Marcus André mi ha detto che è uno spettacolo "dove un'immagine vale più di mille parole": "Da frasi a caso di Agostinho Silva, Mia Couto, Afonso Cruz o Lewis Carroll, intraprendiamo un viaggio che ci porta dalla creazione di Adamo fino alla sua autodistruzione. Era questo il piano di Dio fin dall'inizio? Apriamo le porte alla riflessione delle domande più profonde dell'umanità: da dove veniamo? Chi siamo? Cosa ci facciamo qui? Siamo considerati gli esseri più intelligenti e razionali della terra, eppure siamo gli unici con la capacità di estinguere la nostra stessa specie. Perché?"

Performance visiva

Lo spettacolo comprende danza, canto e alcuni testi in portoghese, e Marcus mi ha assicurato "che la performance è molto visiva, il che permette a tutte le nazionalità di capire e godersi lo spettacolo", aggiungendo che "Nuno Marreiros sta effettivamente insegnando il portoghese agli stranieri, quindi hanno fatto in modo di usare parole più facili da capire".

Lo spettacolo include il tema ""siamo tutti rifugiati" in un modo o nell'altro" con Marcus che spiega che "ho studiato teatro musicale a Londra e ho sempre voluto fare uno spettacolo che è molto una performance e che esplora l'idea dei rifugiati, non specificamente dal Medio Oriente e dall'Ucraina ora, ma credo che siamo tutti rifugiati perché tutti veniamo da qualche parte e i nostri antenati vengono da qualche parte".

Fuori dagli schemi

Ha aggiunto che "sono stato anche ispirato da Grotowski, che è un professionista che ha fatto spettacoli molto basati sul terreno e io amo gli spettacoli che vanno fuori dagli schemi e dagli edifici normali, ed è per questo che questo spettacolo può essere eseguito ovunque, con il piano di portare lo spettacolo in più comuni dell'Algarve".

Per quanto riguarda il cast, Marcus mi ha detto: "Siamo quattro donne ed io, tutte di età diverse, tutti con background diversi, l'unica cosa che ci unisce è la lingua", spiegando che il cast sono "i suoi ex studenti di un workshop che ha condotto e che stanno provando a Lagoa da gennaio", aggiungendo che "non avrei mai immaginato che lo spettacolo sarebbe caduto nel periodo che stiamo vivendo ora, quando abbiamo iniziato le prove non c'era la guerra in Ucraina".

Testare le acque

Marcus mi ha detto che si sta davvero concentrando sullo sviluppo della scena culturale in Algarve, ed è per questo che ha aperto un'agenzia di recitazione qui e ha usato i workshop come un mezzo per testare le acque e vedere chi può andare sul set un giorno perché "non possiamo più vivere di turismo perché ogni volta che c'è una crisi, il turismo è il primo ad essere colpito."

Non c'è un prezzo d'ingresso fisso per assistere a questo imperdibile spettacolo ma è richiesta una donazione perché i fondi andranno a sostenere un orfanotrofio in Ucraina. Per maggiori informazioni e per prenotare i biglietti, chiamare il numero 282 380 452.