Portogallo al di sotto della media UE in materia di parità di diritti

in Notizia · 01-11-2020 18:00:00 · 0 Commmenti

Il Portogallo si trova al 16° posto nell'Indice di uguaglianza di genere 2020, al di sotto della media dell'Unione Europea (UE).

Dal 2010, quando l'Indice - un'iniziativa dell'Istituto Europeo per l'Uguaglianza di Genere (EIGE), un'agenzia dell'UE con sede a Vilnius, Lituania - ha iniziato a essere pubblicato, il Portogallo è salito di quattro posizioni nella tabella, attualmente guidato da Svezia, Danimarca e Francia.

I livelli più alti di disuguaglianza sono avvertiti soprattutto all'interno della famiglia, in cui i compiti domestici sono ancora attribuiti principalmente alle donne, come l'assistenza familiare che include le donne costrette a saltare il lavoro in alcune occasioni.

Per quanto riguarda la sfera di potere, il Portogallo è uno dei sei Paesi con una legislazione sulla parità di genere nelle aziende, ma è ancora al di sotto dell'obiettivo. Nel 2017 il Portogallo ha adottato quote per le donne nelle aziende pubbliche e in un anno la rappresentanza femminile nei consigli di amministrazione e negli organi di vigilanza è passata dal 16,2% al 24,8%.

"La politica avrà un impatto. La politica della parità nell'amministrazione aziendale ha avuto un impatto sulle decisioni economiche", ha detto il lituano Jolanta Reingarde, ricercatore e coordinatore del progetto presso l'EIGE, in un'intervista all'agenzia di stampa Lusa.

La Francia è l'unico Paese dell'Unione Europea ad avere più del 40% di donne nei consigli di amministrazione delle imprese: Belgio, Danimarca, Germania, Italia, Olanda, Finlandia e Svezia sono circa un terzo delle donne.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.