Ho appena trascorso due settimane in giro per la Germania a intervistare persone (per lo più scienziati del clima, visto che me lo chiedete), e sono giunto alla conclusione che è il paese più grande del mondo in questo momento, e molto probabilmente solo il migliore.

Alcuni piccoli paesi sono dei veri e propri gioielli, naturalmente, ma è più facile se sei piccolo. Le grandi potenze combattono più guerre, contengono più divisioni, soffrono di delusioni di grandezza più brutte e ridicole. Ma se si considerano solo i Paesi con più di 50 milioni di abitanti, allora la Germania oggi è il più giusto, il meno conflittuale, il più pacifico, in realtà il più bel Paese grande del pianeta.

Questo non era vero trent'anni fa, e forse non sarà vero trent'anni dopo, ma vale la pena di notare che questo mese segna il trentesimo anniversario dell'unificazione della Germania nel 1990, appena un anno dopo la caduta del muro di Berlino. Rispetto a quanto è successo dopo la prima volta che è stato unificato, tutto è andato piuttosto bene.

La prima unificazione della Germania, nel 1871, è stata realizzata con la guerra, e ha portato a guerre sempre più grandi - non solo per colpa della Germania, naturalmente, ma certamente come conseguenza dell'improvvisa comparsa di una nuova grande potenza altamente nazionalistica nel cuore dell'Europa.

Dopo la seconda guerra mondiale la Germania fu divisa in tre. Il terzo orientale fu svuotato dei tedeschi e ceduto alla Polonia (in compensazione del terzo orientale della Polonia prebellica, che fu mantenuto dall'Unione Sovietica). La parte centrale, anch'essa sotto l'occupazione sovietica, divenne la "Germania dell'Est" sotto il dominio comunista, mentre il resto, con la maggior parte della popolazione, divenne la "Germania dell'Ovest".

Le "due Germanie" divennero la cabina di pilotaggio della Guerra Fredda, con enormi eserciti di carri armati pronti a partire e armi nucleari non lontane. Molti capirono che non poteva andare avanti all'infinito, che un giorno il Paese avrebbe dovuto essere riunito - ma erano terrorizzati dalla prospettiva. Temevano che il processo di riunificazione potesse scatenare una guerra, e temevano anche una Germania riunificata.

Lord Ismay, il generale britannico che divenne il primo segretario generale dell'alleanza Nato (che comprendeva la Germania occidentale), disse senza mezzi termini: "La Nato esiste per tenere fuori i russi, dentro gli americani e giù i tedeschi". Il giornalista e poeta francese François Mauriac lo disse in modo più elegante: "Amo così tanto la Germania che sono contento che ce ne siano due".

Se il grilletto per la fine del regime comunista della Germania dell'Est fosse stato in mani britanniche, francesi e americane, non sarebbe mai stato premuto. Ma in realtà era nelle mani degli stessi tedeschi dell'Est, e nel 1989 hanno abbattuto i loro oppressori senza sparare un colpo. Tutti gli altri Stati comunisti dell'Europa dell'Est seguirono l'esempio.

C'era grande gioia in entrambe le parti della Germania - la festa di strada dopo la caduta del muro di Berlino è stata probabilmente la migliore e certamente la più lunga a cui abbia mai partecipato - ma altrove c'è stata una notevole trepidazione. Tuttavia Mikhail Gorbaciov, il leader riformista sovietico, rassicurò tutti dichiarando che Mosca non aveva obiezioni alla riunificazione tedesca, e l'atto fu fatto trent'anni fa.

Ha funzionato molto bene. Ci sono persone tristi e persino malvagie in Germania, come in ogni altro luogo, ma come società emana soddisfazione. Una competenza non plus ultra lubrificata da un tono generale di buona volontà rende meno difficili le piccole transazioni quotidiane, e lo stridente nazionalismo che oggi sfigura tanti altri Paesi si fa notare per la sua assenza.

Al posto di questo i tedeschi hanno una dedizione al progetto europeo: come "Amens" in una chiesa, le invocazioni di "Europa" punteggiano le conversazioni politiche. E se lei dice che questa è una reazione difensiva contro la terribile storia della Germania nelle due generazioni precedenti al 1945, probabilmente sarei d'accordo - ma cosa c'è di sbagliato in questo?

Anche il contrasto economico tra l'est, un tempo governato dai comunisti, e il resto del Paese, a grande svantaggio dei primi, si sta gradualmente erodendo: i redditi medi degli "Ossis" (orientali) sono oggi pari a quasi il 90% dei guadagni dei "Wessi". Tutte le città più "cool", i magneti che attirano i giovani, si trovano nell'ex oriente: Berlino, Dresda, e ora Lipsia.

Non è il paradiso, ma se lo si paragona al populismo incompetente e belligerante che prevale in paesi formalmente democratici come gli Stati Uniti, il Regno Unito, il Brasile e l'India, sembra piuttosto buono. 'Wir schaffen das" (Possiamo farcela), ha detto la cancelliera Angela Merkel quando più di un milione di rifugiati, per lo più musulmani, sono arrivati in Germania nel 2016, e quattro anni dopo sembra che avesse ragione.

Mutti" (Mummia), come la chiamano i tedeschi, è stata cancelliera per metà degli ultimi trent'anni, quindi ci sarà una presa di fiato collettiva quando andrà in pensione l'anno prossimo. Ma il mondo sarebbe un posto migliore e più sicuro se ci fossero più Paesi come la Germania.

Inoltre non ci sono limiti di velocità sulle autostrade. In quale altro posto si può guidare a 160 km/h e avere macchine che ti passano davanti in continuazione?