Prima di tutto, per qualsiasi elettore britannico, è praticamente impossibile risultare completamente imparziale su questa questione ancora spinosa. Dopo tutto, o abbiamo votato per lasciare o abbiamo votato per rimanere. Forse la cosa più vicina a una posizione di imparzialità è se ci fossimo astenuti e non avessimo votato affatto al referendum sulla Brexit? Francamente, non biasimo nessuno di quelli che non hanno votato perché c'è stato un sacco di flimflam e di rumore generale, ma non c'era molto di genuino senso che galleggiasse durante l'intera campagna. Era tutto molto carico e pochi argomenti relativi alla Brexit sono stati discussi spassionatamente. È stato tutto piuttosto sgradevole.

Quindi come ho votato? Bene. Ho votato per lasciare. Me ne pento? Per alcuni aspetti sì, ma per altri no. Penso che la vita sia migliorata dopo la Brexit? Non proprio, ma ammettiamolo e siamo del tutto sinceri, il mondo in generale ha dovuto successivamente affrontare problemi molto più grandi dell'uscita della Gran Bretagna da un blocco commerciale. Penso che le cose siano peggiorate dopo la Brexit? Beh, una combinazione della pandemia e dei misfatti di Putin hanno sicuramente contribuito a rendere la vita molto più difficile - e non solo nel Regno Unito. La Brexit è stata messa in secondo piano. La notizia di ieri.

Backburner

Molti sceglierebbero di identificare la Brexit come la causa principale di tutti i nostri problemi attuali, ma chiaramente non è così. Gli occhi della politica sono stati decisamente distratti all'indomani della Brexit, quando Covid ha colpito. Molti stanno crollando mentre il Parlamento britannico continua a discutere su chi ha "illegalmente" consumato birra e mangiato torte di compleanno durante il blocco della pandemia, piuttosto che vedere le nostre figure politiche occuparsi di cose importanti come gestire il paese. Questo lo trovo assolutamente bizzarro. Sono convinto che abbiamo il gruppo sbagliato di persone in Parlamento (di tutti i colori)! Se questa è la qualità del discorso, mi dispero davvero.

Passo un bel po' del mio tempo in Portogallo e devo confessare che ho difficoltà a trovarvi troppi sostenitori della Brexit. Dopo tutto, gli espatriati hanno scelto una vita in uno stato membro dell'UE, quindi questa fedeltà a Bruxelles non mi sorprende del tutto. Quello che a volte mi sorprende è la forza del sentimento che alcuni espatriati hanno ancora contro la Brexit, presumibilmente perché la Brexit ha dato loro una serie di ostacoli aggiuntivi (e costi) che prima non esistevano. Posso capire come la Brexit abbia sconvolto alcuni carrelli di mele lungo la strada.

Buono per il Portogallo

Suppongo che, in qualche modo, la Brexit sia stata una buona cosa per il Portogallo. Ha certamente spinto un certo numero di espatriati a richiedere formalmente la residenza piuttosto che trovarsi di fronte alla temuta regola dei 90 giorni. Prima della Brexit, ricordo che molti "residenti" in buona fede trovavano un po' ingiusto, una volta presi i loro impegni per una vita stabile in Portogallo, mentre altri andavano avanti e indietro (giocando con il sistema) ed evitavano di fare "il grande passo" e abbracciare i vari impegni che comporta il trasferimento in un altro paese. Quindi, immagino che la Brexit risolverà questo problema quasi per la legge delle conseguenze non volute?

Sono un fermo sostenitore del vecchio adagio "Se non è rotto, non aggiustarlo" e ammetto che per quanto ho potuto vedere, il Regno Unito era saldamente inserito in un accordo a lungo termine come parte della CEE/UE. Le cose andavano abbastanza bene e, nel complesso, il Regno Unito sembrava relativamente in pace con se stesso. Non esisteva una cosa come un "Remainer" o un "Leaver" e in nessun modo nessuno di noi ha ritenuto opportuno sputare veleno l'uno contro l'altro su questioni che erano in gran parte di nessuna preoccupazione tangibile per la grande maggioranza della popolazione.

