Si chiama modello di interferenza ed è davvero ciò che rende le onde diverse. Le onde possono aggiungere e sottrarre l'una dall'altra. La materia, come la intendiamo noi, non può.

Il modello sul muro era un modello di interferenza. La luce era chiaramente un'onda. Ma attraverso cosa? Era un'onda nello spazio? Non c'è niente nello spazio?

Più confuso

La cosa divenne solo più confusa. Perché fino a quel momento, gli scienziati erano abbastanza sicuri che la luce fosse una particella. Ora, avevano la prova che è un'onda che interferisce con se stessa.

Se immaginate un'onda in una piscina che entra in un muro con due fessure verticali tagliate. Se l'altro lato fosse aperto, l'onda creerebbe un modello di interferenza. Alcune onde si aggiungerebbero a grandi picchi costruttivi, e altre si sottrarrebbero e si negherebbero a vicenda.
La luce e le particelle come gli elettroni sparati dai cannoni elettronici creavano tutti lo stesso effetto. Erano tutte onde.

Ma nel 1927 abbiamo capito come sparare singoli elettroni. Spariamo un elettrone attraverso una delle fessure e vediamo cosa succede. C'era un modello di interferenza delle onde? Il singolo elettrone interferiva con se stesso? Come poteva interferire con se stesso se c'era un solo elettrone?

Così decisero di rilevare da che parte andava l'elettrone, usando un rivelatore chiamato giustamente "Which-way". Perché se interferisce con se stesso deve in qualche modo passare attraverso entrambe le fenditure, giusto?

Quando accendiamo il rivelatore, rileviamo un singolo elettrone che passa attraverso una delle fenditure, il che ha senso. Ma ora non otteniamo un modello di interferenza dell'onda. Otteniamo un modello di particelle? Questo ci confonde.

Quindi pensiamo di spegnere il rivelatore. Questo non può avere alcun effetto. Il rivelatore è stato accuratamente isolato dal sistema. Quando lo spegniamo, il modello torna ad essere un modello di onda.

Quando accendiamo il rivelatore, rileviamo l'elettrone e torna ad essere un modello di particelle.
Deve essere un problema con l'esperimento che continuiamo a dirci fino ad oggi. Incredibile. Quando osserviamo o misuriamo il percorso dell'elettrone, questo smette di comportarsi come un'onda e sembra trasformarsi in una particella.

Non importa nemmeno se lo sapremo in futuro. Se sapremo mai il percorso dell'elettrone, allora si trasformerà in una particella. Questo significa che il passaggio di informazioni all'indietro è possibile?

Principio di indeterminazione di Heisenberg

Questa è la base del Principio di Incertezza di Heisenberg e la causa presunta di Schrodinger che fa la ridicola analogia gatto morto/vivente nella scatola. Non si può osservare e avere anche l'onda. Una versione quantistica dell'onda è sempre più pulita dall'altra parte.
Basta con l'umorismo scientifico nerd.

I risultati di questi esperimenti vanno contro tutto ciò che capiamo del mondo. Normalmente osserviamo la realtà e scriviamo i risultati. Diamo per scontato che stiamo misurando una realtà ferma. In questo caso, però, quando osserviamo il sistema, la risposta cambia.

Tutti i nostri maggiori esperti sono sconcertati dai risultati della doppia fenditura. Einstein stesso era sconcertato da un'azione spettrale a distanza correlata.

L'attuale matematica della meccanica quantistica è ridicola. Riusciamo a malapena a risolvere alcune particelle con la nostra matematica. Creano "dimensioni infinite", molti gradi di libertà nelle teorie delle stringhe e folli teorie geometriche. Ma se fosse semplice come la mente può influenzare la materia? E se fossimo più onde di quanto ci rendiamo conto e la coscienza fosse in qualche modo il collegamento?

Piegare la mente

Se questo non è abbastanza ridicolo, vi portiamo all'esperimento finale e più sconvolgente. Questo esperimento è stato fatto tra il 2012 e il 2014, coinvolgendo 5.000 sessioni umane e 7.000 sessioni di robot.

Gli scienziati hanno fatto meditare le persone a 2 metri da un esperimento laser a doppia fenditura. Poiché è troppo piccolo da vedere, i soggetti del test dovevano immaginare di osservare da che parte andava la luce. I risultati hanno dimostrato con 5sigma di deviazione (5 deviazioni standard) di essere efficaci nel far collassare la funzione d'onda.

Quindi, non hanno creduto ai risultati e hanno fatto un altro esperimento online. Durante un test online, i soggetti dovevano immaginare da che parte andava. I risultati confermarono di nuovo che potevano influenzare l'esperimento indipendentemente dalla distanza. Indipendente dalla distanza!

Se questi risultati sono riproducibili, allora potrebbe mostrare un legame tra la realtà di base della fisica e la coscienza, o almeno il nostro cervello. I soggetti che potevano meditare erano più efficaci.

Il nostro attuale modello del mondo parte da una base di fisica, che permette la chimica, che permette la biologia, che permette la psicologia, e presumibilmente la coscienza. Poiché i nostri pensieri provengono dal nostro cervello altamente sviluppato. Il problema è che questo non permette alcun collegamento tra la coscienza e la fisica, almeno deve passare attraverso molti strati di substrato informativo.

L'autore dello studio, il Dr. Dean Radin, ha raccomandato che la coscienza potrebbe essere lo strato di base. La fisica sarebbe poi sopra a questo, la chimica, la biologia, la psicologia.

Tutto è cosciente

Questo implicherebbe che tutto è cosciente, fino al singolo elettrone. Spiegherebbe anche potenzialmente il mezzo del nulla. Come fa la luce a viaggiare attraverso il nulla? Sicuramente c'è qualcosa lì, qualcosa che non capiamo. Ma questi risultati esistono da più di 200 anni, forse dobbiamo solo pensare un po' diversamente al problema.

Questo modello di coscienza alla base è una filosofia "idealista". Attualmente sono favorevole all'idealismo analitico, ma c'è ancora molto da imparare.
Date un'occhiata al mio canale per saperne di più su questo argomento! Titolo YouTube "Chris Lehto