Supermercato online portoghese che elimina gli sprechi alimentari

in Business · 22-10-2020 11:34:00 · 0 Commmenti

Le vendite di GoodAfter, il primo supermercato online del Portogallo per prodotti vicino o al di fuori della data di consumo preferita, sono cresciute del 250 per cento nella penisola iberica dall'inizio della pandemia, ha detto a Lusa uno dei fondatori del progetto.

Secondo Chantal Camps de Gispert, nei quattro anni di attività di GoodAfter - la piattaforma è stata lanciata nel 2016 da una 'start up' a Porto - più di 225 tonnellate di prodotti sono già state vendute ai mercati del Portogallo e della Spagna, dove l'azienda opera.

In un'intervista all'agenzia Lusa, nell'ambito della Giornata Mondiale dell'Alimentazione, svoltasi il 16 ottobre, il co-fondatore dell'azienda ha spiegato che la piattaforma vende prodotti alimentari e non alimentari vicini alla fine o al di fuori del periodo di consumo preferenziale, con sconti fino al 70% sul prezzo medio, ma "con tutte le garanzie di sicurezza alimentare".

"Oggi i portoghesi hanno una maggiore consapevolezza degli sprechi alimentari e una nozione di sicurezza totale di ciò che significa consumare prodotti che sono al loro limite, o che superano, la data di consumo preferenziale", ha detto Chantal Gispert.

Con la crisi pandemica, la domanda dei consumatori nei due Paesi in cui opera GoodAfter è salita alle stelle, con l'azienda "completamente sotto pressione, con migliaia di ordini", da marzo, che si è tradotta in una crescita del 250 per cento delle vendite durante i mesi della pandemia.

"Oggi questa pressione continua ed è anche dovuta alla crisi economica, poiché offriamo tre cose in una: la qualità, la lotta agli sprechi e il prezzo", ha sottolineato, aggiungendo che la piattaforma ha attualmente più di 7.000 clienti, la metà dei quali sono "clienti fedeli".

"Vogliamo svegliare e rendere le persone consapevoli del cambiamento delle abitudini e dei comportamenti ambientali e più sani, permettendo così, attraverso un cambiamento di mentalità e di comportamento, la riduzione del volume degli sprechi alimentari e il miglioramento della dieta e della salute delle persone", ha detto.

I fornitori di GoodAfter vanno dagli stessi produttori di prodotti ai distributori, ai supermercati e ai piccoli negozi di alimentari, in quanto "hanno tutti problemi di validità, linee fuori produzione o prodotti stagionali".

La maggior parte della merce viene acquistata in Portogallo, ma l'azienda ha fornitori anche in paesi come Spagna, Francia, Italia e Paesi Bassi.

I prodotti venduti sul sito web di GoodAfter vanno da prodotti alimentari come conserve, conserve e altri, a prodotti non alimentari come shampoo, ammorbidenti o prodotti per la pulizia, con la piattaforma che lavora con marchi come Renova, Jerónimo Martins, Reckitt, Henkel, Cerealis, Nicola, Condi e Nobre.

La piattaforma logistica del supermercato online si trova nell'Ipercentro di Areosa a Porto, dove i prodotti vengono immagazzinati e prelevati, da dove vengono poi inviati in Portogallo (responsabile del 70% delle vendite) e in Spagna.

Le spese di trasporto (a carico dell'acquirente) sono di 3,95 euro in Portogallo e 4,95 euro in Spagna, con spedizione gratuita per ordini pari o superiori a 49 euro.

Nel Portogallo continentale le consegne vengono effettuate in uno o due giorni lavorativi, mentre per la Spagna vengono effettuate nei due o tre giorni lavorativi successivi all'ordine.

Operando con l'approvazione dell'Autorità per la Sicurezza Alimentare ed Economica (ASAE) e il parere positivo della Direzione Generale per gli Affari Alimentari e Veterinari (DGAV), GoodAfter spiega che non solo commercializzano prodotti scaduti, ma anche prodotti con una data di consumo preferenziale, fino a quando i marchi garantiscono la perfetta qualità degli stessi (differenza tra "Best before" e "uso consigliato per data").

"Oltre tale limite, i prodotti possono essere consumati e commercializzati in modo legale, poiché la sicurezza alimentare non è messa in discussione, e possono essere venduti a prezzi sostanzialmente più bassi, portando così ad un elevato risparmio sulle bollette dei consumatori", ha spiegato.

Assumendo se stesso come "una soluzione chiaramente 'verde'", questo progetto di origine portoghese mira a ridurre gli sprechi alimentari, gli sprechi e l'inquinamento derivanti dalla loro eliminazione e attualmente ha un team di otto persone a Porto.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.