I fratelli James rapinavano banche. I fratelli Marx facevano ridere la gente. I fratelli Rajapaksa distruggono paesi. Beh, solo un Paese, in realtà, ma hanno fatto un lavoro spettacolare.

Dopo vent'anni in cui i fratelli Rajapaksa sono stati al potere per la maggior parte del tempo, lo Sri Lanka oggi è in bancarotta. Lanka oggi è in bancarotta. Non ci sono più soldi per importare cibo, carburante o medicinali. medicinali. Ci sono interruzioni di corrente quotidiane e l'economia si è fermata. Anche la produzione alimentare nazionale è crollata e i poveri iniziano a morire di fame.

Al momento in cui scriviamo, il fratello di mezzo, Gotabaya Rajapaksa, è ancora presidente. ma dopo mesi di proteste di massa, per lo più pacifiche, sabato una grande folla ha occupato il palazzo presidenziale. il palazzo presidenziale sabato scorso. Il "Terminator", come veniva chiamato, si è rifugiato su una nave della marina militare nelle acque costiere dello Sri Lanka per e promette di dimettersi mercoledì.

Non tutti sono convinti che "Gota" manterrà la parola data, perché è un ex generale che ha ancora una grande influenza sui vertici dello Sri Lanka. generale che ha ancora una grande influenza nei circoli militari di alto livello, ma anche se si dimette anche se si dimettesse, lascerebbe il Paese in rovina. E anche se la corruzione ha giocato un Sebbene la corruzione abbia giocato un ruolo importante nel disastro, le vere cause sono state l'arroganza e l'ignoranza.

Cinque anni fa, lo Sri Lanka era la parte più prospera e sviluppata dell'Asia meridionale. dell'Asia meridionale: quasi il doppio del PIL pro capite dell'India, solo un quinto del tasso di mortalità infantile indiano, la stessa media di dell'India, solo un quinto del tasso di mortalità infantile, la stessa durata media della vita degli Stati Uniti e strade pulite. strade pulite. Poi, nel 2019, Gotabaya Rajapaksa ha vinto le elezioni presidenziali.

Ha nominato il fratello maggiore Mahinda primo ministro, gli altri fratelli Basil e Chamal ministri delle finanze e dell'irrigazione. Basil e Chamal, rispettivamente ministro delle Finanze e dell'Irrigazione, e ha affidato ai figli di Mahinda Namal e Yoshithitha Mahinda, Namal e Yoshitha, altri ministeri. Ma a parte Mahinda (che era già stato presidente già due volte), nel complesso ne sapevano quanto un vigile urbano. paese quanto un vigile urbano medio.

"La politica monetaria sotto Rakapaksa e la sua banda di buffoni era completamente irresponsabile", ha dichiarato l'economista e deputato dell'opposizione Harsha De Silva ad aprile, quando la crisi era già in corso. Silva ad aprile, quando la crisi era appena iniziata. "È stato guidato dalla stupidità e dall'arrogante idiozia".

"Se si rapina un uomo uomo e prendi la sua auto o i suoi soldi, la polizia ti sbatte in galera per vent'anni. anni. Ma quest'uomo ha derubato ogni persona in Sri Lanka di metà delle sue ricchezze ed è ancora il presidente". è ancora il presidente".

Come hanno fatto questi pagliacci a governare un intero Paese? Perché c'è stata una lunga guerra civile e hanno avuto il merito di averla vinta.

La guerra è stata una questione di etnia e religione. La maggior parte della popolazione dello Sri Lanka è buddista e parla il sinhala, ma una minoranza del 30%, concentrata nel nord e nell'est, parla il tamil ed è di religione prevalentemente indù. est, parla tamil ed è per lo più di religione indù (con significative minoranze cristiane e musulmane). e musulmani).

I tamil sono presenti in Sri Lanka da almeno 2.000 anni, ma la maggioranza buddista li vede come estranei e addirittura come buddista li vede come estranei e addirittura come nuovi arrivati. I Tamil hanno avuto successo sotto coloniale britannico, quando la maggior parte dei cingalesi buddisti si rifiutò di collaborare con i loro nuovi padroni politici. nuovi padroni politici, per cui dopo l'indipendenza del 1948 c'è stata una vendetta. 1948.

I governi dominati dal buddismo hanno eliminato lo status ufficiale della lingua tamil della lingua tamil e imposero restrizioni all'istruzione superiore per i tamil. Ci furono pogrom anti-tamil, e nel 1987 la minoranza tamil ha iniziato a reagire con una guerriglia e una guerra terroristica per la creazione di uno Stato tamil indipendente.

Fino a 100.000 persone sono morte in questa guerra, che si è conclusa con un'orgia di uccisioni negli ultimi cinque mesi di battaglie. ultimi cinque mesi di battaglie nel 2009. Mahinda Rajapaksa era il presidente che che ha diretto quelle battaglie ed è uscito dalla guerra come un eroe nazionale.

Anche dopo la resa dei Tamil, il governo di Mahinda ha continuato a torturare e a far "sparire" gli oppositori. e a far sparire gli oppositori, e la sua famiglia si è arricchita con accordi di corruzione. (Il suo fratello minore

Basil era conosciuto come "Mr. Ten Percent"). Nel 2015 la situazione è diventata così grave che hanno perso le elezioni.

Quando i fratelli (tutti ormai settantenni) hanno riconquistato il potere su una piattaforma etno-populista ancora più estrema etno-populista nelle elezioni del 2019, è stato Gotabaya Rajapaksa a diventare presidente. è diventato presidente, ma in realtà è stato Basil a gestire l'economia. Quasi completamente ignorante in materia finanziaria, l'ha portata al collasso.

Il governo Rajapaksa ha accumulato 61 miliardi di dollari di debito estero, ne ha rubato un po' e ha sprecato gran parte del resto in enormi spese. e ha sprecato gran parte del resto in enormi progetti "elefantiaci". Ha tagliato le tasse e e ha stampato denaro per coprire l'ammanco. Ha persino proibito i fertilizzanti artificiali su su consiglio dell'eco-evangelista indiana Vandana Shiva, e la produzione alimentare è crollata. produzione alimentare è crollata.


Il conto è arrivato a scadenza qualche mese fa e lo Sri Lanka è stato inadempiente. I Rajapaka Probabilmente i Rajapakas fuggiranno all'estero e lo Sri Lanka potrà prendere in prestito un po' di denaro e cominciare a ricostruire. e iniziare a ricostruire. Ma potrebbe essere necessario aspettare la fine del decennio o più prima che la popolazione popolazione riveda i suoi vecchi standard di vita.