Mi dispiace essere foriero di cattive notizie, ma l'attuale situazione dei pensionati residenti nel Regno Unito è già abbastanza grave, ma almeno i loro redditi non sono immediatamente gravati da un calo del valore della sterlina. Una sterlina debole rappresenta ovviamente un onere aggiuntivo per i pensionati che vivono all'estero, quindi l'attuale clima economico sta avendo un impatto notevole sui redditi. Naturalmente, in passato i tassi di cambio estremamente favorevoli hanno portato grandi benefici. Ma gli effetti economici attualmente negativi causati da una guerra che infuria nel cuore dell'Europa e le "conseguenze non volute" degli interventi fiscali e monetari (di cui ho scritto in una recente edizione di The Portugal News) si stanno rivelando molto dolorosi per molti pensionati espatriati.

Lo straordinario "tiro alla fune" economico in corso tra Downing Street e Threadneedle Street ha recentemente avuto un impatto su molti espatriati britannici, in particolare su coloro che fanno affidamento su redditi pensionistici fissi. Il crollo del mercato, avvenuto in seguito al recente mini-bilancio di Kwarteng, ha visto crollare il valore delle pensioni e degli investimenti indicizzati. Con i tassi di cambio sterlina/euro e sterlina/dollaro che diventano sempre più sfavorevoli per gli espatriati che ancora detengono partecipazioni in sterline, questo non si sta rivelando solo un'arma a doppio taglio, ma anche uno scenario sfaccettato ed estremamente dannoso alla Edward Scissor Hands. Se a questo insipido stufato finanziario si aggiunge l'inflazione alle stelle, la spada di Damocle più precaria di tutte sembra sempre più possedere il volto della penuria imminente. È facile capire come questo sia un momento molto nervoso per i pensionati che vivono all'estero e che potrebbero non avere accesso a redditi supplementari.

La sterlina, assediata, è crollata quasi come se volesse punire Kwarteng per le sue promesse di taglio delle tasse per 45 miliardi di sterline. Per i mercati, questi tagli sono sembrati misure disperate, offrendo tagli fiscali in gran parte non finanziati e aggravando così un debito già in crescita. Spaventati dagli azzardi fiscali apparentemente imprudenti di Kwarteng, i mercati hanno rapidamente acceso il rosso e hanno immediatamente avvertito che i tassi di interesse del Regno Unito avrebbero potuto triplicare entro il prossimo anno. La speculazione selvaggia nella City di Londra ha lasciato la valuta britannica in caduta libera. L'unico momento di allegria è stato quello della Conferenza del Partito Laburista a Liverpool, con i delegati che si sentivano chiaramente ottimisti (al limite dell'euforia) mentre Liz Truss affrontava i primi problemi della sua Premiership. Gli squali socialisti stavano volteggiando quando hanno percepito l'odore del sangue dei Tory.

Per quanto è possibile vedere, i laburisti non hanno idee brillanti nella manica. Naturalmente abbiamo sentito le solite spacconate in mezzo allo scontro ideologico di corna. Certo, i laburisti si sono impegnati a riportarci ai precedenti regimi fiscali di 45 pence, che tra l'altro non hanno dato risultati particolarmente positivi per il Tesoro (circa 2 miliardi di sterline). La posizione di Threadneedle Street è stata altrettanto benevola, in quanto molti investitori attendevano con ansia di sentire la carica dell'eroica cavalleria della BoE che galoppava a capofitto nell'arido panorama economico per aiutare a salvare la martoriata valuta britannica.

Ma anche la cavalleria della BoE non poteva realisticamente presentare promesse di ulteriori rialzi dei tassi di interesse così presto dopo il mini-bilancio del Cancelliere Kwarteng. Un'iniziativa del genere avrebbe fatto emergere i rumori della disperazione, spaventando ulteriormente il mercato e segnalando una guerra totale tra Downing Street e la Banca d'Inghilterra. Questo avrebbe preannunciato la peggiore delle sfiducie per la Trussenomics e avrebbe aggiunto ulteriore linfa al mulino del Partito Laburista. La decisione del comitato di politica monetaria della BoE è prevista per il 3 novembre. Per gli investitori nervosi che operano in questo clima di turbolenza e incertezza, questa data sembra davvero molto lontana.

