Anche un vecchio come me (che si avvicina ai 60 anni) non ricorda la vita senza la BBC. È stata qui con noi nella buona e nella cattiva sorte. Una costante che ci ha fatto ridere, ci ha fatto piangere, ha persino fatto arrabbiare alcuni di noi di tanto in tanto. Ma, nota del tutto positiva, la BBC si è intrufolata nelle nostre vite e nei nostri salotti e ha giocato a fare l'insegnante, il dottore ed è stata nostra amica.

In sordina, la BBC ha anche educato la nazione in una moltitudine di modi diversi. The World About Us, Life on Earth, Blue Planet - solo per citare alcuni programmi che si sono rivelati eminentemente educativi, oltre che coinvolgenti e altamente divertenti.

La BBC copre un ampio spettro di argomenti, dallo sport alla satira, dalla comicità alle avventure spaziali. Ha fatto di tutto. Qualunque sia la nostra opinione personale sulla Beeb, è stata al centro della vita e della cultura britannica per un intero secolo. Per quanto mi riguarda, lo ha fatto in modo eccellente.

Da quei sani "bei tempi andati" di salotti accoglienti, schermi monocromatici tremolanti, trasmissioni VHF, linee 405, valvole incandescenti sotto la bachelite a vista, fino agli enormi leviatani a schermo piatto di oggi con definizione 4K, la "voce e l'autorità" della nostra venerata Zia è rimasta una presenza rassicurante. La professionalità e l'integrità della BBC sono state offuscate solo dalla percezione di alcuni spettatori del giorno d'oggi, che di tanto in tanto mettono in dubbio la diligenza e l'imparzialità dell'azienda al punto da rifiutarsi di pagare il canone televisivo. In un mondo dominato dai social media e caratterizzato da fake news e da un'assoluta falsità, la BBC si trova ad affrontare una pletora di opinioni forti. Deve persino stare in guardia contro le diatribe e i commenti sgarbati di alcuni dei suoi presentatori più eminenti quando vanno in onda dal vivo.

La televisione a colori è arrivata sui nostri schermi tramite UHF e 625 linee su BBC2 nel 1969. Il tutto sotto l'occhio vigile di David Attenborough, all'epoca controllore dei programmi della BBC2. Si trattava di una vera e propria svolta per gli appassionati di snooker, che ora avrebbero potuto guardare Pot Black a colori.

La TV per bambini della BBC ha catturato l'immaginazione di generazioni. Guardare le cose attraverso la finestra rotonda, ad arco o quadrata ha reso Playschool un appuntamento quotidiano imperdibile per i bambini di tutte le età, provenienti da tutto il paese. Il programma era così grande da trasformare i giocattoli in mega star. Chi non sarebbe in soggezione di Hamble, Jemima e Humpty se oggi sfilassero sui tappeti rossi? Per quanto riguarda il Blue Peter Garden, meriterebbe di essere scritto in maiuscolo, tanto è stato l'indiscutibile successo del longevo show con John Noakes, Peter Pervis, Valerie Singleton, Leslie Judd, Anthea Turner, Simon Greene e tante altre star. Poi ci sono stati Rhubarb and Custard, Animal Magic, Grange Hill e The Magic Roundabout, che ci hanno portato fino al notiziario delle sei. Tutto questo grazie alla nostra sempre benevola Zia Beeb.

Come se non bastasse, anche i bambini hanno avuto il sabato mattina tutto per loro, per gentile concessione di Noel Edmunds e di The Multicoloured Swap Shop. Con l'aiuto di Maggie Philbin e John Craven in studio e di Keith (Allo Noel!) Chegwin in giro a fare i suoi scambi dal vivo da un luogo diverso ogni settimana, Swap Shop era la delizia del sabato mattina di ogni bambino. Sebbene questi programmi avessero dei rivali su ITV, nessuno lo faceva meglio della BBC. Erano i maestri indiscussi che dominavano l'etere dall'iconico TV Centre di Londra, sede di tutto, da BBC News a Doctor Who.

La BBC è anche la casa di eccellenti fiction. Le loro serie drammatiche si sono guadagnate un seguito di culto, che si tratti di Dr. Who, Blake's 7, Red Dwarf o delle affascinanti storie dello Yorkshire di James Herriot, immortalate nell'adattamento televisivo "All Creatures Great & Small". Quegli scherzi veterinari sono stati portati in vita in modo così vivido grazie a Christopher Timothy, Robert Hardy e Peter Davidson, mentre Carol Drinkwater e Linda Bellingham hanno interpretato rispettivamente il ruolo della moglie di James Herriot, Helen. Stranamente, gran parte di Tutte le creature grandi e piccole è stata girata e prodotta negli studi della BBC di Pebble Mill (Birmingham), purtroppo chiusi dal 2004.

Non c'è modo al mondo di rendere omaggio al secolo di successi della BBC in un breve articolo, ma devo assolutamente menzionare il favoloso e divertente Generation Game. Un brillante show per famiglie che ha portato il mondo dell'intrattenimento leggero e del varietà scintillante su un unico palcoscenico spesso esilarante. Sotto la direzione di grandi personaggi come Bruce Forsyth, Larry Grayson e Jim Davidson, è stato uno show duraturo che ha messo alla prova i concorrenti in una serie di sfide divertentissime. Una cosa che sono tentato di dire a favore della BBC è: "Non hanno fatto bene?".

L'emittente ha portato sul piccolo schermo una serie di star e di sfarzi e lo ha fatto con uno stile e un aplomb tutti suoi. Dato che ci siamo abituati da tempo a vedere tutte queste grandi star fare le loro cose sui nostri televisori, era naturale che noi, il pubblico, volessimo saperne un po' di più su coloro che erano arrivati a occupare un angolo così importante dei nostri salotti e dei nostri cuori.

Ecco allora Sir Michael Parkinson (in onda su BBC1 dal 1971 al 1982) e Sir Terry Wogan. A questi stalloni del piccolo schermo è stato affidato il compito, spesso molto precario, di intervistare coloro che molti di noi hanno tanto venerato. Spesso ci avvertono di non incontrare i nostri eroi e a volte sia lo show di Parkinson che quello di Wogan hanno dimostrato esattamente perché questo sembra essere il caso. Oliver Reed si è presentato con i capelli al vento nello show di Parkinson, mentre Sir Terry ha dovuto tranquillizzare un collega irlandese quando George Best è apparso nel suo show in forma leggermente sottaceto. Il più bello di tutti è stato quando un Emu, presumibilmente sobrio e freddo, ha lottato con Sir Michael Parkinson per terra senza alcun motivo. Sembrava piuttosto doloroso e ho il sospetto che Parkinson dia ancora la colpa al braccio di Rod Hull per questo pezzo estremamente divertente della TV britannica classica!

Che si tratti di Faulty Towers o EastEnders, Dot Cotton o Victor Meldrew, la BBC li ha portati tutti sui nostri schermi. Un'intera estate di incontri sportivi e di schieramenti natalizi ricchi di star, con la consueta dose di "Walford wobblies", mentre l'East End ci regala un'altra serie di disordini natalizi. È tutto tradizionale come una cena a base di tacchino con tutti gli ornamenti. Per finire, avremo anche delle spie cattive con le nostre mince pies (vedete cosa ho fatto) mentre l'ultima avventura di 007 viene presentata "per la prima volta sulla televisione britannica".

Quindi. Chi dice che la BBC non ci offre un buon rapporto qualità-prezzo? Che possa continuare a farlo è tutto ciò che posso dire. Ai prossimi 100 anni.