Qualsiasi lettore abituale di The Portugal News avrà notato che quasi ogni settimana viene annunciato un nuovo investimento in hotel, sviluppo turistico ecc.

Negli anni '70 e nei primi anni '80 c'erano cinque hotel a 5 stelle in Algarve. Si chiamavano le cinque sorelle. L'Hotel Dona Filipa a Vale do Lobo, l'Hotel Balia appena fuori Albufeira, l'Hotel Algarve Praia da Rocha, l'Hotel Penina vicino ad Alvor e l'Hotel Alvor Praia. Ogni anno una delle cinque sorelle organizzava una magnifica festa per i professionisti e la stampa per celebrare la loro posizione unica in Algarve.

All'epoca, e sottolineo all'epoca, il livello del servizio era a volte un po' inferiore alle cinque stelle, erano buoni, ma non di un livello internazionale di lusso e di servizio. L'Hotel Balia è diventato un hotel Club Med e si è ridotto a tre o quattro stelle. Gli altri rimasero proprietà a cinque stelle.

Le grandi catene alberghiere arrivano in Algarve

Grandi investitori sono stati coinvolti in queste proprietà, la proprietà è passata di mano molte volte. Qualunque sia la tua opinione sul futuro del turismo in Algarve, è ovvio che i grandi attori stanno investendo pesantemente. I grandi nomi familiari sono ora presenti, Hilton, Sheraton, Conrad, Marriot, Hyatt, Meliá Hotels & Resorts, Wyndham Grand e nomi più recenti come Vila Joya (che vanta un ristorante con due stelle Michelin), Vilalara, e l'ormai massiccia catena portoghese Pestana.

Tutte queste compagnie hanno identificato il Portogallo, e specialmente l'Algarve, come un'importante area di crescita turistica. La crescita è iniziata lentamente negli anni 90, ma negli ultimi dieci anni gli investimenti sono saliti alle stelle.

Secondo il rapporto di Lodging Economics, che studia la "pipeline" dei progetti di costruzione nel settore alberghiero, il Portogallo è al quarto posto nel volume dei progetti di costruzione alberghiera: "I paesi leader nella pipeline di costruzione in Europa sono il Regno Unito con 335 progetti/52.086 camere, la Germania con 271 progetti/48.883 camere, la Francia con 156 progetti/18.680 camere, il Portogallo con 120 progetti/14.521 camere".

Sono altre 14.521 camere in fase di pianificazione e costruzione, oltre agli hotel già esistenti. Guardando al terzo trimestre del 2021 cambia poco. Lisbona ha 35 progetti/4.120 camere. Nel 2022, altri 11 hotel con 1.980 camere apriranno le loro porte. Altri sette saranno completati nel 2023, altri otto apriranno nel 2024 e oltre.

Proprietà a quattro e cinque stelle

Dei 42 progetti in cantiere in Portogallo, poco meno del 75% sarà nella categoria a quattro stelle. Gli altri saranno nel segmento di lusso a cinque stelle. Il governo portoghese gestisce un'iniziativa, il programmaRevive, che offre proprietà pubbliche disponibili per investimenti privati con particolare attenzione all'ospitalità. All'ultimo conteggio c'era una lista di quindici siti o edifici "storici" da riqualificare in alloggi turistici. Questi includono palazzi, fortezze, monasteri, persino una vecchia caserma di fanteria.

Il ministro dell'economia, Manuel Caldeira Cabral ha recentemente pubblicato un piano per lo sviluppo del turismo portoghese fino al 2027 "Guidare il turismo del futuro". Ha dichiarato: "Guidare il turismo del futuro significa quindi affermare il posto del Portogallo come una destinazione sostenibile con un territorio coeso, innovativo e competitivo, un paese che valorizza il lavoro e il talento. Una destinazione da visitare, in cui investire, vivere e studiare. Un paese inclusivo, aperto e tecnologico che si è posizionato come un polo specializzato nel turismo".

Sostegno ufficiale a tutti i livelli

A qualsiasi livello si guardi al turismo, dal punto di vista dei grandi investitori, delle amministrazioni locali o del governo nazionale, tutti "cantano la stessa canzone". Una continua e forte crescita del mercato turistico è l'obiettivo principale.

Le ragioni sono ovvie, il Portogallo ha un'"offerta" unica per i visitatori. È un piccolo paese con un grande cuore. I visitatori ricevono un benvenuto genuino, di solito non solo un sorriso artificiale. L'inglese è parlato ovunque, non solo negli hotel e in altri luoghi, ma anche nei negozi locali, nei taxi, nei ristoranti e nei caffè (altrettanto bene per gli inglesi).

Il Portogallo vince altri 'Oscar' del turismo

Si può guardare ai premi con un certo scetticismo, ma i World Travel Awards, conosciuti anche come gli "Oscar del turismo", sono una guida affidabile. I premi distinguono i migliori esempi di buone pratiche nel turismo, su scala globale, dal 1993. Le votazioni vengono effettuate dal pubblico e da più di 200 mila professionisti del settore, provenienti da 160 paesi. L'anno scorso sono stati contati più di due milioni di voti, battendo così l'ultimo record di 1.945.965 voti.

L'Algarve è stato votato come migliore destinazione balneare d'Europa. Madeira ha vinto come migliore destinazione insulare d'Europa. Lisbona ha vinto 13 premi ai World Travel Awards, tra cui la migliore destinazione per le vacanze in città nel mondo negli ultimi quattro anni. Il Portogallo si è distinto con dieci, tra cui la migliore destinazione europea nel 2017, 2018, 2019 e 2020. Purtroppo, dopo quattro anni consecutivi, il Portogallo ha perso la posizione di migliore destinazione in Europa a favore della Grecia. Ci sono sempre i premi del prossimo anno!

Ai Worlds Golf Awards (tenuti in Spagna), il Portogallo ha vinto la categoria della "Migliore destinazione golfistica del mondo" per il quinto anno consecutivo, battendo le sfide di Spagna, Abu Dhabi, Sudafrica, Argentina, Stati Uniti, Nuova Zelanda, Repubblica Dominicana e Vietnam.

Da cinque a cinquanta

L'Algarve ha iniziato il periodo post rivoluzione con appena cinque hotel e resort a 5 stelle. All'ultimo conteggio (fonte Bookings.com) ce ne sono ora più di cinquanta, e altri sono in fase di progettazione o costruzione.

Siate grati che il Portogallo e l'Algarve stiano rimanendo sull'obiettivo per la fascia di lusso del mercato. Qualità, non quantità. Sembra che nulla fermerà il turismo, ma almeno avremo la crema del mercato turistico.