I Tories di Cameron

Ma (ed è un grande ma) i Tories di Cameron hanno vinto le elezioni generali del 2015. È stata una vittoria piuttosto convincente contro il partito laburista di Ed Milliband. Durante la campagna, David Cameron aveva fatto la promessa di concedere al paese l'opportunità di scegliere, una volta per tutte, se volevamo rimanere parte dell'UE o se avremmo preferito uscire. Milliband non avrebbe concesso quel referendum, quindi una convincente vittoria dei Tory è stata vista come un mandato per un referendum sulla Brexit da tenersi finalmente. Il Parlamento ha quindi votato di conseguenza e il referendum è stato concesso.

In modo controverso, i Tory vittoriosi hanno speso 9 milioni di sterline di denaro dei contribuenti per spedire un volantino ad ogni famiglia del Regno Unito in cui si raccomandava ardentemente di votare per rimanere in una nuova relazione modificata con l'UE (modifiche che non sono riuscite a trasparire essendo state respinte dall'UE). Si diceva anche, molto chiaramente, che qualunque cosa la maggioranza avesse scelto durante il voto referendario (indipendentemente dai margini) avremmo visto il risultato finale essere onorato. In effetti saremmo stati o dentro l'UE o fuori dall'UE. Non c'era una scelta intermedia in offerta. Remain vs. Leave. Questo era tutto.

Una scelta semplice

Quindi. Senza badare a quanta rotazione politica ci sarebbe stata, o quante frottole sarebbero state dette da qualsiasi parte (standard nella maggior parte delle elezioni) - doveva essere una semplice scelta binaria. Una scelta che saremmo stati tutti liberi di fare. Sì, le questioni erano complesse, ma la scelta di come il Regno Unito sarebbe stato governato non lo era. O avremmo scelto "più Europa" o avremmo scelto di confidare che le nostre autorità si assumessero TUTTE le responsabilità di governo - all'ingrosso.

Nessuno dei loro doveri sarebbe stato successivamente delegato o esternalizzato se si fosse scelta la Brexit.

Molti non erano del tutto sorpresi di vedere così tanti parlamentari essere così apertamente a favore di Bruxelles. Sembrava che gran parte del loro carico di lavoro fosse già stato spedito lì da tempo. Alcuni hanno anche visto un gruppo crescente di politici in pensione (o meno realizzati) nominati in comode posizioni di alto livello nell'UE, con stipendi generosi e pensioni ancora più generose. Non c'è da stupirsi che la fedeltà a Bruxelles fosse così pesantemente favorita da oltre l'80% delle "élite" di Westminster. Non c'è da stupirsi che ci fosse una resistenza così palpabile alla Brexit, non ultimo dallo Speaker Bercow con l'adesivo LibDem assolutamente imparziale e rozzo di sua moglie "b*!!cks to Brexit"!

"Se non è rotto - non aggiustarlo"

Ma quando tutto è detto e fatto, confesso ancora di desiderare quei tempi pre-Brexit, pre-pandemia, pre guerra in Ucraina. Chi non lo farebbe? Sono ancora nel campo del "se non è rotto, non aggiustarlo". Ma detto questo, ci è stata data una scelta e una scelta è stata fatta. Sarebbe abbastanza bello non sentire quelli su lati opposti ancora chiamare i loro numeri opposti come bugiardi, ignoranti pazzi che sono stati costretti o indottrinati a votare o anche a pensare in un modo diverso dalle loro stesse posizioni. Sapevo per cosa stavo votando, quindi perché io o chiunque altro dovremmo supporre per un secondo che chiunque altro non sia ugualmente qualificato per giungere alle proprie conclusioni personali. Certamente, dobbiamo aver superato tutte quelle cose amare e offensive ormai?