Tornando un po' indietro, diamo un'occhiata all'invenzione stessa. Negli anni Quaranta dell'Ottocento, il medico e inventore John Gorrie, della Florida, ebbe un'idea per raffreddare le città e alleviare i residenti dai "mali delle alte temperature": credeva che la chiave per evitare le malattie e rendere i pazienti più confortevoli fosse tenerli al fresco, ma il suo sistema richiedeva il trasporto di ghiaccio da laghi e torrenti ghiacciati negli Stati Uniti settentrionali, un incubo logistico. Progettò quindi una macchina che creava ghiaccio utilizzando un compressore alimentato da un cavallo, dall'acqua, da vele azionate dal vento o dal vapore e la brevettò nel 1851. Non riuscì a portare sul mercato la sua tecnologia brevettata, soprattutto a causa della morte del suo principale finanziatore, ma la sua invenzione gettò le basi per la moderna climatizzazione e refrigerazione.

L'idea del raffreddamento artificiale rimase in sospeso per un po' fino a quando, nel 1902, Willies Carrier inventò quello che oggi conosciamo come condizionatore d'aria, anche se inizialmente non aveva l'intenzione di raffreddare la casa. Lavorava per la Buffalo Forge Company ed era stato incaricato di risolvere un problema di umidità che faceva stropicciare le pagine delle riviste in una casa editrice di Brooklyn. Attraverso degli esperimenti, progettò un sistema che controllava l'umidità utilizzando delle serpentine di raffreddamento che potevano umidificare l'aria riscaldando l'acqua o deumidificarla con acqua fredda e lo brevettò. Ben presto si rese conto che questi sistemi avrebbero potuto essere utili a molti altri settori, e alla fine si staccò da Buffalo Forge e fondò la Carrier Engineering Corporation con altri sei ingegneri.

Ammetto che non tutti hanno l'aria condizionata e che, con l'aumento del prezzo dell'elettricità, forse dovremo tornare a farne a meno. Come se la cavava la gente durante le estati calde prima dell'invenzione dell'aria condizionata? La vita doveva essere insopportabile, o forse sì? A quanto pare, se la cavavano benissimo e utilizzavano una serie di soluzioni diverse.

Una soluzione era quella divivere sottoterra o nelle caverne . Si tratta di un'antica strategia per mantenersi freschi. Dal punto di vista del controllo climatico, vivere in una grotta o sottoterra offre temperature piuttosto stabili tutto l'anno e, in alcuni luoghi, intere città sono state costruite sottoterra.

Anche lepareti spesse contribuivano a raffreddare le case e il principio dell'abitazione nelle caverne è stato copiato con l'uso di pietre locali, mattoni artificiali o per costruire abitazioni dalle pareti spesse, che tendevano a mantenere una temperatura relativamente stabile durante tutto l'anno - alcune integravano anche torri o torrette che fungevano da "catturavento" per aiutare a scaricare il calore interno.

Vivere all'ombra - uno dei maggiori problemi delle case in estate è il calore che si sprigiona dalle finestre, e alcune case più antiche tendevano a piantare alberi a foglia caduca sui prospetti est e ovest per fare ombra. In questo modo si impediva alla luce del sole di colpire la casa e, quando le foglie morivano, la luce del sole poteva contribuire a riscaldare la casa, dato che in inverno l'angolazione del sole è più bassa. Un'idea intelligente.

Dormire in veranda - Nei climi caldi, questo è diventato anche un mezzo di interazione sociale per gli occupanti. Si poteva stare da soli o andare a trovare i vicini e rilassarsi lì.

Nelle zone tropicali, come l'India, si usava l'aria condizionata primitiva: schermi di rattan ricavati dalle radici del vetiver, un'erba alta perenne, coprivano le finestre e venivano spruzzati con acqua per ridurre il calore. Sempre in India, molti edifici antichi includevano un secondo muro esterno, detto "jaali", spesso decorato con intricati disegni a taglio, che proteggeva anche dal calore.

Un tempo considerata un lusso, l'aria condizionata è oggi considerata un elemento essenziale in alcune parti del mondo, che ci permette di raffreddare case, ospedali e altri luoghi vitali per la nostra economia e la nostra vita quotidiana. In effetti, la temperatura dell'aria è così importante che, secondo l'Energy Information Administration, il 48% di tutto il consumo energetico delle case americane è dovuto al raffreddamento e al riscaldamento. Oggi quasi il 75% delle case americane è dotato di aria condizionata, ma per un apparecchio che è diventato quasi una necessità per gli americani, uno dei primi realizzati era sorprendentemente poco attento al comfort umano.