Dover dal Galles settentrionale è un viaggio a sé stante, ma facilmente fattibile in sei-otto ore. La situazione si è fatta un po' preoccupante quando mi sono reso conto che il gasolio stava diventando difficile da trovare vicino al porto. La causa è stata l'aumento dei prezzi in Francia, che ha spinto automobilisti e camionisti a fare il pieno nel Regno Unito. Non è stato un buon segno quando abbiamo scoperto che anche in Francia c'era carenza di carburante. Ma abbiamo superato questi problemi rabboccando poco e spesso, sfruttando al massimo i piazzali con ampie scorte.

Tra la fine di marzo e l'inizio di aprile (2022), abbiamo attraversato la Francia settentrionale, innevata e con un freddo fuori stagione. Un percorso verso sud che ci ha portato a Rouen, Le Mans, Tours e Poitiers, dove abbiamo finito le scorte il primo giorno. Fermandoci in un campeggio nelle vicinanze, la nostra auto di proprietà con letto ad aria, sorprendentemente accogliente, ci ha fornito una sistemazione improvvisata dopo essere stati delusi da un host di Airbnb. Ci siamo svegliati in una mattinata frizzante e gelida, in riva al fiume Vienne che serpeggia lentamente. Un'esperienza molto piacevole.

Angouleme

Stanchi da due giorni di viaggio, la nostra tappa successiva è stata un semplice salto ad Angouleme, dove avevamo prenotato un altro Airbnb vicino ai servizi centrali. Finalmente è arrivato il momento di fare una degustazione di vini e di assaporare il gusto della Francia. Seguì una visita pomeridiana alla bellissima (e ormai mite) città di Cognac, con la sua pittoresca Grand Square, le infinite stradine medievali e le splendide esposizioni floreali. Cognac è una città piccola ma molto frequentata. È meravigliosamente fresca e quindi è un vero piacere visitarla, essendo nel cuore della lussureggiante e fertile regione della Nouvelle-Aquitaine.

Con il muso dell'auto puntato verso i possenti Pirenei e la penisola iberica, le coordinate sono state fissate per Tolosa, passando per la Dordogna e la splendida città di Périgueux, sede della cattedrale di St-Front con le sue cinque cupole. Questo è stato un altro luogo perfetto per gustare un altro pranzo leggero, un assaggio di foie gras di produzione locale, ammirare alcune torte ornate ed estremamente costose prima di... continuare a visitare la città.

Tolosa non era nel nostro radar perché l'obiettivo era quello di affrontare i Pirenei il giorno successivo. Abbiamo quindi continuato a guidare, sperando di trovare un hotel a sud di Tolosa. Alla fine abbiamo usato un'app di prenotazione per trovare un alloggio nelle vicinanze. Ci siamo riusciti! Era una stanza in un piccolo bungalow familiare. Dire che era accogliente è dire poco. La nostra camera si trovava letteralmente a ridosso della zona giorno della famiglia, con un bagno in comune. Per fortuna i nostri padroni di casa erano abbastanza amichevoli e chiaramente non erano abituati a ospitare visitatori dell'ultimo minuto come noi. Sembrava solo un po' troppo "familiare" per noi che abbiamo un'indole britannica. Ma per un'autentica esperienza francese - imbattibile!

Pirenei

Dopo una notte di sonno un po' inquieto, l'alba ha annunciato una visita a una vicina boulangerie locale, dove è stata consumata una colazione continentale in compagnia di un proprietario anziano ma molto francese che, guarda caso, parlava un ottimo inglese. È ora di dirigersi verso lo splendore innevato degli alti Pirenei. Se abbiamo giocato bene le nostre carte, Barcellona ci aspettava.

Il viaggio in auto sulle cime innevate è stato assolutamente spettacolare. Alcune delle strade più impervie che attraversano l'entroterra franco-spagnolo sono un po' difficili da percorrere e potrebbero non essere adatte ai deboli di cuore. Ma la fortuna favorisce i coraggiosi e quindi i panorami più spettacolari si aprivano da passi remoti con strette gallerie stradali scavate nelle antiche colline.

