La carta da parati non è più così diffusa come un tempo e gli standard edilizi sono migliorati, le mode sono cambiate e la pittura è diventata più popolare per le pareti.

I cinesi si dice che siano stati i cinesi a inventare la carta da parati, utilizzando la carta di riso sulle pareti già nella dinastia Qin. Già dalla dinastia Qin, la carta da parati sarebbe stata inventata da un funzionario di corte di nome Tsai Lun nel 105 a.C.. di corte di nome Tsai Lun nel 105 a.C. ed era una miscela di corteccia di gelso, fibre di bambù, lino e canapa. fibre di bambù, lino e canapa.

La carta da parati in Europa nel XV secolo con stampe o disegni realizzati con blocchi di legno e colorati a mano. con blocchi di legno e colorati a mano. Erano popolari come alternativa economica agli arazzi agli arazzi, e nascondevano le fessure e miglioravano l'isolamento in modo simile. stesso modo. Spesso i disegni assomigliavano a materiali costosi come la pelle, il broccato o il legno. o il legno, con la carta da parati in floccato che fece la sua comparsa all'inizio del 1600. La carta inizialmente la carta veniva fissata alle pareti con chiodini di rame, un sistema che continuò fino fino al XVIII secolo. Alla fine del 1700 vennero introdotti i bordi per alterare le proporzioni proporzioni visive di una stanza e si diffuse la tendenza a dividere le pareti utilizzando (dal pavimento all'altezza della sedia) e fregi (una fascia orizzontale sul soffitto). soffitto).

Nel 1675, un francese Jean-Michel Papillon realizzò i primi disegni ripetuti che si abbinavano su entrambi i lati. disegni ripetuti che si abbinavano su entrambi i lati. Non solo si ripetevano, ma erano anche continuo da un foglio all'altro, e a lui si attribuisce il merito di aver inventato la carta da parati come è conosciuta oggi. della carta da parati come è conosciuta oggi. L'introduzione della carta da parati con cuciture rotoli enormi da 12 iarde ha fatto sì che i produttori potessero passare da semplici disegni ripetuti a vasti panorami, spesso raffiguranti disegni ripetuti a vasti panorami, spesso raffiguranti eventi mitologici o storici, come la distruzione di Pompei. come la distruzione di Pompei, o scene di terre lontane. Erano erano considerati strumenti educativi per le masse ignoranti e, nelle case ricche, le carte da parati panoramiche nelle case ricche, le carte da parati panoramiche riflettevano il livello di istruzione dei proprietari.

Ora la parte sinistra

Il chimico svedese Il chimico svedese Carl Wilhelm Scheele inventò il primo pigmento verde arsenico nel 1775. La luminosità e la stabilità del verde di Scheele, insieme a diverse varianti come lo smeraldo e il verde di Vienna come il verde smeraldo e il verde di Vienna, ne decretarono il successo immediato. I chimici e i produttori di chimici e i produttori di vernici introdussero l'arsenico anche in altri colori, come il giallo canarino giallo canarino, per creare nuove tonalità vivaci. Nel 1889, un designer di nome Walter Crane creò una carta da parati chiamata The Peacock Garden, che conteneva il verde di Scheele a base di arsenico. Le ricerche sul lavoro di Crane e sui pigmenti a base di arsenico hanno rivelato alcuni spunti interessanti. ha rivelato alcuni spunti interessanti. Nel 1875 Crane creò dei disegni di carta da parati per la Jeffrey & Co. Jeffrey & Co. uno dei principali stampatori di carta da parati in Inghilterra. L'azienda società, insieme ad altre, utilizzava colori a base di arsenico per i propri prodotti all'inizio e alla metà dell'Ottocento. prodotti all'inizio e alla metà del XIX secolo. Tuttavia, all'epoca della stampa di The Peacock Garden nel 1889, il pubblico conosceva i pericoli dell'arsenico e cercava alternative più sicure. e cercava alternative più sicure.

Purtroppo, le pareti non erano l'unico posto in cui l'arsenico si annidava nelle case vittoriane. Nell'Inghilterra del XIX secolo l'Inghilterra considerava sicure piccole dosi di arsenico e lo usava per prodotti molto diversi, dalla cipria al veleno per topi. per prodotti molto diversi, dalla polvere per il viso al veleno per topi. Veniva aggiunto a alimenti, tessuti, medicine e altri beni comuni, per cui il suo uso nella carta da parati non era considerato insolito. non era considerato insolito. È interessante notare che il Mary King Close di Edimburgo, oggi un'attrazione turistica sotterranea di Edimburgo, oggi un'attrazione turistica sotterranea sepolta sotto il famoso Royal Mile, è stata sigillata dal mondo nel 1630. Dopo il passaggio della peste a Edimburgo, Mary King's Close e altre strade del Royal Mile furono chiuse al mondo. King's Close e altre strade dell'area locale cominciarono a decadere, trasformandosi in in luoghi fatiscenti e sovraffollati, ma ci sono ancora stanze con l'arsenico sulle pareti che ancora oggi non è consentito visitare.


Nonostante la sua natura vivida e accattivante, i medici alla fine scoprirono che la carta da parati arsenicale arsenicale poteva uccidere. L'inchiostro spesso si staccava dalla carta e veniva inalato da chi si trovava nelle vicinanze. l'umidità, l'abrasione o il calore causavano il rilascio di vapori tossici. vapori tossici. Le crescenti segnalazioni di malattie misteriose e di decessi di bambini piccoli o di intere famiglie bambini o addirittura di intere famiglie hanno attirato l'attenzione verso la metà del 19° secolo, ma Solo alla fine degli anni Sessanta del XIX secolo i medici collegarono questi malesseri alla presenza di carta verde presenza di carta verde luminosa sulle pareti.

L'opinione pubblica consapevolezza dei pericoli della vernice verde di Scheele, soprattutto per i bambini, ha spinto le persone a cercare opzioni di carta da parati più sicure, ma fortunatamente la scomparsa delle carte da parati oggi non è così tragica! oggi non è così tragica!