La ventennale guerra afghana non è mai stata più di un rumore discordante fuori scena per la maggior parte delle persone nei ricchi Paesi occidentali che vi hanno inviato le truppe, quindi non ci si può aspettare che ricordino le "lezioni" di quella guerra. Gli afghani non hanno mai avuto alcuna scelta reale in merito, quindi non hanno lezioni da ricordare. Ma le élite militari e politiche occidentali dovrebbero fare meglio.

La prima lezione è: se devi invadere qualcuno, cerca di scegliere il Paese giusto. Gli americani volevano sicuramente invadere un paese e punirlo dopo l'oltraggio terroristico degli attacchi dell'11 settembre, ma è improbabile che i governanti talebani dell'Afghanistan fossero a conoscenza dei piani di Osama bin Laden. Il principio della "necessità di sapere" suggerisce che non lo sapessero.

La seconda lezione è: qualunque sia la provocazione, non invadete mai l'Afghanistan. È molto facile conquistarlo, ma è quasi impossibile per gli stranieri sostenere un'occupazione militare a lungo termine. Nemmeno i governi fantoccio sopravvivono. Gli afghani hanno espulso l'impero britannico al suo apice, l'Unione Sovietica al suo massimo splendore e gli Stati Uniti.

Il terrorismo è una tecnica, non un'ideologia o un Paese. Il Sinn Fein nell'Irlanda di inizio Novecento aveva lo stesso obiettivo dei ribelli Mau Mau del Kenya degli anni Sessanta - espellere l'impero britannico - mentre gli "anarchici" occidentali di inizio Novecento non avevano basi territoriali e ambizioni globali (profondamente irrealistiche). Così come gli islamisti di Al-Qaeda oggi.

Ci sono tanti gusti diversi di terrorismo quante sono le varietà di formaggio francese, e ognuno deve essere affrontato con strategie che corrispondano al suo stile e ai suoi obiettivi specifici. Inoltre, gli eserciti delle grandi potenze devono sempre ricordare il principio fondamentale secondo cui il nazionalismo (noto anche come "tribalismo") è il più grande moltiplicatore di forze.

Gli eserciti occidentali sono stati cacciati dall'Afghanistan un anno fa perché hanno dimenticato tutte le lezioni apprese da una dozzina di guerre controinsurrezionali perse nelle ex colonie tra il 1954 e il 1975: La Francia in Algeria e Indocina, la Gran Bretagna in Kenya, Cipro e Aden, il Portogallo in Angola e Mozambico e gli Stati Uniti in Vietnam.

La forza trainante di tutte queste guerre tardo-imperiali fu il nazionalismo e gli eserciti occidentali impararono davvero la lezione delle loro sconfitte. Negli anni '70 le scuole militari occidentali insegnavano ai loro futuri comandanti che gli eserciti occidentali perdono sempre le guerre di guerriglia nel "Terzo Mondo" (come era ancora noto all'epoca).

Gli eserciti occidentali perdono, per quanto grandi e ben equipaggiati siano, perché gli insorti combattono sul terreno di casa. Non possono mollare e tornare a casa perché sono già a casa. Il vostro schieramento può sempre mollare e tornare a casa, e prima o poi il vostro stesso pubblico chiederà di farlo. Quindi siete destinati a perdere alla fine, anche se vincete tutte le battaglie.


Ma perdere non ha molta importanza, perché gli insorti sono sempre prima di tutto nazionalisti. Potrebbero aver raccolto pezzi di qualche grande ideologia che li fa sentire che la "storia" è dalla loro parte - il marxismo o l'islamismo o qualsiasi altra cosa - ma tutto ciò che vogliono veramente è che voi andiate a casa in modo da poter gestire il loro spettacolo. Quindi andate. In realtà non vi seguiranno a casa.

Questa non è solo una lezione su come uscire da futili guerre post-coloniali; è una formula per evitare guerre non vincenti e quindi inutili nel "Terzo Mondo". Se avete un problema di terrorismo, trovate un altro modo per affrontarlo. Non invadete. Persino i russi hanno imparato questa lezione dopo la sconfitta in Afghanistan negli anni Ottanta.

Ma le generazioni militari sono brevi: una carriera militare tipica dura solo 25 anni, quindi nel 2001 pochi militari occidentali ricordavano la lezione. I loro successori hanno dovuto ricominciare a impararla a fatica in Afghanistan e in Iraq. Forse ora l'hanno imparata, ma tra non molto se ne andranno anche loro.

Questo ciclo di imparare e dimenticare di nuovo non si applica solo alle guerre pseudo-imperiali nelle zone post-coloniali del mondo. Le stesse guerre tra le grandi potenze avevano avuto conseguenze così spaventose all'epoca della Prima e della Seconda guerra mondiale che disastri simili sono stati evitati per più di 75 anni, ma questo tempo potrebbe finire.

Come molte altre persone, oscillo tra la speranza e la disperazione per quanto riguarda il corso della storia: ottimista il lunedì, il mercoledì e il venerdì, pessimista il martedì, il giovedì e il sabato, e mi rifiuto di pensarci la domenica.


Oggi è un [riempire il vuoto], e quindi mi sento [speranzoso/disperato].