Questo sentimento viene ripetuto da molti espatriati. Spesso dicono che questo fattore da solo fa sì che non potrebbero mai tornare a vivere sul suolo britannico. Almeno la metà delle persone con cui ho parlato ritiene che la società britannica sia diventata più polarizzata negli ultimi tempi.

Naturalmente, ci saranno molti altri che dichiareranno volentieri di non pensare assolutamente che le cosiddette "guerre culturali" abbiano diviso l'opinione pubblica britannica perché non sono stati personalmente esposti a nulla di tutto ciò. Penso che molto dipenda dalla parte del Regno Unito da cui le persone provengono per quanto riguarda la loro visione.

Una teoria

Ho sviluppato una teoria. Ho notato che coloro che non hanno avvertito le disparità culturali tendono a provenire da zone rurali. Inoltre, tendono a non frequentare le piattaforme dei social media, dove gli insulti, i palesi stereotipi e la maleducazione in generale possono essere assecondati dietro un muro di anonimato. Ho anche notato che questi presunti cambiamenti sociali negativi sono correlati alla popolarizzazione di terminologie socio-politiche. L'uso sempre più comune di espressioni contemporanee come "cancellare la cultura", "privilegio bianco" e "woke" ha probabilmente contribuito ad alimentare la divisione.

L'uso del termine "annullare la cultura" si riferisce, ovviamente, alla prevalenza dell'ostracismo sociale per le convinzioni personali o le convinzioni politiche delle persone. Questo tipo di ostracismo emerge spesso a livello istituzionale e tende a essere osservato più frequentemente da coloro che tendono ad avere opinioni conservatrici. I conservatori tradizionali si sentono spesso "cancellati", soprattutto dai giovani metropolitani di sinistra che non sopportano nemmeno per un attimo la compagnia di chi ha opinioni diverse dalle loro e da quelle dei loro coetanei.

"Sveglio"

Il termine che si è diffuso maggiormente è quello di "woke". Nel Regno Unito un'intera nuova piattaforma televisiva di notizie (GB NEWS) è cresciuta per sostenere la narrativa "anti-woke". L'obiettivo era quello di fornire un'alternativa credibile a quelli che erano considerati "media mainstream" di estrema sinistra, presumibilmente dominati dai "laburisti" e da altre élite metropolitane "di sinistra". GB NEWS è stato creato come una sorta di equivalente di FOX NEWS per il consumo britannico.

Il termine stesso "woke" affonda le sue radici nello slang americano. Originariamente si riferiva a qualcuno che era insolitamente "sveglio e attento" ai pregiudizi razziali o alla discriminazione. Anche se il termine è stato esteso all'essere "svegli e attenti" ad altri argomenti. Temi che, ancora una volta, tendono ad essere più vicini al cuore dei giovani metropolitani e degli studenti di sinistra. Quelli che sostengono con veemenza temi come LGBT, BLM e ambientalismo.

In sostanza, nonostante la "wokeness" abbia le sue origini nel campo del discorso razziale, è giusto dire che essere "woke" oggi descrive qualcuno o qualcosa (magari istituzionale) che cerca di ritrarsi come aggressivamente e proattivamente "politicamente corretto".

Un tempo molti potevano considerare l'essere definiti "woke" come una credenziale positiva. Ma, in realtà, essere chiamati con qualsiasi tipo di "nome" solo perché le proprie opinioni politiche differiscono da quelle di chi ci accusa deve essere considerato un disprezzo piuttosto che un complimento.

Anche i politici hanno iniziato a usare "woke" come parola di uso quotidiano. Alcuni dei critici della "wokery" sono stati Nigel Farage e il leader della Camera dei Comuni Jacob Rees-Mogg. Entrambi, è giusto dirlo, sono, a loro modo, dei veri e propri stalloni del conservatorismo vecchio stile.

