Covid-19 letti d'ospedale all'80% di occupazione

in Notizia · 31-10-2020 08:44:00 · 0 Commmenti

Il tasso di occupazione dei letti per i pazienti con Covid-19 è dell'84%, con l'81% nei reparti di terapia intensiva, con la maggiore pressione sul Nord, secondo il Segretario di Stato per la Salute.

In termini globali, "il tasso di occupazione è dell'84% in reparto e dell'81% in Terapia Intensiva . Nella regione settentrionale, il tasso di occupazione in Terapia Intensiva è dell'88% e nel reparto dell'89%, essendo la regione che subisce la maggiore pressione", ha detto Diogo Serras Lopes.

A Lisbona e nella valle del Tago, le unità ospedaliere hanno un tasso di occupazione di posti letto sia in reparto che in terapia intensiva, dove i pazienti più gravi di Covid-19 sono, anche loro sopra l'80%, rispettivamente l'84% e l'82% del totale.

"L'assegnazione dei posti letto nei reparti e quelli di terapia intensiva per i pazienti di Covid-19 è elastica e vi è la capacità di espandersi in base alle necessità", ha aggiunto il Segretario di Stato, facendo riferimento all'articolazione del Servizio sanitario nazionale (SNS) con il settore privato e con quello sociale, ricordando la convenzione firmata in aprile.

Diogo Serras Lopes ha dato come esempio il recente trasferimento di pazienti dal Centro Hospitalar de Tâmega e Sousa, una delle unità ospedaliere più sotto pressione a causa del numero di casi di Covid-19.

"Il centro ospedaliero Tâmega e Sousa, che sappiamo essere il punto più pressante di questa seconda ondata di Covid-19, dispone già di strutture che gli permettono di aumentare la sua capacità", ha detto.

Secondo il ministro, "c'è stata una grande collaborazione tra tutti gli ospedali della regione del Nord, le forze armate e la Croce Rossa per poter aiutare il centro ospedaliero di Tâmega e Sousa e diversi pazienti sono già stati trasferiti in altri ospedali e servizi, permettendoci di dare una risposta più efficace alla domanda aggiuntiva", ha sottolineato.

Sulla possibilità che il Grand Prix do Algarve de Moto GP, tra il 20 e il 22 novembre, venga annullato, dopo che sono stati rilevati casi di infezione nei membri dei team di Formula Uno che si trovavano a Portimão lo scorso fine settimana, Diogo Serras Lopes ha sottoposto la questione alla Direzione Generale della Sanità, dicendo solo che "l'evoluzione della pandemia significa che tutte le misure e gli eventi vengono valutati in modo permanente e vengono prese le migliori decisioni".


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.