Seguendo la politica di responsabilità sociale di Klépierre, proprietario e gestore di più di 100 centri commerciali in Europa, si è associato a ColorADD, "un sistema di base che permette di identificare i colori attraverso simboli grafici, rendendo l'esperienza delle persone con daltonismo più inclusiva, sicura e facile."

"Dopo che il codice è stato implementato a Espaço Guimarães, era il momento per il centro commerciale del Barlavento Algarve di far parte di questa iniziativa. Il codice è stato implementato in tutto il centro commerciale Aqua, dal parcheggio alle varie aree di utilizzo da parte dei clienti, fino ai bidoni per il riciclaggio".

Il deficit di visione dei colori colpisce 350 milioni di persone nel mondo (circa il 10% della popolazione maschile e lo 0,5% di quella femminile). I colori sono un elemento essenziale di identificazione, orientamento o scelta e questo strumento è universale e trasversale e permette un mondo più inclusivo e accessibile a tutti. In un mondo in cui il 90% della comunicazione avviene attraverso il colore, questa iniziativa mira ad aumentare l'accessibilità universale, fornendo maggiore comfort e sicurezza al pubblico daltonico.

All'evento, ho incontrato l'ideatore e fondatore di ColorADD, il designer portoghese Miguel Neiva, che nel 2000 ha deciso di creare un sistema di identificazione dei colori semplice, universale e inclusivo per le persone con deficit di visione dei colori, senza sapere l'impatto che avrebbe avuto in tutto il mondo. Crede fortemente nella costruzione di un mondo in cui l'inclusione sociale delle persone con deficit di visione a colori diventi la norma: "Ho iniziato ColorADD perché sentivo che la società aveva dimenticato il daltonismo. Purtroppo non c'è una cura e lo stigma è ancora presente, quindi era anche importante aumentare la consapevolezza attraverso l'educazione."

Presentazione di ColorADD

Alla presentazione di Aqua, siamo stati raggiunti dai bambini della scuola primaria del Colegio do Rio di Portimão che hanno partecipato a varie attività cromatiche indossando un paio di occhiali con filtro cromatico. L'uso degli occhiali filtranti era quello di rendersi conto dell'enorme impatto che questo disturbo visivo ha sulla vita quotidiana. Miguel mi ha detto che "volevo che le persone fossero in grado di sperimentare effettivamente cosa significa essere daltonici piuttosto che sentirne solo parlare, potevano sperimentarlo di persona attraverso queste lenti" e ha affermato che "queste attività sono importanti, educare i bambini insegna anche agli adulti e aumenta la consapevolezza".

Abbiamo discusso lo stigma legato al daltonismo e il suo impatto sull'autostima con "il 41% che sente che è difficile integrarsi nella società". Ho imparato da Miguel che "le persone con il daltonismo soffrono in silenzio e ha spiegato che i bambini spesso lo nascondono a scuola dimenticando le loro matite colorate a casa e chiedendo di prendere in prestito alcuni colori a scuola."Inoltre, una percentuale sbalorditiva di persone daltoniche viene diagnosticata solo a 20 anni, e Miguel ha spiegato che "l'83% ha avuto il suo daltonismo non rilevato fino all'età di 20 anni". Il messaggio di Miguel parlava chiaro: "Il nostro mondo è fatto di colori, ma dobbiamo facilitare il colore per coloro che hanno un deficit di visione dei colori e che non dovrebbero essere limitati dalla società e dovremmo essere sensibili agli altri".

Come funziona il codice

ColorADD è un linguaggio universale che mira a dare autonomia al pubblico daltonico rappresentando i tre colori primari (blu, giallo e rosso) attraverso simboli grafici. Attraverso la conoscenza acquisita della "Teoria dell'addizione dei colori" i simboli possono essere messi in relazione e l'intera paletta dei colori identificata. Il bianco e il nero indicano i toni chiari e scuri. "Diventa un gioco mentale facile da memorizzare e da usare nelle situazioni quotidiane".

Miguel ha dichiarato "Vogliamo che questa iniziativa sia un contributo per migliorare e semplificare la vita di tutti coloro che, per le loro caratteristiche visive - daltonismo - sono privati di fare con indipendenza e tranquillità qualsiasi atto in cui il colore è un fattore determinante.

Dove è già implementato il codice?

ColorADD ha una partnership con più di 300 aziende ed enti, con più di 75 paesi in contatto diretto con il codice: "Con più di 100 milioni di etichette ColorADD in abbigliamento, tessile e scarpe (compresi i cataloghi), oltre 6 milioni di matite da colorare con il codice, libri di testo, sistemi di trasporto (per esempio segnaletica e mappe), città e amministrazione comunale (per esempio mappe turistiche, eventi e accessibilità pubblica, bidoni di riciclaggio con il codice nella segnaletica, bandiere da spiaggia, scuole, biblioteche, tra molti altri). Assistenza sanitaria e ospedali (accessibilità ed etichettatura farmaceutica), rivenditori alimentari (etichetta semaforica nutrizionale), calcio e sport (segnaletica di sicurezza) e giochi come UNO".

APP ColorADD

Hanno anche creato un'utile app in inglese e portoghese chiamata ColorADD-The Color Alphabet che include il rilevamento e il riconoscimento dei colori in tempo reale e il riconoscimento dei colori delle immagini della galleria del telefono. È una soluzione che fornisce indipendenza e autonomia nella vita quotidiana delle persone daltoniche, completando la presenza del codice ColorADD in prodotti e servizi. L'applicazione può essere scaricata su App Store o su Google Play.

Per ulteriori informazioni, consultare https://www.coloradd.net/en/about-us/ o cercare @ColorADDoficial su Facebook.