Una boccata d'aria fresca

scritto Paula Martins, in Notizia · 16-10-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Mentre i medici non sono in grado di individuare le esatte ragioni mediche alla base del miglioramento della respirazione in Algarve, i casi aneddotici, la precedenza storica e i livelli scientifici di qualità dell'aria dimostrano che l'Algarve è davvero una boccata d'aria fresca per molti.

L'Algarve ha grandi livelli di qualità dell'aria, ricca di ossigeno e povera di inquinamento, e il tempo trascorso nel sud del Portogallo può potenzialmente contribuire a migliorare la salute, in particolare per quanto riguarda la salute respiratoria.

Ilse Van Parys visitava l'Algarve da molti anni per le vacanze e si è innamorata della regione. L'ambiente, la qualità dell'aria e lo stile di vita sano sono stati alcuni degli ingredienti che hanno spinto la sua famiglia a trasferirsi in Algarve, dove ha deciso di costruire una casa. Ilse Van Parys è belga, proprio come Sigurd Versailles, un belga affetto dalla SLA, la stessa malattia che ha colpito Stephen Hawking. Sigurd Versailles che è venuto nel sud del Portogallo per migliorare la sua qualità di vita.

Versailles aveva la Sclerosi Laterale Amiotrofica, o SLA, una malattia del sistema nervoso progressiva che colpisce le cellule nervose del cervello e del midollo spinale, causando la perdita del controllo muscolare. Una delle conseguenze della sua perdita di capacità è stato problemi polmonari. La sua capacità respiratoria era di circa il 25% e quando era in Belgio aveva bisogno di un ventilatore per aiutarlo a respirare. Tuttavia, quando è arrivato in Portogallo non ha avuto bisogno di usare una macchina, solo di notte quando dorme, cosa che ha fatto una grande differenza nella sua vita, ha detto Ilse Van Parys, la sua vicina di casa.

"Col tempo poteva fare sempre meno, alla fine non poteva fare molte piccole e semplici cose, la casa doveva essere adattata alle sue esigenze. Tuttavia i medici si meravigliarono del suo livello di salute mentre era in Algarve e, sebbene non fossero in grado di individuare o provare scientificamente il motivo per cui la sua salute era migliore in Algarve, non potevano negare i miglioramenti", ha detto.

"Dopo aver trascorso quattro o sette settimane in Belgio, le sue condizioni di salute non erano così buone", ha detto. E quando tornò dal Portogallo in Belgio, i medici furono molto sorpresi di vedere miglioramenti significativi nella sua salute: "Nonostante non fosse in grado di provarlo scientificamente, i risultati erano chiari da vedere", confermò.

Anche nella sua stessa famiglia vede le differenze: "Ogni volta che i bambini tornano in Belgio la loro salute è sempre leggermente diversa, per esempio, è più facile prendere un raffreddore". Inoltre, la madre ha l'asma e presto si rendono conto che "ogni volta che è in Algarve può respirare meglio".

Secondo Amilcar Martins, un medico in pensione di São Martinho do Porto, Portogallo, che qualche anno fa ha scelto l'Algarve per vivere con la moglie e i figli: "L'atmosfera qui è benefica perché c'è molto meno inquinamento che in altre regioni". Il medico ha fatto un esempio: "Anche in Algarve, vicino all'oceano si respira meglio che in mezzo alla città".

Durante l'anno, i livelli di qualità dell'aria non rimangono sempre gli stessi. Secondo il medico: "Nei periodi più secchi dell'anno, le malattie respiratorie sono meglio tollerate che nei periodi di umidità".

Dati sulla qualità dell'aria

Nel sud del Portogallo, i dati di Qualar - un'organizzazione portoghese che fornisce informazioni sulla qualità dell'aria sul territorio nazionale - hanno rilevato che al momento di andare in stampa, i dati sulla qualità dell'aria erano molto positivi in tutto l'Algarve, classificati come "Molto Buoni" o "Buoni" in tutta la regione.

In Algarve, più precisamente ad Albufeira, presso la Stazione Malpique, sono stati registrati 51 µg / m3 di O3 (ozono), anch'esso classificato come "Molto buono" da Qualar, mentre il livello di NO2, (biossido di azoto), Albufeira è stato considerato "molto buono" per presentare 0 µg / m3, che è un gas considerato molto tossico per i polmoni, non è stato registrato ad Albufeira secondo gli ultimi dati.

Alla luce di questi dati, il presidente della regione turistica dell'Algarve, João Fernandes, sottolinea il rapporto storico dello stile di vita sano dell'Algarve con il passato, ricordando la tradizione del turismo della salute dell'Algarve. João Fernandes ha dichiarato a The Portugal News: "Più di un secolo fa, nel 1918, l'antico sanatorio di São Brás de Alportel curava i pazienti affetti da tubercolosi attraverso l'esposizione all'aria pulita e all'aperto, ritenendo che la catena montuosa dell'Algarve offrisse ai pazienti il miglior ambiente per allontanarsi dall'aria inquinata dai centri urbani. Già allora l'Algarve era uno dei principali centri per il trattamento delle malattie respiratorie in Portogallo e riceveva persone da tutto il paese alla ricerca di aria pulita a scopo terapeutico", ha spiegato.

Un secolo dopo, João Fernandes sottolinea che "la qualità dell'aria in Algarve è ancora valutata "molto buona" e "buona" la maggior parte dei giorni dell'anno, secondo gli indicatori forniti dalle stazioni della rete di monitoraggio QUALAR, gestita congiuntamente dall'Agenzia portoghese per l'ambiente e dal CCDR Algarve", ha chiarito.

"Abbiamo la fortuna di vivere in una destinazione dove le fonti di emissione di inquinanti atmosferici sono praticamente inesistenti, sia attraverso l'industria che da fonti naturali, il che rende l'Algarve una destinazione con grandi potenzialità di essere una destinazione per la salute e il benessere", ha detto João Fernandes che ha concluso affermando che questi fattori sembrano essere immediatamente percepiti dagli stranieri che visitano la regione, contribuendo a influenzare la scelta dell'Algarve come destinazione residenziale per chi cerca una sana qualità della vita.



Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.