I campeggiatori legali che scelgono l'Algarve

scritto Paula Martins, in Notizia · 23-10-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

In tutto l'Algarve si possono trovare persone che campeggiano illegalmente, tuttavia, è stato all'interno di un sito legale che The Portugal News ha incontrato due coppie per mostrare il loro stile di vita e il lato legale del campeggio nella regione.

Coloro che vivono nei siti legali dell'Algarve hanno detto di sentirsi più sicuri e di condividere una cosa in comune: "il campeggio si sente come a casa e abbiamo tutte le condizioni per vivere bene".

Quando arriviamo al Camping de Canelas ad Armação de Pêra, veniamo accolti con il sorriso di Eduard Bolsius, che ci porta al bar del campeggio, troviamo il posto dove ogni mattina va a bere la sua "bica cheia" (espresso completo) e a guardare la televisione mentre impara un po' di portoghese con l'aiuto dei sottotitoli.

Bolsius è olandese e conosce già un po' di portoghese, dopo un mese di lezioni e 18 anni di vita in territorio portoghese con la moglie Jolein, almeno 6 mesi all'anno, è più che abituato alla cultura portoghese. Anche se dice di no, mescola già il portoghese con l'inglese ed è in grado di avere occasionali conversazioni con i suoi vicini e con i membri del team di Canelas che lo conoscono da circa 18 anni.

Quando arriviamo al caffè, Bolsius saluta ogni persona che passa con un sorriso. È già conosciuto da tutti. Eduard Bolsius inizia a parlare di come si sente accolto e abbracciato da tutta la comunità - portoghesi, stranieri e anche dal personale, anche al di fuori del campeggio.

Anche il proprietario del campeggio Canelas, "Mister Fernando", è vicino alla gente e li aggiorna sempre sulle nuove regole di Covid 19. "Abbiamo tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno, ci sentiamo sicuri", ha detto Eduard Bolsius.

Quando abbiamo visitato la sua carovana, ci siamo resi conto che la sua realtà era molto migliore di quanto potessimo immaginare. La carovana aveva uno spazio annesso che faceva da salotto e all'esterno c'era un giardino e un piccolo cortile. All'interno era caldo, molto caldo per una giornata fredda, e confortevole.

Eduard ha una vita molto attiva, gioca a golf, cammina molto e va in bicicletta. A 76 anni, Eduard ha solo il 75% della sua capacità polmonare a causa del cancro ai polmoni, tuttavia sottolinea quanto sia felice in Algarve: "La mia vita qui è golf, camminare, andare in bicicletta, nuotare e leggo molto - sono felice di essere qui", ha detto.

Lo stesso si può dire di David e Lesley Jones del Galles, un'altra coppia che vive 6 mesi all'anno, a partire dal 2013, nell'Algarve all'Alvor Camping. La routine di David Jones è: "Cammino per 6 o 7 km al mattino e dopo aver chiesto a Lesley 'Cara, cosa vuoi fare oggi?

David e Lesley Jones scelgono il campeggio perché gli piace essere attivi e lasciano il sito per andare a fare shopping ogni tanto perché "è più economico", ha detto lei e lui ha accettato. Tuttavia, non hanno bisogno di uscire ogni giorno. Hanno tutto nel sito, compreso un minimarket, una piscina, una massaggiatrice e una manicure all'interno del parco del campeggio. Inoltre, il campeggio è enorme, così possono fare passeggiate nel parco.

La domanda sorge spontanea: si ottengono le stesse condizioni se si sceglie il campeggio illegale? Eduard dice di no: "Questo è immediatamente fuori discussione, perché i campeggi legali hanno tutto ciò di cui abbiamo bisogno, ma costa denaro". Il campeggio illegale non ha alcuna forma di organizzazione e porta via le persone da dove dovrebbero campeggiare", dice. L'igiene, oggi più che mai, è un punto importante da sottolineare: "Puliscono tutto tre volte al giorno, nei campeggi legali, il che è un bene", secondo lui. E aggiunge: "In marzo e aprile hanno chiuso i bagni, ma noi ne abbiamo uno nella nostra roulotte, quindi non ci sono stati problemi".

Per quanto riguarda la sicurezza, le due coppie sottolineano il buon comportamento dei portoghesi, che mantengono le distanze di sicurezza e rispettano le regole di sicurezza. Si sentono più sicuri qui che nei loro paesi d'origine - meno infetti e si comportano generalmente meglio.

Mentre nel complesso l'esperienza di campeggiare legalmente in Algarve è molto positiva, ci sono ovviamente alcuni lati negativi.

L'unico punto negativo che Eduard Bolsius ha sottolineato è la mancanza di privacy, ma "impariamo ad affrontarla", ha assicurato. Il contatto sociale, l'ambiente piacevole e la sensazione di essere a casa compensano questo, "per questo non andiamo in hotel e appartamenti".

David e Lesley Jones hanno potuto trovare solo uno svantaggio: "È molto lontano da casa", hanno detto.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.