"La bella gente mangia la frutta brutta"

scritto Jake Cleaver, in Renature · 30-10-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Il progetto portoghese "Flaw4life", che utilizza "il frutto brutto", ha ricevuto il premio LIFE dall'Ambiente dell'Unione Europea (UE), pur essendo il progetto più popolare tra il pubblico.

La cooperativa di consumatori "Frutta brutta" acquista direttamente dai contadini i prodotti rifiutati dai supermercati e li vende ai consumatori nei punti di consegna. Ogni settimana, ogni punto di consegna con 300 consumatori, risparmia lo spreco di più di una tonnellata di frutta e verdura.
I responsabili del progetto portoghese "Ugly fruit&rdquo" spiegano sulla loro pagina che in Europa circa il 30% della frutta e della verdura viene sprecata a causa del loro aspetto. All'origine del progetto c'è il fatto che i consumatori vanno al supermercato per scegliere la frutta più bella, e siccome i supermercati non vendono frutta brutta, hanno smesso di comprarla dai contadini, così il 30 per cento della frutta va sprecata a causa del colore, delle dimensioni e della forma.
Secondo il loro sito web, "l'obiettivo principale di Ugly Fruit è quello di ridurre gli sprechi alimentari per motivi estetici". Ogni prodotto che viene rifiutato dai canali di distribuzione regolari a causa di una forma o dimensione indesiderata è un prodotto potenziale per Ugly Fruit, indipendentemente dal fatto che sia coltivato in una produzione biologica, integrata o convenzionale. Tuttavia, e data la natura responsabile dal punto di vista ambientale di Ugly Fruit, essi lavorano solo con agricoltori locali.
I clienti possono scegliere di acquistare una scatola grande o piccola. Le prime scatole, che vanno dai 3 ai 4 kg e comprendono 7 varietà, hanno un prezzo di 3,60 euro, la scatola grande costa 7,20 euro e contiene tra i 6 e gli 8 kg. Le scatole sono composte da frutta e verdura che potrebbero cambiare settimanalmente a seconda del periodo dell'anno e dell'offerta degli agricoltori della regione.
Il progetto, ha sottolineato la rappresentanza della Commissione Europea in Portogallo, in un comunicato stampa, ha ridotto lo spreco di cibo di oltre 2300 tonnellate, un valore paragonabile alla quantità annuale di cibo sprecato da 13.000 persone.
La frutta brutta è disponibile, per ora, a Lisbona, Almada, Cascais, Amadora, Porto, Matosinhos e Vila Nova de Gaia, ma in futuro potrebbe espandersi in tutte le aree del paese.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.