In un tempo relativamente breve, il progresso da una dittatura a una democrazia moderna è eccezionale.

Sulla strada di notte

Molte persone si lamentano ancora delle condizioni di guida, mi fa sorridere. I ciclomotori (e allora non c'erano grandi moto) non avevano quasi mai una luce posteriore (o un silenziatore!). Un amico fermò un uomo che aveva quasi investito su una strada buia di notte e lo rimproverò (questa è la parola educata). La risposta del conducente del ciclomotore fu: "Perché ho bisogno di una luce posteriore, non ho bisogno di sapere dove sono stato?

Molto peggio erano i carretti degli asini di notte, e ce n'erano molti. Erano molto lenti, naturalmente, e non avevano luci posteriori. Non sono sicuro che avessero luci anche davanti. La maggior parte delle strade erano strette stradine di campagna, e nel buio i motorini e i carretti erano lenti e letali.

Una delle cose affascinanti che vedevi era che se attraversavi un piccolo villaggio, la gente ti salutava. Gli stranieri erano un fenomeno relativamente nuovo.

Dall'Algarve a Lisbona erano diverse ore, molto lente, con strade tortuose e tortuose. Si poteva attraversare il fiume a Lisbona attraverso l'allora nuovo Ponte da Salazar (ponte del 25 aprile). Se si andava in treno, si doveva terminare sul lato sud e attraversare in barca.

Oggi il Portogallo è al quinto posto nel mondo per lunghezza di autostrade pro capite. Solo il Canada e gli Stati Uniti ne hanno di più, in Europa il Portogallo è secondo solo alla Spagna. La Francia è decima, la Germania dodicesima, il Regno Unito non è nemmeno tra i primi venticinque.

Viaggiare in aereo

L'aeroporto di Faro era piccolo, mal progettato e inadatto allo scopo, ma allora era nuovo. Per il Regno Unito si poteva volare solo con TAP o BA. C'erano voli charter, ma non si poteva viaggiare su di essi. I prezzi dei biglietti erano alti o più alti. La maggior parte dei voli erano di giovedì, sabato o domenica. La maggior parte dei residenti di lunga data si ricorderà di essere in piedi vicino ai grandi cancelli che si affacciano sulla pista. Potevi vedere i tuoi amici arrivare e camminare verso il 'terminal'. Tu potevi vederli e loro potevano vedere te, quindi molti saluti erano la norma. Potrebbe esserci stato un 'negozio' duty free o un bancone, ma non riesco a ricordarne uno. Tutto era molto semplice, niente a che vedere con il nuovo aeroporto scintillante che abbiamo ora.

Telecomunicazioni

Tante cose che oggi accettiamo come normali e di routine sono in realtà un vero segno del progresso che ha fatto il Portogallo. Prendiamo le telecomunicazioni. Niente telefoni cellulari, ovviamente, e nemmeno internet. Negli anni '70 non potevi avere un normale telefono fisso a meno che non avessi una priorità, soprattutto medici e preti (e probabilmente politici). La lista d'attesa per avere un telefono era lunga anni, la gente comprava una proprietà solo perché aveva un telefono.

Una chiamata internazionale doveva essere richiesta all'operatore. Una volta prenotata, potevano passare ore prima di essere richiamati con la connessione. Non vi spaventerò nemmeno con il costo delle chiamate.

Le donne in Portogallo hanno sfondato il 'soffitto di vetro'?

Prima della rivoluzione del 1974, le donne erano raramente viste in posizioni manageriali. C'era pochissima uguaglianza di genere negli affari. C'era un certo gruppo sociale di uomini nell'alta dirigenza che portava sempre la giacca sulle spalle. Era una strana abitudine, ormai scomparsa da tempo, che faceva una forte dichiarazione su chi eri e cosa facevi.

L'impressione che ho avuto è che dopo la rivoluzione, la maggior parte degli uomini nel management pensava che non fosse cambiato nulla. Le donne la pensavano diversamente e cominciavano a cogliere le nuove opportunità.

Francese non inglese

Prima e poco dopo la rivoluzione, il francese era la seconda lingua "ufficiale", non l'inglese. Come cambiano le cose. Al giorno d'oggi è difficile trovare qualcuno che non parli inglese, il che è fantastico, ma rende più difficile imparare il portoghese. Allora non c'era scelta. Alcune persone parlavano inglese ma giorno per giorno bisognava imparare. Il turismo era molto nuovo.

Shopping

La grande disponibilità di tutti i tuoi prodotti preferiti, dalla pancetta, al formaggio cheddar e alla maionese, per non parlare di Marmite, non erano disponibili. Se volevi la maionese Hellman's, dovevi guidare fino ad Ayamonte, e molti di noi lo facevano. Non si trattava di un ponte, ma di un piccolissimo traghetto che portava alcune auto in Spagna. Abbastanza economico e regolare, ma ben lontano dalla facilità con cui possiamo viaggiare in Spagna, e oltre.

L'entrata del Portogallo nel mercato comune ha cambiato tutto. Prodotti che non avresti mai immaginato di poter trovare in loco sono affluiti nel paese. Ho guidato fino al confine tra Vila Real e Ayamonte il 1° gennaio, proprio quando siamo entrati nell'UE. Le guardie di frontiera erano ancora in servizio, ma quando ho chiesto, hanno detto: "Non sappiamo cosa fare. Abbiamo visto in televisione che la frontiera è aperta, ma nessuno ce l'ha detto ufficialmente". Ci hanno lasciato passare senza controllare i passaporti.

I villaggi di pescatori erano davvero villaggi di pescatori

Fino all'arrivo del turismo, tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80, quelli che sono ancora descritti in modo affascinante negli opuscoli di viaggio come "villaggi di pescatori", in realtà erano semplicemente villaggi di pescatori. Anche Albufeira era semplice ed essenziale. I residenti stranieri erano pochi e lontani tra loro, e sembrava che tutti si conoscessero.

Cosa non è cambiato?

Ciò che non è cambiato è la notevole ospitalità del popolo portoghese. Una nota rivista di viaggi ha recentemente titolato 'Perché il Portogallo è considerato il paese più amichevole del mondo'. È semplice, il popolo portoghese. L'aria è ancora pulita, le spiagge sono superbe e premiate. Il pesce è ancora fresco come sempre, mangiare fuori costa una frazione del Nord Europa e la criminalità è bassa. Aggiungete a questo le eccellenti telecomunicazioni e la fibra veloce nella maggior parte delle aree edificate. Voli economici, un aeroporto moderno e una vasta rete autostradale non affollata.

Il Portogallo ha fatto progressi incredibili in meno di cinquant'anni. Non è un paese perfetto, ma è molto vicino. Cosa c'è che non va?