Ci sono tre elementi essenziali per la coltivazione delle piante: luce, nutrimento e umidità. Ci sono anche modi per aiutare il vostro orto a crescere un buon raccolto in condizioni non ideali, e il caldo e la siccità potrebbero farvi pensare di ridurre il vostro orto, ma non abbandonate i vostri piani di coltivazione. Scegliendo ortaggi che tollerano la siccità e sviluppando un buon schema, potete ancora coltivare qualche ortaggio senza far salire il consumo di acqua alle stelle.

Piantagione e periodo di semina

Acquistate giovani piante invece di semi, che accorceranno i tempi di coltivazione, e il vostro vivaio o mercato locale potrebbe offrire una serie di ortaggi che tollerano la siccità e che hanno già un vantaggio nella crescita: in questo modo potrete risparmiare uno o due mesi di irrigazione.

Se scegliete un ortaggio noto per la sua rapida maturazione, come la zucchina (che impiega 60 giorni dal seme al frutto), avrete un raccolto entro un mese dalla semina.

Se dovete piantare dei semi, scegliete ortaggi che passano dal seme al raccolto in breve tempo, come i ravanelli, che possono essere raccolti in meno di 30 giorni.

Cercate varietà di piante e semi resistenti alla siccità. Piantate cultivar "a cespuglio" di ortaggi, come i peperoni: risparmieranno spazio, richiederanno meno acqua e vi daranno rese maggiori. Le varietà della nostra area mediterranea sono apprezzate per la loro tolleranza alla siccità.

Piantate ortaggi a basso consumo idrico, come asparagi, bietole, melanzane, cavoli e pomodori rom. Considerate anche la possibilità di piantare meno piante: in questo modo non dovrete annaffiare così spesso o produrre troppo e sprecare i vostri raccolti.

Spazio chiuso

Un'area recintata può offrire ombra o schermare il vento, mentre le aiuole rialzate con una base solida ricoperta da uno strato di pacciame possono essere un modo per ridurre l'evaporazione dell'acqua, con fori di drenaggio sui lati un paio di centimetri sopra la base per evitare che l'acqua defluisca troppo.

Provate la semina "a blocchi", in cui le piante o i semi sono disposti a griglia invece che in file, o addirittura a esagono, per rendere più efficiente l'irrigazione.

Un'alternativa originale è la semina "delle tre sorelle": piantate mais, fagioli e zucca nella stessa "collina". Il mais fornisce la struttura per l'arrampicata dei fagioli, i fagioli forniscono l'azoto al terreno e la zucca fornisce la copertura del suolo per raffreddare il terreno. Un altro modo per raggiungere il vostro obiettivo!

Tempi di irrigazione

Non annaffiate durante il caldo del giorno, ma la mattina presto. L'acqua si infiltra nel terreno e, se il fogliame della pianta si bagna, si asciuga, contribuendo a evitare le malattie.

L'innaffiatura nelle prime ore della sera è la seconda migliore, ma siate preparati: state favorendo le condizioni per le malattie fungine e le lumache!

Innaffiate in modo efficiente: provate a usare un tubo a immersione, che dimezzerà il consumo d'acqua. Posizionate il tubo sul terreno e ricopritelo di pacciame. In questo modo l'acqua viene applicata direttamente al terreno e la pacciamatura aiuta a mantenere l'umidità nel terreno. Tuttavia, quando le piante iniziano a fiorire, aumentate l'irrigazione per favorire la maturazione dei frutti. Ricordate che i pomodori hanno bisogno di un'irrigazione costante durante la fruttificazione.

Tenete sotto controllo le erbacce! Durante un periodo di siccità, le erbacce possono competere con le piante del giardino per l'umidità, le sostanze nutritive e la luce del sole. Rimuovendole, aiutate le piante ad avere un facile accesso agli elementi essenziali durante le condizioni climatiche di stress.

Usare l'irrigazione a filo

Avete mai provato l'irrigazione a filo? In questo modo si possono innaffiare piante come fagioli, piselli, pomodori, zucchine, zucche e zucche.

Lungo la parte superiore della rete ombreggiante o del recinto, fate passare dei tubi in PVC, tappati a un'estremità e collegati a un secchio con coperchio da un litro all'altra. In ogni tubo sono stati praticati dei fori molto piccoli, meno di 1 mm di diametro. In corrispondenza di ogni foro, annodate un filo grosso e fatelo scendere fino alla base della pianta, fissandolo nel terreno con un chiodo di 15 cm.

Riempite il secchio ogni sera: un solo litro d'acqua può irrigare un intero filare per 24 ore con perdite minime. Il coperchio svolge il doppio compito di impedire l'evaporazione e di evitare la riproduzione delle zanzare.

L'irrigazione a stoppino per le piante in vaso è utile per chi pratica l'orto sul balcone: su internet si trovano numerosi suggerimenti!