Poi il ciclone Idai a fine marzo, che praticamente distrugge la città di Beira in Mozambico, uccidendo più di 750 persone. Tre settimane dopo la depressione subtropicale Issa colpisce la costa orientale del Sudafrica, uccidendo 450 persone nell'area di Durban. Letteralmente milioni di persone senza casa in Tanzania, Mozambico e Sudafrica in tre mesi.

E il punto è che solo cinque anni fa c'erano solo una o due di queste tempeste all'anno nella regione. Quindici anni fa, la media non era nemmeno una all'anno. "Ci sta dicendo che il cambiamento climatico è serio, è qui", ha detto il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa. Ben individuato, signore. Un po' tardi, però.

Cicloni nell'Oceano Indiano, tifoni nel Pacifico occidentale, uragani nei Caraibi - è la stessa bestia, solo con nomi diversi. Allo stesso modo le "tempeste tropicali" e le "depressioni subtropicali"; di nuovo la stessa bestia ma con una velocità del vento inferiore. Ancora abbastanza per strappare il tetto della tua baracca, però, e forse affogarti se vivi sul lato di un burrone.

Quello che è sorprendente è come sono tutti sorpresi quando il futuro che gli scienziati e gli attivisti hanno predetto per anni finalmente arriva. Non hanno ricevuto il promemoria?

Non è scienza missilistica. Quando la temperatura globale aumenta, riscalda la superficie dell'oceano. Quando la superficie del mare è sopra i 26,5 gradi Celsius (80°F), ha abbastanza energia per alimentare uragani/cicloni/tifoni. L'Oceano Indiano occidentale è ora al di sopra di quella temperatura alla fine dell'estate e all'inizio dell'autunno (gennaio-aprile), quindi ovviamente sta generando cicloni.

I politici dell'Africa meridionale non sono particolarmente derelitti in questo senso. L'intera professione politica è congenitamente incapace di concentrarsi sul lungo termine per più di venti minuti alla volta, perché le pressioni per risolvere i problemi a breve termine sono schiaccianti. Non è un difetto del processo politico; è una caratteristica.

Non ha senso parlarne con i politici giapponesi o giamaicani, perché sono abituati al fatto che saranno colpiti da queste devastanti tempeste tropicali di tanto in tanto. Sanno - o pensano di sapere - che non c'è niente che si possa fare a riguardo, tranne costruire migliori difese marine e rifugi più forti. Ma potrebbero sbagliarsi.

La gente dice che non si può fare nulla per il tempo, ma in realtà potrebbe essere possibile indebolire o addirittura fermare queste tempeste. E forse l'Africa meridionale è il posto giusto per provarci, perché non si sono ancora abituati a una costante processione di violente tempeste tropicali. Potrebbero anche essere aperti all'idea di non doversi abituare.

L'anno scorso ho intervistato un professore di ingegneria in pensione, Stephen Salter, che ha iniziato a lavorare su un progetto di raffreddamento del clima diversi decenni fa, in collaborazione con il Prof. John Latham, un rinomato scienziato del clima. Latham è morto l'anno scorso, ma il progetto è pronto per iniziare a costruire prototipi, e potrebbe davvero funzionare.

L'idea è quella di costruire una flotta di navi senza equipaggio, alimentate dal vento e guidate dal satellite, che si posizionano sotto le nuvole basse e sottili che sono molto comuni negli oceani tropicali - 'nuvole marine stratocumulo' - e spruzzano una nebbia fine di acqua che le addensa in modo che riflettano più luce solare.

Rifletti più luce solare e raffreddi l'intero pianeta - ma in particolare raffreddi la superficie dell'oceano sotto quelle nuvole. C'è già un piccolo team della Southern Cross University nel Queensland che sta sperimentando questa tecnologia come mezzo per raffreddare le acque al largo dell'Australia nord-orientale e salvare i coralli della Grande Barriera Corallina.

Le grandi tempeste tropicali "nominate" si formano tipicamente in aree ben definite degli oceani Atlantico, Indiano e Pacifico che non sono ingestibilmente grandi per le flotte mobili di navi a spruzzo. Basta abbassare la temperatura della superficie del mare di un grado o meno, e la maggior parte delle tempeste che si stanno formando non saranno mai abbastanza grandi da guadagnarsi un nome.

Vale la pena provare, e forse l'Africa meridionale è abbastanza nuova a questo tipo di tempo da credere che possa essere fermato. Il Sudafrica dovrebbe prendere l'iniziativa, perché è lì che si trova la maggior parte del denaro e delle competenze scientifiche e ingegneristiche, ma è un problema che riguarda tutta la costa orientale del continente.

In effetti, è una tecnologia che interessa tutto il mondo. Avremo quasi certamente bisogno di tecnologie per tenere bassa la temperatura globale mentre lavoriamo per eliminare le nostre emissioni di gas serra, e questa sarebbe una forma relativamente delicata, controllabile ed economica di geoingegneria.

Sarebbe anche un progetto di importanza scientifica e politica globale guidato da africani, il che è qualcosa che è atteso da tempo.