L'ex Ministro della Salute vuole un nuovo stato di emergenza

in Notizia · 27-10-2020 15:26:00 · 0 Commmenti

L'ex ministro della Salute Fernando Leal da Costa ha sostenuto, il 26 ottobre, che a un certo punto si dovrebbe nuovamente decretare lo stato di emergenza, affinché il governo possa intervenire nella lotta contro Covid-19.

Fernando Leal da Costa è stato ascoltato dal Presidente della Repubblica, in una serie di audizioni di Marcelo Rebelo de Sousa a personalità legate al settore della salute.

Al termine dell'incontro l'ex ministro (PSD) ha detto ai giornalisti che c'erano misure che dovevano essere prese, come l'uso della maschera o l'allontanamento sociale, ma che ce n'erano altre difficili da prendere perché "il quadro legislativo in vigore in Portogallo non è il più appropriato per le emergenze sanitarie pubbliche".

"Anche se abbiamo una nuova legge sulla salute pubblica, i legislatori in questo periodo non sono ancora riusciti a trovare la formula che permetta una sufficiente flessibilità e velocità per risolvere emergenze sanitarie come quella che stiamo vivendo". E quindi sarà probabilmente meglio al momento giusto dichiarare nuovamente lo stato di emergenza", ha detto.

Uno stato di emergenza che "dà al governo la capacità legislativa di prendere le misure che deve prendere, quando deve prenderle", ha giustificato.

Nelle parole dell'ex ministro, il quadro legislativo generale non è "abbastanza flessibile e malleabile" per prendere le misure necessarie "solo attraverso la legislazione governativa", senza la necessità di autorizzazioni legislative, per cui i governi sono spesso "costretti" a cercare la legislazione in altri settori, come la protezione civile o l'ambiente, per legiferare sulla salute pubblica.

L'attuale situazione della pandemia di Covid-19, ha detto, è "un'eccellente opportunità per i legislatori di pensarci".


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.