João Faísca, cantante, compositore e chitarrista della band, e Pedro Barroso, compositore e chitarrista, hanno formato la band nel 2018 e, nonostante la pandemia, hanno continuato a suonare in giro per il Portogallo e hanno raggiunto fantastici traguardi.

Jõao mi ha raccontato come è nata la band: "Eravamo entrambi musicisti da un po' di tempo, ci esibivamo in diversi eventi, in ristoranti e bar e avevamo anche suonato insieme in precedenza, ma è successo in modo del tutto naturale che ci unissimo e creassimo insieme un progetto originale". Aggiungendo che ciò che ha consolidato il progetto è stato che "ho fatto un concerto da solista e Pedro è stato invitato come musicista ospite e lui ha fatto un altro concerto con le sue canzoni invitandomi come ospite, e abbiamo pensato perché non unirli insieme e fare un album, abbiamo iniziato a riunire i musicisti per formare Plasticine, in questo momento abbiamo già 30 musicisti che suonano per la band".


L'ispirazione

Il nome e l'ispirazione di Plasticine vanno di pari passo: si tratta di una band di musica fusion/world che sfida i confini sonori. "Trasgrediamo i generi combinando elementi di rock progressivo, funk, jazz e soul e attraversiamo i confini geografici iniettando nel loro sound influenze afro-beat, latine e orientali.

Le nostre melodie sono accessibili a un'ampia gamma di pubblico con gusti musicali diversi, in cui "tessiamo un arazzo musicale globale". Pedro aggiunge scherzosamente: "Uno dei pochi generi con cui dobbiamo ancora fare qualcosa è l'heavy metal". A parte il lato musicale, ci piace anche essere consapevoli di ciò che accade nel mondo e incorporarlo nella nostra musica.


Pedro ha detto a The Portugal News che "sento che ogni band deve avere qualcosa di unico, che la differenzi dagli altri gruppi, per noi non abbiamo barriere, credo che questo ci abbia liberato in qualche modo".

Dopo aver ricevuto una canzone nominata agli IPMA Awards 2021 nelle categorie Best Instrumental Performance e People's Choice, i Plasticine hanno anche ricevuto un finanziamento governativo per sponsorizzare il loro nuovo album "The Most Beautiful Skies".


Il nuovo album

Approfondendo l'album "The Most Beautiful Skies", The Portugal News ha appreso che si tratta di un album personale, che inizia con battaglie individuali per poi passare a battaglie globali. Il tema principale è la resilienza e la calma dopo la tempesta, quando si sa di aver compiuto qualcosa. João ha ammesso che l'album strizza l'occhio alla pandemia e allo strano periodo che tutti noi abbiamo attraversato.

João Faísca ha rivelato che l'intero album è strumentale, tranne la prima e l'ultima canzone, che hanno parti cantate, dove la prima canzone parla di appropriarsi del proprio destino e l'ultima canzone, in collaborazione con João Frade, Sickonce e Perigo Público, parla del cambiamento climatico, che è la sfida più urgente che stiamo affrontando dopo la pandemia e volevamo darle l'urgenza di cui ha bisogno.

Questa canzone in particolare "ha un rap che è unico rispetto alla nostra altra musica, che è strumentale, ma si adattava molto bene e la fisarmonica è qualcosa di interessante che volevamo avere in questa canzone". Questo album esplora il mondo attraverso il suono e cattura magnificamente le piccole cose della vita che ci rendono felici e ci fanno andare avanti nonostante la lotta per mantenere in vita il nostro pianeta.

"Un onore enorme"

Abbiamo anche parlato del fatto che i Plasticine hanno aperto l'edizione di quest'anno del MED Festival. Pedro ha affermato che "è stato un grande onore suonare al più grande festival di World Music dell'Algarve. Era sicuramente un obiettivo per la nostra band e quest'anno è finalmente successo per noi e crediamo che la nostra musica si adatti molto bene a questo progetto, l'evento in sé è spettacolare e ci piacerebbe molto suonarci di nuovo".


Pedro ha aggiunto: "Speriamo di partecipare ad altri festival come l'F Festival e di fare più concerti fuori dall'Algarve, aggiungendo scherzosamente che i Plasticine stanno cercando di invadere il mondo". João ha poi raccontato a The Portugal News che "Abbiamo suonato a Portel, nell'Alentejo e abbiamo allargato i nostri orizzonti. In tutta onestà, non abbiamo avuto il tempo di fare molti concerti perché abbiamo passato più tempo in studio a finire l'album e speriamo di portare nuovo materiale ai nostri concerti futuri, ma anche a causa delle dimensioni della band che a volte rendono difficile l'esibizione in certi locali e logisticamente può essere difficile". Ha poi aggiunto: "Vogliamo suonare di più e condividere la nostra musica, ma siamo realisti e non sogniamo in modo irrealistico".


Per quanto riguarda il futuro, hanno dichiarato a The Portugal News che parteciperanno alla Worldwide Music Expo (WOMEX) che si terrà a Lisbona in ottobre e che sarà la seconda volta che la fiera viene ospitata in Portogallo. "È per i musicisti, i promotori, le agenzie e per noi per condividere la nostra musica".

L'ultimo album dei Plasticine è in uscita venerdì 30 settembre sulle piattaforme di streaming, tra cui Spotify, e potete ascoltarlo cercando "Plasticine"; so che significherebbe molto per loro se lo ascoltaste e condivideste il loro album.


Per maggiori informazioni sui Plasticine, visitate il sito https://plasticineband.jimdosite.com e, inoltre, potete tenervi aggiornati sulle loro ultime uscite, sui loro pensieri e sui loro concerti visitando @plasticine.band.pt su Instagram e @plasticinebandpt su Facebook.