L'architettura e l'ambiente generale sono decisamente alpini in queste zone. Non fatevi ingannare, perché Barcellona si nasconde nelle vicinanze. L'isolamento, la pace e la tranquillità saranno presto sostituiti dal trambusto di una vivace città europea.

Barcellona

Le attrazioni di Barcellona sono a dir poco fantastiche. È una città enorme, ma noi siamo riusciti a visitare tutti i luoghi più importanti dal nostro hotel in centro città, appena fuori dalle Ramblas. Consiglio: se avete un'auto di grandi dimensioni, evitate i parcheggi sotterranei. Sono costruiti nelle viscere della città. L'accesso non è facile. Uscire è ancora più difficile! Per rigare l'auto ci vogliono 25€. Per fortuna me la sono cavata. Solo.

Dopo un paio di giorni frenetici ma stranamente rilassanti nella frenetica Barcellona, siamo andati un po' fuori pista, costeggiando la costa spagnola fino a raggiungere una piccola città sulla spiaggia chiamata Benicarló. Abbiamo scelto di soggiornare nella vicina città di Pêniscola, più grande e pittoresca, con il suo favoloso castello in cima alla collina che domina la baia assolata.

Da qui è stato un lungo viaggio oltre Valência verso Benidorm. Sicuramente TUTTE le arance del mondo vengono coltivate nei dintorni di Valência. Le piantagioni si estendono da un orizzonte all'altro, chilometri e chilometri di arance. Pensavo che in Portogallo ce ne fossero molte, ma questa è un'altra cosa.

Benidorm

Non ero mai stata a Benidorm. Per me si tratta di abbandonare tutti i luoghi comuni. Questa è una località che è tutto per tutti. Si può mangiare tutto ciò che si desidera, dalla cucina economica e allegra a quella di alto livello. Potete mangiare Tex-Mex, Tandoori o Tapas. La scelta è vostra. E Benidorm è molto più bella di quanto oserei mai immaginare. La vista dal Castello di Benidorm, in cima alla città vecchia (attraverso il "Vicolo delle Tapas"), è davvero impressionante, soprattutto quando è illuminato di notte. Ci torneremo!

Da Benidorm ci siamo diretti a Siviglia per le celebrazioni della Settimana Santa di Pasqua, dove circa 50.000 persone indossano gli abiti tradizionali per sfilare in 58 processioni organizzate in cui i "costaleros" portano sulle spalle enormi pasos (statue religiose) illuminati da candele. Uno spettacolo affascinante!

Il Portogallo era ormai chiaramente nel nostro mirino. Dalle splendide spiagge di Huelva abbiamo presto attraversato il ponte di Guadiana per trascorrere un po' di tempo al fresco nell'Algarve, baciato dal sole. Facendo base a Quarteira, ci siamo goduti diversi giorni sul versante meridionale del Portogallo prima di dirigerci a nord verso Lisbona, Ericeira, Sintra, Cascais, Mafra e tutti i miei luoghi preferiti. Poi siamo andati a nord verso una ventosissima San Martinho do Porto, Nazaré e Aveiro prima di dirigerci verso il nord della Spagna e i pittoreschi Paesi Baschi.

Il tempo trascorso nella bellissima località di San Sebastian, dove i "pinchos" sono le tapas e la gente parla la propria lingua, è stato troppo breve. Ma almeno ci aspettava la regione basca francese, dove abbiamo trascorso alcuni giorni molto piacevoli vicino alle splendide Biarritz, Bayonne, Irun e St Jean-de-Luz.

Bordeaux

Gli ultimi giorni di questo viaggio di un mese li abbiamo trascorsi nella maestosa città di Bordeaux, dove il moderno incontra il classico in una straordinaria fusione di stili. Una vasta rete di strade e vicoli rivela una pletora di bar e ristoranti nascosti che soddisfano tutti i gusti. Inoltre, un moderno e utilissimo sistema di tram collega tutte le aree principali della città, i parchi, la grande spianata sul fiume e vari sobborghi chiave, rendendo Bordeaux una città straordinariamente facile da girare.

Ecco come abbiamo visitato il Portogallo nel modo più difficile. È stato anche il modo più divertente e quindi lo consigliamo vivamente!