Dominic Raab ha personificato l'agenda "anti-sveglia" quando ha recentemente difeso i piani conservatori di sostituire la legge laburista sui diritti umani con un nuovo Bill of Rights britannico aggiornato. In quell'occasione ha affermato che "il wokery ha ridotto la libertà di parola". Si trattava di un riferimento all'adesione della sinistra alla correttezza politica che soffoca il dialogo "cancellando" il maggior numero possibile di voci dissenzienti della destra, soprattutto quando si discute di questioni spinose come l'immigrazione. Anche Liz Truss è intervenuta dichiarando: "I ridicoli dibattiti su statue e pronomi devono finire".

Senso di divisione

Una tale prevalenza di discorsi accesi all'interno del dominio pubblico, compresi quelli su varie piattaforme di social media, ha quasi certamente aggravato la sensazione che le divisioni siano aumentate nel Regno Unito. Tuttavia, prima di definire queste nuove terminologie come completamente negative o dispregiative, è importante considerare il tono nel momento in cui vengono utilizzate, soprattutto quando si discute di questioni delicate come la classe, la razza o il genere. Il tono fa la differenza.

Negli ultimi tempi si è assistito a un aumento dell'attenzione dei media per le questioni legate alla "guerra culturale". La terminologia utilizzata nei dibattiti degli ultimi anni è stata decisamente colorita. Il termine "cancellare la cultura", ad esempio, non esisteva nemmeno nelle nostre discussioni nazionali solo pochi anni fa. Ma ora, insieme a "no platform" e "spazi sicuri", sono frasi di uso comune. I termini sopra citati tendono a essere usati in riferimento alle università e agli enti studenteschi che presumibilmente tengono a distanza gli ideali conservatori a favore della promozione di ideologie più di sinistra all'interno dei campus. Immagino sia difficile non essere attratti da una visione più socialista quando si è uno studente povero, a meno che, ovviamente, non si sia un etoniano.

L'opinione pubblica

Non dovrebbe sorprendere che tutti i dibattiti mediatici e politici intorno a questi temi abbiano influenzato l'opinione pubblica. La consapevolezza dei termini chiave contemporanei è cresciuta e il significato di alcuni di questi termini alla moda si è gradualmente modificato. "Woke" ne è l'esempio principale, con un chiaro spostamento nel regno dell'essere percepito e utilizzato come una forma di insulto piuttosto che come un complimento.

Durante le mie conversazioni con gli espatriati in Portogallo (e in Spagna) ho notato che la tendenza generale dell'opinione si sta orientando verso persone che credono veramente che la società britannica sia ormai spezzata e divisa. Un po' come gli Stati Uniti, ma su scala molto più piccola. Questo è particolarmente evidente dall'era Trump/Brexit; un periodo in cui tutti andavamo in giro con delle etichette appuntate sul sedere.

Tutto ciò che posso dire agli espatriati che sembrano essersi convinti che il Regno Unito sia sceso in un caotico pantano di tribalismo, bile e bigottismo è: ripensateci. Forse questi individui non visitano il Regno Unito da tempo? Vorrei umilmente suggerire che tutte le questioni spinose evidenziate in questo articolo sono ben lontane dall'essere in cima alla lista delle preoccupazioni della maggior parte delle persone. La maggioranza non è nemmeno lontanamente infiammata come i media e i social media vorrebbero far credere. Ciò non significa che queste questioni siano considerate irrilevanti per il grande pubblico britannico. Tutt'altro.

È chiaro che ci sono ancora importanti dibattiti da fare sulla portata del cambiamento culturale nel Regno Unito. Aprire la strada a questi dibattiti in modo civile e rispettoso dovrebbe essere importante per tutti noi? Un altro aspro dibattito simile alla Brexit sarebbe assolutamente disastroso per tutti e tutte.

Personalmente, ritengo che la società britannica sia molto più adulta e soddisfatta di come viene dipinta. Quando si arriva al dunque, il popolo britannico sarà sempre unito. Abbiamo sicuramente cose più importanti da fare che preoccuparci di patetiche etichette. Su questo ci sono pochi dubbi.