Costa rifiuta l'approccio nazionale alla migrazione "bomba a orologeria".

in Notizia · 02-10-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Il primo ministro António Costa ha respinto qualsiasi approccio nazionale al problema dell'immigrazione, che considera "europeo", in risposta al PSD, quando gli è stato chiesto se i recenti sbarchi in Algarve debbano essere visti come "una bomba a orologeria" per il Portogallo.

"Ora non siamo stati toccati", ha detto il primo ministro, rivolgendosi alla deputata socialdemocratica Isabel Meireles, che gli ha chiesto quali misure ha previsto di "fermare l'avanzata di questi flussi [migratori] che a medio termine potrebbero fungere da bomba a orologeria per il Paese".

Il Primo Ministro è intervenuto in Parlamento durante il dibattito preparatorio per il Consiglio europeo, che ha coinciso con la presentazione della tanto attesa proposta della Commissione europea per una riforma della politica migratoria europea.

"Se ci sono stati segnali di una nuova rotta atlantica verso l'Europa, questo è un problema che abbiamo affrontato dal momento in cui è arrivato il primo migrante, in qualsiasi paese dell'Unione Europea", ha detto.

Ha aggiunto: "Perché questo non è un problema nazionale, contrariamente a quanto pensa André Ventura, è un problema per tutta l'Unione Europea e a cui dobbiamo rispondere in solidarietà".

"Per questo siamo favorevoli alla solidarietà nella distribuzione dei candidati alla protezione internazionale nell'Unione Europea e per questo abbiamo già accolto circa 350 rifugiati dall'Italia e 1.200 dalla Grecia", ha detto Costa.

Il Blocco della Sinistra e il Partito del Popolo della Natura (PAN) hanno sottolineato la recente tragedia nel sovraffollato campo profughi greco di Moria, dove un incendio ha lasciato migliaia di persone senza tetto, con l'attivista del blocco Beatriz Dias Gomes che denuncia "l'insufficiente risposta dell'Unione Europea" e il deputato del PAN Inês de Sousa Real monito che gli sforzi non possono essere limitati alle "tragedie mediatiche".

Nella sua risposta, il primo ministro ha detto che "l'incendio di Moria era appena cominciato" quando ha contattato la sua controparte greca per rendersi disponibile ad accogliere "circa 100 minori rifugiati immediatamente", "20 di loro minori non accompagnati", una disponibilità che ha trasmesso anche alla presidenza tedesca.

Ma, ha detto, si tratta di uno sforzo sostenuto dal governo, che ha "partecipato volontariamente a tutte le operazioni di accoglienza 'ad hoc' richieste da Malta, Italia e Grecia" e continuerà a "partecipare a tutte".

Il nuovo Patto per le Migrazioni e l'Asilo, annunciato dalla Commissione Europea, mira a rendere obbligatorio per tutti i Paesi dell'Unione Europea l'obbligo di "solidarietà" con i Paesi ad alto tasso di arrivo, come la Grecia, l'Italia o Malta, quando questi ultimi sono "sotto pressione".

L'aiuto può assumere la forma di trasferimento dei richiedenti asilo in altri paesi dell'UE, ma anche di "assistenza per il loro ritorno" nel loro paese d'origine quando viene loro rifiutato l'asilo, ha spiegato la Commissione Europea.



Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.