Affacciato su Belém, a Lisbona, il Segundo Torrão, a Trafaria, è nato 40 anni fa. Quella che era nata come una comunità di pescatori, cresciuta nel tempo, è oggi la più grande baraccopoli di Lisbona, dove le persone vivono in condizioni scioccanti.

Poiché le case sono abusive, l'elettricità fornita attraverso contratti di fornitura rimane un sogno per gli abitanti, che devono rubare l'elettricità dai lampioni della EDP per avere energia. Questa situazione precaria ha già causato gravi problemi che hanno portato alla denuncia della situazione da parte dei media nel mese di gennaio, a seguito di una situazione che ha portato gli abitanti a trascorrere più di 70 ore al buio.

Durante quei giorni invernali, alcuni bambini hanno raccontato che, vivendo al buio, era molto difficile mangiare cibo freddo e avevano paura che i loro fratelli più piccoli potessero cadere e farsi male perché non potevano vedere nulla, ha raccontato Xana Gonzalez Leal, presidente e coordinatrice di Cova do Mar, a The Portugal News.

"Abbiamo distribuito torce per far giocare i bambini", ha detto. Abbiamo avuto una madre disperata perché aveva degli antibiotici in frigo per il suo bambino di un anno e gli antibiotici si sono rovinati perché non c'era elettricità. È difficile da credere, ma queste realtà esistono ancora in Portogallo", ha aggiunto Xana.

Il diritto al gioco

Fondata cinque anni fa per fornire sostegno ai bambini della baraccopoli, Fábrica dos Sonhos ha dato voce a questo problema e aiutato i bambini con la missione di "creare un centro doposcuola gratuito".

"C'è un business intorno alla felicità e al gioco dei bambini, in cui i genitori acquistano pacchetti felicità che possono essere campi estivi, feste di compleanno o doposcuola, per garantire che i loro figli siano felici con attività educative", ha detto Xana Gonzalez Leal, presidente e coordinatrice di Fábrica dos Sonhos.

Per questo motivo hanno deciso di creare un'associazione per difendere l'articolo 31 della Convenzione sui diritti dell'infanzia, che afferma che i bambini hanno diritto al tempo libero e alle vacanze e "lo Stato ha il dovere di promuovere queste attività", ha detto.

Tuttavia, nelle nostre società, questo diritto non è stato concesso a tutti i bambini. "Non esiste una soluzione per i bambini i cui genitori non possono permetterselo", ha sottolineato. Così, la Fábrica dos Sonhos è nata dal sogno di creare un centro doposcuola gratuito.

Impatto sociale

Xana è laureata in economia e ha lavorato per diversi anni nel settore, ma con il passare del tempo ha iniziato a sentire il bisogno di cercare la sua missione nella vita ed è stato allora che ha trovato il lavoro umanitario.

"Avevo fatto un corso di monitore di campi estivi e poi abbiamo deciso, nell'agosto 2015, di creare un campo estivo": così è nata l'associazione Cova do Mar, con la missione che nessun bambino dovesse pagare per giocare.

"È stato molto spontaneo, è stato qualcosa che è venuto dal cuore e, nel mio caso, è stato un cambiamento radicale. Non ho più piani a lungo termine, faccio solo ciò che ha senso in ogni momento", ha aggiunto.

Poi è arrivato il momento della Fábrica dos Sonhos. "Eravamo già qui a Covoa do Vapor e, fino ad allora, avevamo fatto tutto all'aperto. È stato in occasione di una riunione con il Consiglio di Almada, con l'équipe di intervento sociale, che ci hanno suggerito di sviluppare il progetto e di iniziare a dare maggiore sostegno ai bambini del Segundo Torrão".

Nonostante il fantastico impatto sociale che ha sulla comunità, la Fábrica dos Sonhos non riesce ancora a raggiungere tutti i bambini che hanno bisogno di aiuto. "Purtroppo non possiamo raggiungere tutti i bambini della baraccopoli. Su 3.000 abitanti, quest'anno scolastico abbiamo solo 35 posti. Non è abbastanza", si è lamentata.

Mostrare amore

Il nostro compito non è solo quello di aprire la porta, ma anche di abbracciarli, sostenerli, scoprire come stanno, con cosa stanno lottando in quel momento", ha sottolineato Xana.

Nel loro lavoro cercano anche di coinvolgere la società in generale, ad esempio attraverso la polizia: "Ci sono momenti in cui la GNR della Trafaria lavora in collaborazione con la Cova do Mar in azioni ludiche. Cerchiamo di coinvolgerli nel nostro lavoro per demistificare l'idea che i bambini possono avere della GNR", ha detto.

Ad esempio, ad Halloween, "di solito vanno a spaventare la GNR nella stazione di polizia, se li spaventiamo bene ricevono le gelatine, se non li spaventiamo bene, la GNR riceve le gelatine. L'anno scorso non è stato possibile andarci di persona, quindi la GNR è venuta alla Fábrica dos Sonhos e i bambini hanno dovuto vincere le gelatine in una sfida alla PlayStation con la polizia".

In cinque anni, la Fábrica do Sonhos ha già accolto 112 bambini. È aperta dal martedì al venerdì dalle 15.30 alle 19.30 e il sabato mattina e conta sull'aiuto di donazioni e volontari, poiché al momento può permettersi solo una persona a stipendio.

Portugal News ha cercato di contattare il Comune di Almada per chiedere chiarimenti su questo problema sociale, ma al momento di andare in stampa non ha ricevuto alcuna risposta.