I politici conservatori che hanno fatto notizia la scorsa settimana, ha scritto, erano "un molestatore di bambini, un adultero seriale e un bugiardo compulsivo, un bello ma moralmente fallimentare mago della finanza, e un bullo che manda gli immigrati in Ruanda".

"Questo è meno simile a un governo e più simile a una squadra speciale di criminali condannati a cui viene data la libertà in cambio dell'accettazione di una missione impossibile dietro le linee nemiche in un film di guerra finanziato dall'Italia negli anni '70. Operazione Dynamite Bastardi!!!!"

Imran Ahmad Khan, un membro conservatore del parlamento, si è dimesso dopo essere stato condannato per aver aggredito sessualmente un ragazzo di 15 anni, ma la vera storia è che un altro deputato Tory, Crispin Blunt, un ex ministro della giustizia, ha condannato la sua condanna come "uno scandalo internazionale, con terribili implicazioni più ampie per milioni di musulmani LGBT+ in tutto il mondo."

L'"adultero seriale e bugiardo compulsivo" era naturalmente il primo ministro Al "Boris" Johnson, che si rifiuta ancora di negare che non ha più figli dei sette che ammette di aver avuto da varie madri. Ma era la parte "bugiardo compulsivo" dell'accusa che stava ricevendo più attenzione la scorsa settimana.

Quella era davvero una questione legale. Per più di un anno il governo conservatore è stato perseguitato dal 'Partygate', uno scandalo in corso su numerose feste a base di bevande nella casa e ufficio combinato del primo ministro, il n. 10 di Downing Street, anche quando l'intero paese era in isolamento.

Le regole dell'epoca, pubblicizzate dallo stesso Johnson alla televisione nazionale, dicevano che non più di due persone di famiglie diverse potevano stare insieme in casa se non per motivi di lavoro. Tuttavia, le feste al Numero Dieci erano quasi settimanali: feste di compleanno, feste di addio, feste del Grazie a Dio è Venerdì. C'era persino un frigo per le bevande in ufficio.

Le rivelazioni su queste feste sono venute fuori una dopo l'altra a partire da circa un anno fa, ognuna negata da Johnson sia al pubblico che in parlamento (dove mentire deliberatamente è un reato di dimissioni). Alla fine la polizia è stata coinvolta, dato che si trattava di reati penali, e le prime multe sono state comminate a Johnson e ad altri alti conservatori la scorsa settimana.

La polizia si sta occupando delle infrazioni una alla volta, a goccia a goccia, e a Johnson spettano fino a cinque altre multe. Dovrà anche sfogarsi per aver mentito al parlamento, e mentre la maggioranza conservatrice lo salverà per il momento, il suo partito ha irrimediabilmente perso fiducia in lui

Il "bello ma moralmente fallito mago della finanza" è Rishi Sunak, il Cancelliere dello Scacchiere (ministro delle finanze), che era universalmente visto come il principale rivale di Johnson e possibile sostituto - fino a quando è caduto in disgrazia un paio di settimane fa. Anche lui è stato multato per i partiti, ma il suo problema più grande sono le sue finanze personali.

Prima è venuto fuori che la moglie di Sunak, un'ereditiera indiana, ha sfruttato una scappatoia fiscale per evitare di pagare le tasse britanniche sul suo reddito da dividendi di 15 milioni di dollari all'anno. Tutto quello che ha dovuto fare è stato dichiarare che non aveva intenzione di rimanere nel Regno Unito in modo permanente - il che potrebbe essere vero, perché poi è venuto fuori che Rishi e lei avevano entrambi mantenuto le loro carte verdi emesse negli Stati Uniti.

Questo mette fine alle ambizioni di Sunak come primo ministro - e poi c'è il "bullo che manda gli immigrati in Ruanda", il ministro degli Interni Priti Patel. Ha annunciato il piano la scorsa settimana mentre consegnava un acconto di 120 milioni di sterline al dittatore ruandese Paul Kagame per togliere i richiedenti asilo dalla Gran Bretagna.

Probabilmente è illegale, e Patel senza dubbio si rende conto che non accadrà mai veramente. Sta solo gettando un po' di carne rossa agli elettori razzisti e anti-immigrati che hanno giocato un ruolo importante nel mettere Johnson & Co. al potere nelle ultime elezioni. Ma non ha risolto il problema più grande, che è cosa fare di Johnson. Nessuno lo ha fatto.

La popolarità di Johnson nel partito e nel paese è crollata, e anche la sua recente postura sub-Churchilliana in Ucraina non ha fatto nulla per ripristinarla. Ma dopo il declino della stella di Rishi Sunak, i conservatori non hanno nessun altro candidato che possa solleticare la fantasia dell'elettorato. Inoltre, Johnson non se ne andrà certamente senza combattere.

Il risultato più probabile è lo stallo: un governo impopolare che si dirige verso una crisi del costo della vita senza una strategia visibile e a due anni dalle prossime elezioni. Non hanno una politica al di là della "Brexit", che non ispira più nemmeno i suoi ex entusiasti, e il desiderio più grande dei loro nemici è che Johnson rimanga in carica fino alle elezioni.

Probabilmente lo farà.