Il Portogallo decide oggi nuove misure per controllare la pandemia

in Notizia · 31-10-2020 08:28:00 · 0 Commmenti

Il Consiglio dei Ministri si riunisce oggi per varare "azioni immediate" per controllare la pandemia, un giorno dopo che il Primo Ministro ha ricevuto i partiti con seggi parlamentari per raggiungere un consenso su queste decisioni.

In considerazione del peggioramento della situazione a livello nazionale, il primo ministro ha incontrato venerdì i partiti con seggi parlamentari, mentre il ministro dell'Economia ha ricevuto le parti sociali su possibili misure di contenimento.

"Non abbiamo escluso all'inizio nessuna possibile misura, ma comprendiamo che dobbiamo adottare misure che turbino il meno possibile la vita personale, sociale ed economica. Dobbiamo tenere conto di un secondo elemento che ho cercato di trasmettere: Siamo di fronte a una corsa a lunga distanza e quindi non possiamo esaurire tutti i nostri sforzi o tutte le misure nei primi momenti", ha detto giovedì António Costa.

La riunione straordinaria del Consiglio dei Ministri, che inizia alle 10:00 del mattino, nel Palácio da Ajuda, si svolge un giorno dopo che il Paese ha superato i record dall'inizio della pandemia con la registrazione di 40 morti, 4.656 infetti e 1.927 ricoverati, di cui 275 in terapia intensiva, secondo la Direzione Generale della Salute.

Sul tavolo della discussione ci saranno diverse possibilità, tra cui il ritiro obbligatorio e l'estensione delle restrizioni imposte a Paços de Ferreira, Felgueiras e Lousada ad altri comuni, come ha dichiarato venerdì il ministro dell'Economia, Siza Vieira.

Secondo il partito PAN, il governo sta valutando di decretare un blocco generale, ma solo nella prima metà di dicembre, per preservare il periodo natalizio. Tuttavia, il leader del partito PAN, André Silva, ha affermato che questo provvedimento non è stato presentato come certo e ha sottolineato che richiede lo stato di emergenza.

Secondo il leader dell'Iniziativa Liberale, Cotrim Figueiredo, il Governo ha ammesso all'udienza di venerdì la possibilità di imporre l'isolamento nelle contee dove il tasso di incidenza raggiunge i 240 per 100.000 abitanti.

Rui Rio del PSD ha avvertito che la situazione attuale è "ancora più grave" di quella vista a marzo, ma ha detto che il Paese non subirà l'isolamento generale perché l'economia del Paese non lo permetterà. Il partito del PSD, ha detto, sarà sempre "dalla parte della soluzione", nel caso il Governo proponga un nuovo stato di emergenza.

La coordinatrice del BE Catarina Martins, per il momento, ha escluso la necessità di un nuovo stato di emergenza, sostenendo che il Governo dovrebbe utilizzare tutta la capacità installata in sanità, se necessario utilizzando la requisizione civile del settore privato e sociale.

Il partito Chega, che ha consegnato al Tribunale Amministrativo di Círculo de Lisboa un "mandato di comparizione per la difesa dei diritti, delle libertà e delle garanzie" contro il divieto di circolazione tra i comuni del territorio nazionale (che dura fino alle 06:00 del 3 novembre), André Ventura ha criticato la possibilità di applicare le norme già in vigore a Paços de Ferreira, Lousada e Felgueiras su tutto il territorio nazionale, ritenendo che questa sarebbe "un'ingiustizia".

Per quanto riguarda la possibilità di un nuovo confinamento generale nella prima metà di dicembre, André Ventura ha ritenuto che "non è giustificato e potrebbe anche essere controproducente".

Lo stato di emergenza è stato decretato, per 15 giorni, dal 19 marzo al 2 aprile 2020 ed è stato rinnovato due volte, con effetto fino al 2 maggio.

Il Portogallo è in stato di calamità dal 14 ottobre su tutto il territorio nazionale.



Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.