In parte perché nessuno ha paura dell'aviazione bielorussa e nessuno crede che i russi possano davvero fornire a Lukashenko armi nucleari. In parte è anche perché tutti si sono abituati al fatto che Mosca ci ricorda ogni tre o quattro settimane che potrebbe usare armi nucleari tattiche in Ucraina se si mette di traverso.

Il presidente russo Vladimir Putin ha iniziato ad alludere pesantemente alla possibilità di usare armi nucleari se altri Paesi fossero intervenuti per impedire la sua conquista dell'Ucraina fin dal primo giorno di guerra. "Le conseguenze saranno tali che non avete mai visto in tutta la vostra storia", ha avvertito il 24 febbraio.

Sembrava che Putin stesse minacciando di usare le sue bombe atomiche a lunga gittata che uccidono le città sui Paesi della NATO se fossero intervenuti. Dopo questa fanfara iniziale, tuttavia, le minacce provenienti da fonti ufficiali russe sono state ridimensionate, ricordando occasionalmente che Mosca avrebbe potuto usare armi nucleari "tattiche" molto più piccole sui campi di battaglia orientali in Ucraina.

I super-patrioti del talk-show Rossia-1 (televisione di Stato) hanno continuato a fantasticare sulla Terza Guerra Mondiale in costume - "Perché abbiamo bisogno di un mondo se la Russia non ne fa parte?", come ha detto il presentatore Dmitri Kiselyov - ma i professionisti militari hanno presumibilmente fatto notare al regime che minacciare l'Armageddon avrebbe allarmato anche gli amici della Russia (come la Cina).

Così i riferimenti ufficiali da parte di fonti russe a un possibile uso del nucleare in Ucraina sono diventati più indiretti e meno frequenti, soprattutto dopo che la Russia ha abbandonato il tentativo fallito di conquistare Kiev e l'offensiva russa nell'Ucraina orientale ha iniziato a fare progressi lenti ma costanti. Anche per i russi, l'uso del nucleare è un consiglio di disperazione.

Ma ora l'offensiva russa nell'est del Paese si è completamente arenata e la percezione di una situazione di stallo ha riportato sul tavolo la questione delle armi nucleari tattiche. A dire il vero, le nuove voci sull'uso di mini-nukes da parte della Russia provengono più dagli opinionisti dei media occidentali che da fonti russe, ma la preoccupazione è reale.

Anche una sola testata nucleare tattica potrebbe aprire un varco nelle linee ucraine attraverso il quale le forze russe potrebbero riversarsi. I russi sperano anche che questo terrorizzi i Paesi della NATO e li induca ad abbandonare il loro sostegno all'Ucraina. D'altra parte, potrebbe far degenerare il conflitto in una vera e propria guerra nucleare tra la Russia e i Paesi della NATO.

Entrambe le parti avranno giocato fino allo sfinimento, provando le varie mosse e contromosse possibili una volta che una singola arma nucleare russa a basso potenziale sarà stata usata sulla linea del fronte ucraino. (Persino Putin non bombarderebbe una città, né lancerebbe un attacco completo su tutta l'Ucraina. Si tratterebbe di un "robusto segnale", non di un'ouverture all'olocausto nucleare mondiale).

La probabilità che i russi scelgano effettivamente di percorrere questa strada è attualmente piuttosto bassa, ma non è nulla. Non c'è un vero interesse nazionale russo in gioco, ma la carriera di Vladimir Putin e dei suoi più stretti collaboratori è certamente a rischio. Per loro la sconfitta militare, o anche uno stallo prolungato e costoso, significa rovina politica.

Molti di loro si limiterebbero a fuggire all'estero e a vivere con i loro soldi se l'invasione ucraina fallisse e il regime crollasse, ma per Putin stesso questa sembra essere una questione di patrimonio. Sente la mano della storia sulla sua spalla ed è arrivato a vedersi come una figura storica al pari di Caterina la Grande o Pietro il Grande.

Probabilmente Putin non sta pensando di ordinare un singolo attacco nucleare all'Ucraina in questo momento, perché la situazione di stallo militare è ancora giovane e lui crede chiaramente di avere ancora delle carte da giocare. Ma se queste carte non funzionano e la situazione militare e politica russa si deteriora, potrebbe essere tentato. Cosa dovrebbe fare la NATO se cedesse alla tentazione?

La migliore risposta della NATO sarebbe quella di non fare nulla di nucleare. Annunciare semplicemente che qualsiasi ulteriore uso di armi nucleari, o qualsiasi tentativo da parte delle truppe russe di avanzare attraverso il varco che il singolo attacco ha aperto nelle difese dell'Ucraina, sarà affrontato con il pieno dispiegamento della potenza aerea convenzionale della NATO sull'Ucraina.

È questa la conclusione dei giocatori di guerra della NATO? Non lo so, ma entrambe le parti avranno giocato su ogni possibile risposta all'esplosione di una singola arma nucleare tattica russa nell'Ucraina orientale. Speriamo che questo sia ciò che i gruppi della NATO hanno deciso - e che abbiano comunicato la loro decisione anche ai russi.