Chiaramente, la Banca d'Inghilterra spera che, man mano che i mercati e gli investitori digeriscono le implicazioni del mini-bilancio di Kwarteng, le reazioni si plachino un po'. Tuttavia, lasciare l'economia con una ferita aperta, che si incancrenisce per un periodo prolungato mentre il paziente continua a piagnucolare in un evidente stato di sofferenza, sembra un po' barbaro e immorale. C'è il rischio concreto che né la Banca d'Italia né il governo si accorgano di fornire farmaci sufficienti a far star bene un paziente sempre più malato. Le cose possono precipitare rapidamente, il che significa che l'inazione non è un'opzione.

Naturalmente, nessuno di noi può realisticamente attribuire tutta la colpa del nervosismo dei mercati all'ultimo inquilino dell'undici di Downing Street. Gran parte delle recenti debolezze della sterlina e dell'euro derivano dalla crescente forza del dollaro. Ma la forza del dollaro da sola non spiega il rapido declino della sterlina dopo la dichiarazione di Kwarteng. Ci sono sicuramente dei fattori interni al Regno Unito in gioco.

L'immagine della Gran Bretagna come alleato affidabile per gli investitori globali sembra ormai ai minimi storici. Quando una valuta subisce un calo consistente, raramente è facile fermare le abitudini dei trader in preda al panico e in piena modalità sell-off. Con l'impegno di Kwarteng a ridurre ulteriormente le tasse nel bilancio che seguirà nel corso dell'anno, i mercati, già sotto pressione per lo stato delle finanze del Regno Unito, hanno reagito negativamente. È sembrato imprudente da parte del numero undici alimentare le preoccupazioni parlando di ulteriori tagli fiscali mentre i mercati finanziari sono ancora all'oscuro di come la BoE potrebbe rispondere. L'entusiasmo per la promessa di un aumento "d'emergenza" (e sostanziale) dei tassi d'interesse (oltre all'ultimo rialzo dello 0,5%) è stato rapidamente smorzato dalla BoE che l'ha presentata come una dichiarazione di intenti futura.

Dall'altra parte dell'oceano, gli analisti prevedono che la situazione per la sterlina sia destinata a peggiorare. Alcuni ritengono che il contesto politico per la sterlina sia "tossico" e possa quindi spingere la valuta britannica in acque ancora più calde. I finanzieri americani vedono solo una direzione per i tassi d'interesse del Regno Unito, con alcuni che prevedono che i tassi di base britannici raggiungano il 7% l'anno prossimo. Pochi in America credono che la strategia di Kwarteng stimolerà la crescita economica, ma che invece comporterà un prezzo elevato per il Tesoro. La Trussenomics potrebbe aggravare le pressioni inflazionistiche che stanno già dilaniando l'economia britannica.

Threadneedle Street si è quindi fermata di fronte a un aumento d'emergenza dei tassi. Tuttavia, le speculazioni degli investitori continuano ad essere numerose e la narrativa sarà probabilmente affinata dalla possibilità che la BoE sia costretta a schierare l'artiglieria pesante ben prima della riunione prevista per il 3 novembre. Anche gli economisti più pessimisti ritengono che i membri del MPC continueranno a parlare in modo duro di ulteriori aumenti dei tassi, il che potrebbe, a sua volta, sostenere in qualche modo la sterlina. Il capo economista della Banca, Huw Pill, è il più propenso a parlare di imminenti rialzi dei tassi.

Si dice che una settimana sia un tempo lungo in politica. Attualmente, anche un giorno sembra un'eternità nel mondo dell'economia. L'idea che la BoE trascorra diverse settimane seduta sulla barricata, come i bambini della ferrovia, mentre un treno economico in corsa si dirige verso gli ammortizzatori, è probabilmente da scartare.

Aspettiamo e vediamo, ma io scommetto su un sostanziale aumento dei tassi di interesse nel Regno Unito. La domanda principale è: la sterlina risponderà?