Ah ha! Pensavate che mi riferissi ai famigerati funghi magici! Mi dispiace, no, solo quelli comuni o da giardino. Non ho mai pensato di coltivare funghi, in parte perché mio marito ritiene che siano il cibo del diavolo e può fiutarne uno se si trova sottovento a un pasto. Ma mi sono chiesta se fosse facile trovarli in natura e, dopo un po' di ricerche, ho scoperto che proprio qui in Portogallo crescono alcune varietà commestibili.

Ma come si fa a sapere quali sono velenosi o meno? Gli esperti dicono che non si dovrebbero mangiare se non si è sicuri al 100% di averli identificati correttamente, evitando i funghi con lamelle bianche, una gonna o un anello sul gambo e una base bulbosa o simile a un sacco chiamata volva. Forse vi perderete qualche buon fungo commestibile, ma eviterete i letali membri della famiglia delle Amanita. Un altro suggerimento: se il fungo è rosso in qualsiasi punto del cappello, del gambo o dei pori, è da considerarsi velenoso. In secondo luogo, tagliate il fungo a metà in senso verticale: se la carne si macchia immediatamente o rapidamente di blu, anche in questo caso consideratelo mortale.


Per i principianti

Per salvarsi dal micetismo o dal micetismo - avvelenamento da funghi - sarebbe molto saggio acquistare dei kit per la coltivazione dei funghi presso un buon centro di giardinaggio o online. Questi kit vi permettono di imparare il processo di coltivazione dei funghi, di esporre il vostro palato a nuovi funghi e persino di trovare un nuovo hobby. I kit per la coltivazione dei funghi sono disponibili in un'ampia gamma di varietà, dai funghi bianchi e shiitake alle spugnole e ai funghi ostrica.

Si tratta essenzialmente di un "blocco fruttifero" precolonizzato che non è ancora stato messo nelle condizioni di voler "fruttificare". Il blocco ricoperto di micelio (fonte di cibo per i funghi) è in genere contenuto in un sacchetto di coltivazione, che può rimanere dormiente per un bel po' di tempo, soprattutto se viene tenuto al fresco in frigorifero. I kit sono assolutamente adatti ai principianti: non richiedono quasi nessuna abilità speciale, strumenti o altre attrezzature. A parte il kit di funghi, probabilmente avete già tutto quello che vi serve a casa. Questi kit facili da usare consentono ai nuovi coltivatori di farsi un'idea di cosa significhi coltivare funghi senza doversi immergere troppo in profondità nell'hobby.

I kit per funghi sono il modo più economico e semplice per iniziare a coltivare funghi in casa. Forniscono tutto il necessario, compreso un contenitore, il terreno di coltura, il fungo e le istruzioni. Il terreno di coltura viene fornito asciutto e, una volta messo a bagno, il fungo si risveglierà e crescerà i funghi.


È necessario seguire le istruzioni alla lettera e i funghi possono crescere da 1 a 4 settimane, a seconda della varietà e della temperatura. La maggior parte dei kit produrrà due grandi raccolti di funghi e potrà continuare a produrre diversi raccolti più piccoli fino a quando le sostanze nutritive del kit non saranno completamente esaurite. Tutto ciò che si deve fare è immergere nuovamente il blocco per reidratarlo e poi rimetterlo nell'ambiente di fruttificazione. Potrebbe volerci un po' di tempo prima che i funghi si "appuntino" di nuovo, forse fino a due settimane. Il segreto sta nell'equilibrio tra luce, umidità e aria fresca, per cui sarà necessaria una certa frequenza giornaliera finché non ci si abitua.

È sempre possibile che si contamini, quindi tenete d'occhio la muffa verde. Se compare, cercate di tagliarla. Se la muffa diventa eccessiva, è il momento di buttarla via.

È più economico coltivare i propri funghi in casa che comprarli in negozio, inoltre si ha la soddisfazione di farlo da soli e si possono ottenere diverse porzioni di funghi con un solo kit. A seconda del kit, i funghi possono crescere tutto l'anno, producendo molte più porzioni.


Ne vale la pena?

Coltivare funghi in casa è molto più facile di quanto sembri e, se amate i funghi, vale la pena di fare lo sforzo di avere funghi freschi ed economici!