante, "si dovrebbero tenere i momenti da soli". Inoltre, se si lavora da casa, si possono far sapere le ore in cui si lavora per evitare interruzioni.

Opportunità di esprimere

Anche se non parlano inglese, ci sono altri modi per connettersi e condividere le nostre esperienze, come disegnare, fare qualche sport insieme o anche cucinare, dice l'OPP.

Invitare, non chiedere

Invece di spingerli a fare cose che potrebbero non voler fare o per le quali potrebbero non essere ancora preparati, è meglio fare degli inviti. Per esempio, "Ti piacerebbe cenare con noi?" (invece di "ceneremo tutti insieme stasera") o "andiamo a giocare a calcio, vuoi venire con noi?" (invece di "giochiamo a calcio"), ha spiegato l'OPP.

Lasciate che siano connessi

"La maggior parte dei rifugiati non ha una data per tornare a casa - e questo può essere molto difficile da gestire. Possiamo migliorare il loro senso di appartenenza imparando la loro cultura e le loro tradizioni, essendo disponibili e interessati ad ascoltare le loro storie ed esperienze".

Inoltre, "possiamo aiutare i rifugiati facilitando i contatti con la famiglia e gli amici - attraverso le piattaforme dei social media o per telefono".

Promuovere la loro salute mentale

Ci sono alcuni segnali a cui prestare attenzione perché possono significare che è necessario cercare un aiuto professionale. Per esempio, quando non riescono a dormire o a soddisfare i loro bisogni primari, così come comportamenti aggressivi, sbalzi d'umore, ansia costante o uso problematico di alcol. In questi casi, chiama il servizio psicologico sulla linea SNS24.