Covid-19 colpisce duramente il turismo dell'Algarve

in Algarve · 17-10-2020 14:00:00 · 0 Commmenti

Aprile e ottobre sono, per la regione dell'Algarve, i mesi in cui il numero di visitatori è più alto. Tuttavia, il 2020 è stato un anno diverso a causa della nuova pandemia di coronavirus.

In questo contesto, l'Associazione degli alberghi e delle imprese turistiche dell'Algarve (AHETA) ha comunicato alla stampa i dati statistici relativi al turismo in Algarve tra agosto e ottobre del 2020.

In genere, la maggior parte dei visitatori proviene dal Regno Unito che, quest'anno, ha visto chiudere il corridoio aereo e l'obbligo di rispettare una quarantena di 14 giorni all'arrivo nel Regno Unito.

Questo fattore ha portato gli inglesi a non visitare il Portogallo quest'anno, il che ha causato una riduzione di 626 mila ospiti rispetto all'anno precedente nello stesso periodo. Secondo i dati diffusi da AHETA, non è stato solo il numero di pernottamenti a subire un calo massiccio, ma anche il turismo del golf è diminuito del 70 per cento nella regione dell'Algarve.

L'aeroporto di Faro ha ricevuto 5,3 milioni di passeggeri in meno rispetto agli stessi mesi del 2019. La riduzione dei passeggeri provenienti dall'estero è stata piuttosto marcata, essendo evidente nei principali mercati esteri come Germania (-74,4 per cento), Olanda (- 67,3 per cento), Irlanda (- 94,7 per cento) e Francia (- 73,2 per cento), secondo AHETA.

Tra agosto e settembre i risultati sono stati più positivi, grazie alla spinta del mercato interno. Nel 2020, i portoghesi hanno rappresentato circa il 62% dei pernottamenti in hotel e altre strutture simili.

Si stima che in Algarve circa il 20% delle strutture turistiche sia stato chiuso tra agosto e ottobre.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.