Come faceva a saperlo? Beh, la Gran Bretagna ha accusato la Russia di commettere un genocidio in Ucraina, e poiché questo non può essere vero - i russi non si comportano mai male, anche in tempo di guerra - i malvagi britannici stanno creando un pretesto per lanciare un attacco nucleare.

"È l'opzione perfetta", ha spiegato Soloviev. Gli americani non vogliono farlo da soli, perché potrebbero essere colpiti per rappresaglia dalle atomiche russe. È ai britannici che verrà ordinato di usare le loro armi nucleari tattiche in Ucraina, e di subire la ritorsione russa se necessario. (Tutti sanno che il Regno Unito è una colonia controllata dagli americani).

Forse sono solo le solite sciocchezze della propaganda. Dopo tutto, suonerebbe perfettamente plausibile per chiunque ottenga tutte le sue informazioni dai mass media russi. Ma il regime di Vladimir Putin ha la strana ma profondamente radicata abitudine, ogni volta che si prepara a commettere qualche atto vile, di accusare l'altra parte di farlo, o di pianificare di farlo, per prima.

È come un pugile che telegrafa sempre i suoi pugni: non ha alcun senso pratico, ma forse ha senso psicologicamente. In ogni caso, ha sicuramente attirato la mia attenzione, e scommetto che ha fatto lo stesso nei circoli strategici di alcune capitali occidentali.

Soloviev è un chiacchierone, ma è una vera e propria celebrità, su tutta la televisione russa e il più vicino a Putin come chiunque altro nei media. Ha diversi spettacoli sul canale statale Rossiya-1, il più grande della Russia, e lo spettacolo di domenica scorsa è stato abbellito dalla presenza di Margarita Simonyan, la propagandista preferita di Putin.

Forse era solo una speculazione oziosa per riempire il tempo del talk-show, o forse era un tentativo di screditare i molti rapporti sui crimini commessi dalle truppe russe in Ucraina - ma forse era un tentativo iniziale di giustificare e normalizzare l'eventuale uso di armi nucleari tattiche russe contro le forze ucraine.

Sono incline a dare più peso alle prime due possibilità, semplicemente perché la pianificazione in avanti non è stata la caratteristica del comportamento militare russo in questa guerra. Ma ecco quello che le persone incaricate della pianificazione di contingenza starebbero dicendo a Putin in questo momento, se c'è qualcuno a casa nel dipartimento di previsione strategica delle forze armate russe.

La grande offensiva russa che inizia questa settimana in Ucraina orientale potrebbe catturare abbastanza territorio per Putin per congelare la situazione e dichiarare una vittoria, ma richiederebbe molte settimane e comporterebbe ulteriori enormi perdite. E potrebbe non avere successo, anche dopo tutto questo.

Infatti, c'è una possibilità uguale o maggiore che l'offensiva russa si fermi, o addirittura che l'esercito russo si perda d'animo e si dissolva (come fece contro i giapponesi nel 1905, contro i tedeschi nel 1917 e contro i polacchi nel 1920).

Ammettere la sconfitta contro un avversario molto più piccolo come l'Ucraina, dopo aver deliberatamente iniziato la guerra, metterebbe il regime di Putin a rischio mortale, quindi quali sono le migliori opzioni rimaste al Grande Leader? Ce n'è solo una, in realtà. Escalation.

Questo è ciò che Putin fa sempre quando è nei guai, e l'unica escalation che potrebbe cambiare il corso degli eventi a quel punto sarebbe nucleare. Solo minuscole armi nucleari, naturalmente: questo sarebbe un bluff per spremere qualche concessione dagli ucraini e tenere a bada la NATO, non una decisione di commettere un suicidio nazionale (inclusa l'estinzione personale per Putin).

La Russia ha delle armi nucleari "tattiche" molto piccole - un chilotone o meno. Nessun altro si preoccupa di costruirle così piccole, ma allora nessun altro esercito vede ancora di riflesso le armi nucleari, indipendentemente dalle dottrine formali di deterrenza, come un tipo di artiglieria più grande.

Usatene una in un'esplosione aerea su una piccola città ucraina o anche su una posizione militare ucraina, e ucciderete solo poche migliaia di persone, comprese le vittime del fallout. E forse - solo forse - questo spaventerà gli ucraini e la NATO a dare a Putin una vittoria parziale per salvare la faccia.

Quindi, se si arriva a questo - non sto predicendo che accadrà, ma potrebbe - cosa dovrebbe fare la NATO? La risposta, quasi certamente, è: NON FARE NULLA DI NUCLEARE.

Condannare il primo uso russo di armi nucleari, naturalmente, e guardare il mondo intero unirsi al coro. L'Ucraina dovrebbe continuare le operazioni militari come se non fosse successo, tranne che a questo punto potrebbe chiedere nuovamente alle forze della NATO di fornire supporto aereo all'interno dei suoi confini e la NATO dovrebbe acconsentire. E tutti sperano per il meglio.

Qual è l'alternativa? Entrare in una guerra nucleare tattica titolata sul suolo ucraino? Bombardare Mosca? Non siate stupidi.