Ma nel 2018 l'ANC, fratturata e demoralizzata, si è riunita, ha ricordato il suo scopo e ha sostituito Zuma come presidente con Cyril Ramaphosa. La speranza è salita alle stelle: Ramaphosa aveva un lungo curriculum di attivismo nella lotta contro l'apartheid, era un ex leader sindacale ed era così ricco che non aveva bisogno di essere corrotto. Era il candidato ideale.

Per un po' andò bene. L'economia non è cresciuta molto e la disoccupazione è rimasta molto alta, ma i principali compari di Zuma sono fuggiti all'estero, altri sono stati accusati di vari reati e persino Zuma è finito in carcere. Ramaphosa stava almeno cercando di rimediare al disastro, ma poi, due anni fa, c'è stato un furto con scasso nella sua riserva naturale nella provincia di Limpopo.

Nessuno ne ha sentito parlare all'epoca, perché Ramaphosa non ne ha parlato pubblicamente. È comprensibile, perché i ladri avrebbero trovato 4 milioni di dollari in contanti nascosti nei cuscini del suo divano. Non è una bella figura per un presidente la cui USP è la lotta alla corruzione, quindi non è stata fatta alcuna denuncia alla polizia. Ramaphosa ha semplicemente accettato la perdita.

Non è così assurdo come sembra: Ramaphosa è uno degli uomini più ricchi del Sudafrica e 4 milioni di dollari sono meno dell'1% del suo patrimonio. Potrebbe semplicemente cercare di non attirare l'attenzione - ma all'inizio del mese Arthur Fraser, ex capo dell'agenzia di intelligence sudafricana, ha presentato una denuncia penale alla polizia per la vicenda.

Fraser ha affermato che la "unità di protezione presidenziale" (guardie del corpo) di Ramaphosa aveva rintracciato i ladri, li aveva rapiti e interrogati, per poi corromperli affinché tacessero sul denaro. Forse Ramaphosa stava solo cercando di proteggere la sua reputazione di uomo del popolo, ma anche così avrebbe violato la legge. E poi Fraser lo ha denunciato.

La notizia ha fatto il giro della città e questa settimana Ramaphosa è stato attaccato da tutte le parti. "I criminali non denunciano i crimini quando i proventi dei loro crimini vengono rubati", come ha detto Julius Malema, leader del partito di opposizione Economic Freedom Fighters, e molte altre persone in Parlamento e per strada erano dello stesso parere.

Questo arriva proprio nel momento sbagliato per Ramaphosa, che a dicembre dovrà affrontare una sfida per la leadership dell'ANC. La sua campagna anticorruzione all'interno del partito non ha avuto successo e i sostenitori di Zuma hanno inscenato rivolte che hanno provocato centinaia di morti quando è stato incarcerato. Ora Zuma è uscito di galera e Ramaphosa è stato marchiato con lo stesso pennello della corruzione.

Ci sono molte cose che non vanno in questa storia. Arthur Fraser, l'ex capo delle spie che ha presentato la denuncia contro Ramaphosa, è uno stretto alleato di Zuma. Il presidente sudafricano organizza regolarmente aste in contanti del suo bestiame pregiato Ankole e di vari animali da caccia nella sua fattoria, ma perché nascondere il denaro in cuscini? Evasione fiscale?

Si tratta di un uomo che ha fatto parte di decine di consigli di amministrazione e che, a quanto pare, vale 450 milioni di dollari. Se vuole evitare le tasse, ha avvocati in abbondanza; non ha bisogno di cuscini da divano. L'intera operazione di "furto con scasso", e soprattutto la fonte e la tempistica della "denuncia", puzza di stangata politica. Tuttavia, Ramaphosa è in grave difficoltà.

Il vero scopo dell'operazione sarebbe stato quello di mettere in evidenza la grande e inspiegabile ricchezza di Ramaphosa. Probabilmente non ha infranto la legge per ottenerla, come ha fatto Zuma, ma non l'ha ereditata e non l'ha guadagnata con il duro lavoro. Ha semplicemente ricevuto ingenti somme per far parte di consigli di amministrazione e ha investito i proventi con saggezza.

Ramaphosa è entrato in quei consigli di amministrazione come parte del programma di "Empowerment economico nero" sponsorizzato dall'ANC, uno dei cui scopi era fornire un flusso di reddito affidabile e di basso profilo per il suo lavoro politico. La maggior parte dei suoi sostenitori era molto povera, ma ci si aspettava che i prescelti "BEE" donassero gran parte dei loro cospicui redditi all'ANC.

È un percorso meno lurido di quello di Zuma, che ha raggiunto una grande ricchezza grazie alla collaborazione con "imprenditori" indiani in un progetto di "cattura dello Stato", ma la ricchezza di entrambi deriva dai loro legami con l'ANC. Per l'elettore medio della township di Alexandra, i due uomini sembreranno esattamente uguali.

Ecco perché l'ANC probabilmente perderà la maggioranza in Parlamento alle elezioni del 2024, dopo 30 anni di potere. Era ora, anche se nessuno sa cosa uscirà dalla scatola.