Situata nel distretto di Castelo Branco, Belmonte è una delle città più antiche del Portogallo. Tra Guarda e Covilhã, Fundão e Sabugal, Belmonte ospita 3.500 abitanti, che vivono in un luogo ricco di storie e multiculturalità.



Castello di Belmonte



Il castello di Belmonte fungeva da edificio di difesa per il villaggio, costruito dal vescovo D. Egas Fafes, che edificò la torre e il castello nel villaggio. Più tardi, nel 1446, il re Afonso V donò il castello a Fernão Cabral, e divenne la residenza della famiglia nobile.



L'adattamento delle mura difensive a residenza è visibile attraverso le finestre manueline, sulla parete ovest del castello, che fu poi consumata da un incendio. Tuttavia, secondo alcuni documenti dell'epoca, si stima che il castello abbia ripreso il suo uso militare durante le guerre di Restaurazione del XVIII secolo. I test si concentrano sui bastioni presenti in alcune parti del castello.



Il castello ha una superficie di circa 2.265 metri quadrati, con una pianta ovale irregolare, dove all'interno è visibile un pozzo. Il castello è aperto al pubblico e nel mastio è possibile visitare un'area museale con materiale archeologico.



La Stampa



La Prensa è uno strumento di tortura che serviva a schiacciare i corpi di chi commetteva un crimine, punibile con la morte. Nel caso di Belmonte, la storia è un po' diversa. Secondo una leggenda del paese, la Prensa fu allestita dai nemici che stavano attaccando Belmonte. Mentre la popolazione si rifugiava nel castello, i nemici riuscirono a rapire la figlia del capo delle forze militari di Belmonte. La popolazione, che resistette bene, assistette a un momento di ricatto. O il magistrato avrebbe consegnato il villaggio e la popolazione o tutti avrebbero assistito alla dolorosa morte della figlia. Nonostante le sofferenze, l'uomo decise di badare al bene della popolazione e consegnò la figlia alla morte. Fu così costruita una pressa dove la ragazza sarebbe stata torturata. Dopo aver ucciso la figlia del magistrato, i nemici lasciarono Belmonte e il villaggio fu libero da qualsiasi invasione. La Prensa può essere visitata in Rua Almirante Cândido dos Reis.



Centum Cellas



Nel Colmeal da Torre si trova uno dei monumenti più misteriosi di Belmonte. Sono già state fatte diverse interpretazioni, ma non si è ancora raggiunto un consenso. Potrebbe essere stata una prigione, un accampamento o addirittura una villa romana. Si sa che il sito risale al I secolo d.C. e si pensa che fosse di proprietà di Lucio Cecilio, un ricco operaio metallurgico. La torre principale è alta 12 metri e si sviluppa su tre piani, senza alcuna copertura.



Sinagoga Bet Eliahu


Belmonte si affermò come luogo importante per la comunità ebraica in Portogallo. Durante il XVI secolo, la Chiesa cattolica espulse tutti gli ebrei dalla penisola iberica e gli ebrei che vivevano in Portogallo si convertirono al cristianesimo o dovettero lasciare il Paese. Alcuni ebrei si convertirono ufficialmente al cristianesimo, mantenendo le loro tradizioni culturali in patria.


Tuttavia, alcuni gruppi di ebrei si isolarono dal mondo e dal resto del Paese e mantennero le loro tradizioni. Erano chiamati marrani. Nel caso dei marrani di Belmonte, solo negli anni '70 sono diventati ufficialmente ebrei. Con la forte presenza di ebrei nel villaggio, sono stati costruiti diversi edifici che risalgono alla cultura ebraica, tra cui la Sinagoga Bet Eliahu, inaugurata nel 1996.


Belmonte è un villaggio con un forte potenziale turistico che sicuramente piacerà a tutti coloro che lo visiteranno. Vicino alla Serra da Estrela, visitare Belmonte può essere un'esperienza unica, dove la ruralità è la protagonista.