Io e mia moglie stiamo andando a girare un documentario su una manciata di scienziati che hanno un'idea per rallentare la velocità con cui i ghiacciai scivolano verso il mare. Se funzionasse, abbasserebbe drasticamente il livello previsto di innalzamento del livello del mare.

Con l'avanzare del riscaldamento e lo scioglimento dei ghiacci rimasti nel mondo, l'innalzamento del livello del mare diventerà un grave problema per tutti i Paesi che hanno una costa, per cui si potrebbe pensare che ci siano legioni di persone che ci lavorano. Non è così.

In tutto il mondo ci possono essere un migliaio di scienziati che lavorano sulla "criosfera", le parti ghiacciate del pianeta, ma le loro energie sono divise tra molti aspetti diversi del cambiamento climatico: lo scongelamento del permafrost che rilascia megatonnellate di metano; la perdita della copertura di ghiaccio marino nell'Oceano Artico, il motivo per cui l'Artico si sta riscaldando quattro volte più velocemente del resto del pianeta, ecc.

Quante persone lavorano specificamente sull'accelerazione dei flussi glaciali? Forse un centinaio di scienziati a tempo pieno, se ci si sente ottimisti.

Ciò che frena i ghiacciai è l'attrito tra il ghiaccio e il fondo. Le correnti oceaniche più calde stanno intaccando la base dei ghiacciai, staccandoli di fatto dal fondo, cioè togliendo i freni.

Il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico prevede un aumento del livello del mare non superiore a un metro entro il 2100. Molti scienziati ritengono che due metri siano più probabili, dato il prevedibile ulteriore riscaldamento anche con una rapida riduzione delle emissioni. E se l'intera calotta glaciale dell'Antartide occidentale, piuttosto instabile, inizierà a scivolare in mare, quattro metri entro il 2100.

Un innalzamento del livello del mare di due metri inonderebbe terre che ospitano un quarto di miliardo di persone: in Asia, addio a Shanghai, Bangkok e Calcutta; negli Stati Uniti, addio a Miami e New Orleans. Con un innalzamento di quattro metri, almeno un miliardo di persone cercherebbero una nuova casa e non sarebbero disposte ad accettare un no come risposta.

Quindi questo aereo, e molti altri diretti verso le regioni polari, dovrebbero essere pieni di scienziati del clima alla ricerca di modi per rallentare i ghiacciai e il conseguente innalzamento del livello del mare. Siamo già bloccati da un riscaldamento eccessivo e la semplice riduzione delle emissioni non è sufficiente.

Tuttavia, in questo viaggio ci sono solo cinque scienziati e ingegneri: un americano, due canadesi, un britannico (che di solito lavora in un'università cinese) e un finlandese. Hanno un'idea davvero promettente per rallentare i ghiacciai e ridurre la velocità di innalzamento del livello del mare, ma dovrebbero esserci dieci o trenta o cinquanta team che lavorano su idee promettenti.

Mi soffermerò su quale sia la loro idea specifica la prossima settimana, dopo che tutti avranno un'idea più precisa di come verrà accolta la proposta, ma al momento il punto è quanto siano pateticamente pochi. Non solo, ma sono tutti autofinanziati (anche se alcune delle loro università stanno aiutando con i viaggi). Questa non è certo una risposta adeguata alla minaccia.

Consideriamo per un momento il "Progetto Manhattan", che nel 1942-45 impiegò 130.000 persone per costruire le prime bombe atomiche. Costò circa 23 miliardi di dollari, al giorno d'oggi, ma nessuno si oppose perché temeva che i tedeschi potessero avere la bomba per primi. (In realtà, i tedeschi non ci stavano nemmeno provando).

Il riscaldamento globale è una minaccia grande almeno quanto alcune armi nucleari di prima generazione in mano ai nazisti - molto più grande, direi - quindi perché la risposta è così silenziosa? La gente non riesce a capire che il cambiamento climatico è una minaccia esistenziale che giustificherebbe decine di progetti di crash su scala Manhattan per frenare il riscaldamento?

No, non ci riescono, e sospetto che la colpa sia dei nostri antenati. Tutti i nostri antenati sono stati cacciatori-raccoglitori per almeno il 98% della storia dell'umanità, e i cacciatori-raccoglitori vivevano a breve termine.

Potevano reagire molto velocemente alle minacce immediate e visibili, ma non potevano fare nulla per le sfide a lungo termine, come i cambiamenti del clima o delle rotte migratorie degli animali, quindi non perdevano tempo a preoccuparsene. Noi siamo i loro discendenti e questa è anche la nostra modalità predefinita.

Quello che sto suggerendo, temo, è che potrebbe esserci una sorta di limite di velocità specie-specifico alla velocità con cui le società umane possono rispondere anche a minacce molto grandi, se queste sono lente, impersonali e invisibili. I ricercatori del Progetto Manhattan erano nel bel mezzo di una guerra contro nemici umani; noi non lo siamo.

Se esiste un limite di velocità, significa che siamo condannati? Chi lo sa? Quanto veloce è abbastanza veloce? Ma le scuole di specializzazione sono ora piene di persone che studiano scienze del clima, e la disperazione non è un'opzione utile.