Case di cura: un problema irrisolto

in Notizia · 09-10-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Anche con un test negativo, i residenti nelle case di cura devono rimanere 14 giorni in quarantena al loro ritorno. È una delle misure del DGS per garantire che la diffusione del virus sia contenuta. Tuttavia, può essere dannosa per il benessere fisico e psicologico e forse non necessaria prima di un test negativo.

La popolazione anziana è stata uno dei gruppi più colpiti dalla situazione Covid-19, non solo perché è un gruppo a rischio, ma anche perché sta diventando sempre più isolata.

Il Portugal News ha indagato la realtà dei residenti delle case di cura e l'impatto delle linee guida della Direzione Generale della Sanità (DGS) in tre diversi istituti dell'Algarve.

Maria de São José Louro, direttore tecnico della Casa de Repouso e Saúde di São Brás de Alportel, garantisce che stanno cercando di minimizzare tutti i rischi; tuttavia, è la prima ad ammettere i problemi psicologici che questo provoca.

Uno dei regolamenti del DGS è l'isolamento profilattico - comune a tutte le case di cura - quando i residenti si spostano all'esterno della casa di cura per, ad esempio, visitare un medico o andare in ospedale, devono rimanere e isolarsi per 14 giorni al ritorno.

"Se rimangono in ospedale per meno di 24 ore, sono tenuti, secondo le linee guida del DGS, a completare 14 giorni di isolamento profilattico. Se vengono ricoverati per più di 24 ore, devono essere sottoposti al test Covid-19, ma anche con un risultato negativo devono essere messi in quarantena per 14 giorni. 14 giorni in una stanza possono avere un grave effetto sulla situazione fisica e psicologica", ha detto. Lo stesso processo avviene quando vengono ricoverati.

Questa casa di cura è specializzata nell'accoglienza di pazienti con il morbo di Alzheimer: "Abbiamo 59 residenti, di cui 21 con il morbo di Alzheimer", ha detto la direttrice.

Spiega che le persone con l'Alzheimer sono sempre in movimento, "immaginate qualcuno che si muove verso la porta per molte ore, la parte cognitiva è compromessa e allarmata". Con l'isolamento, "cambiano gli orari del sonno, dormono nel pomeriggio", e aggiunge che è "molto difficile dare loro una routine attiva, quindi per molte ragioni l'impatto che questi 14 giorni hanno sulle persone in isolamento è un'enorme perdita di capacità".

Le misure per prevenire il contagio di Covid-19 hanno attività limitate che richiedono un'interazione sociale, soprattutto con persone esterne alla casa di cura, e hanno visite limitate da parte delle famiglie: "Le visite vengono effettuate all'estero utilizzando una barriera acrilica", ha spiegato la direttrice.

Le videochiamate non sono sempre una buona soluzione: "Le videochiamate per queste persone hanno un risultato negativo; hanno un livello di insoddisfazione molto alto, soprattutto per la famiglia", ha detto, e giustifica il fatto che le persone con l'Alzheimer non possono prestare attenzione e interagire con la conversazione sullo schermo.

Al Monte Da Palhagueira - Country House Nursing & Retirement Homes in Algarve, il 100% dei residenti sono stranieri e molti di loro sono abituati a comunicare con le loro famiglie tramite videochiamate a causa della distanza. Più sorpresi sono stati i residenti che hanno una famiglia che vive in Portogallo e che sono abituati al contatto con la famiglia: "Il tocco umano è essenziale", ha spiegato Alexandre Neves, il direttore generale del Monte da Pagalheira.

Monte da Pagalheira è un villaggio con una casa di cura associata, per creare un'atmosfera familiare, in entrambi: "Nel villaggio la gente ha un'indipendenza quasi totale, aiutiamo quanto è necessario, ma con l'indipendenza. Abbiamo infermieri 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana", ha detto. Questo concetto permette, per esempio, alle coppie di vivere vicine l'una all'altra, una può essere nel villaggio e l'altra nella casa di cura "se uno ha bisogno di più sostegno e l'altro è ancora in uno stato di grande indipendenza", spiega.

Secondo lui, la situazione pandemica ha evidenziato ancora di più il Portogallo come destinazione sicura per godere dell'età pensionabile e confessa che la lista d'attesa per il Monte da Pagalheira continua a crescere con l'aumento della domanda. Inoltre, gli abitanti del villaggio, avendo una casa propria, rendono ancora la loro vita indipendente e si mantengono in contatto con l'esterno, hanno visto diminuire solo il numero delle attività sociali, per rispettare le linee guida del DGS.

A Lagoa, João Carlos Pereira, presidente del Centro Popular de Lagoa, ha anche altre preoccupazioni. A causa dell'allarmismo dei media "chi è autonomo e si trovava in lista d'attesa, finisce per arrendersi perché non vuole sentirsi in prigione", ha detto.

Tuttavia, ha fatto in modo che le case di cura "non siano un luogo oscuro, come sembra ora nei media". Lo spazio è aperto, gli utenti possono muoversi il più possibile e la casa di cura cerca sempre di promuovere alcune attività, sempre secondo le misure di sicurezza. Ma, naturalmente, "dobbiamo rispettare le regole per garantire la sicurezza", ha detto.

Per finire, Maria de São José Louro ha fatto un appello: "La sicurezza sociale e il DGS dovrebbero parlare con chi è sul posto: le visite attraverso la finestra senza contatto sociale non sono nulla, e gli anziani erano abituati a molto affetto, tutto questo è molto freddo" ha detto aggiungendo che "altri sei mesi come questo e non so come i residenti saranno in grado di affrontare".

Tutte e tre le case di cura hanno confermato che non hanno registrato alcun caso positivo di coronavirus.



Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.