Il successo dell'Algarve F1 "dipende dalle persone

scritto Bruno G. Santos, in Algarve · 16-10-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Mentre l'Algarve e il Portogallo si preparano ad accogliere migliaia di visitatori per la prossima gara di Formula 1, i responsabili dell'organizzazione dell'evento parlano dell'impatto che avrà sulla regione e sul paese nel suo complesso.

Dopo 24 anni senza una gara in Portogallo, la gara di Formula 1 ritorna in Lusitania sul tracciato dell'Autódromo Internacional do Algarve, a Portimão, tra il 23 e il 25 ottobre.

A causa della pandemia di Covid-19, il numero di biglietti è stato ridotto. In circostanze normali si sono potuti vendere circa 95.000 biglietti per l'evento, ma la pandemia ha richiesto la vendita di un massimo di 35.000 biglietti.

Il 7 ottobre, Standvirtual ha ospitato un webinar incentrato sull'impatto che il ritorno della Formula 1 avrebbe avuto in Portogallo. Nuno Castel-Branco è stato il moderatore della conversazione con la presenza di Isilda Gomes, sindaco di Portimão, Paulo Pinheiro, CEO dell'Autódromo Internacional de Portimão e Pedro Matos Chaves, ex pilota di Formula 1.

Durante il Webinar, trasmesso in diretta sulla piattaforma YouTube, sono stati discussi temi quali l'impatto economico dell'evento, le caratteristiche del circuito e le misure di sicurezza che la pandemia ha comportato.

Il sindaco di Portimão ha mostrato fiducia nella ricezione dell'evento. Dopo tanti mesi di crisi, secondo il sindaco, sarà difficile coprire il deficit economico causato dalla pandemia con la sola accoglienza degli eventi di Formula 1 e MotoGP. Anche se "agosto è stato ragionevole e settembre è stato buono", le aziende trarranno grande profitto dall'evento. Isilda Gomes va oltre e afferma che i ristoranti che di solito chiudono a ottobre rimarranno aperti, così come gli alberghi dell'Algarve, che sono pieni durante la settimana dell'evento.

Paulo Pinheiro chiede che le regole di sicurezza siano rispettate dai partecipanti, in quanto solo così si può garantire che l'evento possa tornare in Portogallo. Le maschere e le misure di allontanamento sociale sono già una realtà in tutto il mondo, quindi queste stesse regole dovranno essere seguite all'ingresso della manifestazione, così come nell'area degli stand. Alla domanda di uno degli spettatori del webinar sulla vendita dei biglietti, il direttore dell'Autódromo Internacional do Algarve. Paulo Pinheiro ribadisce che "il successo della Formula 1 in Portogallo dipende dalle persone".

Isilda Gomes ha detto che il comune di Portimão sarà pronto a "vivere la Formula 1" e che il comune dovrà mantenere una buona immagine, a partire dalla pulizia degli spazi della città fino agli incontri con gli uomini d'affari nel settore alberghiero. Il Comune sta anche collaborando con le autorità di sicurezza. Il sindaco afferma che sono stati realizzati lavori di riabilitazione stradale e la creazione di un facile accesso agli ingressi e alle uscite dell'Autodromo. E anche se non è garantito "che tutto vada al 100% come previsto", Isilda Gomes è fiduciosa che tutto possa andare bene durante l'evento.

L'ex pilota, Pedro Matos Chaves, ha elogiato le squadre organizzatrici del Portogallo per questo tipo di eventi. Secondo l'ex pilota, gli stranieri sono sempre felicemente sorpresi quando visitano il Portogallo ed è fiducioso che il Portogallo organizzerà un grande evento. Come qualcuno che ha già guidato in pista all'Autódromo Internacional do Algarve, Pedro Matos Chaves, ha detto che la pista è impegnativa e "divertente".

Al termine dell'incontro, Isilda Gomes ha sottolineato che l'evento è stato sostenuto dal Primo Ministro António Costa e che l'evento non può essere visto come una conquista regionale, bensì nazionale, in quanto la gara contribuirà "all'aumento del PIL nazionale". Poiché l'Algarve è una regione che vive di turismo, l'"iniezione di capitale" che l'evento porterà darà impulso alla regione dell'Algarve, con "il sentimento e l'esperienza della Formula 1 in tutto l'Algarve".

Il sindaco di Portimão dice che i risultati del progetto potranno essere quantificati solo in futuro, utilizzando una società assunta dal comune. Isilda Gomes spera che gli eventi di Formula 1 e MotoGP portino in futuro più persone in Algarve e che le immagini condivise dalla stampa diano maggiore visibilità alla regione e al paese nel suo complesso per i futuri visitatori.

L'organizzazione spera che la gara di Formula 1 possa tornare in Portogallo nei prossimi anni e per aiutarla c'è un team di 150 persone che lavora affinché nel 2020 il Portogallo organizzi uno dei migliori eventi legati a questo sport.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.