La flessibilità è indicata come il miglior vantaggio che il lavoro da casa ci offre. Per la psicologa clinica e professoressa dell'Università ISMAT, Ana Martins, "Il lavoro a distanza permette di lavorare principalmente per obiettivi e non tanto per il rispetto rigoroso degli orari di lavoro e il raggiungimento degli obiettivi è uno dei vantaggi che le aziende spesso desiderano".

"Psicologicamente può portare ad una sensazione di soddisfazione personale e ad una maggiore produttività. Da un lato, il lavoratore è in grado di svolgere i compiti, dall'altro, è in grado di stare più vicino alla famiglia e di mantenere relazioni personali", ha detto. È il migliore dei due mondi - e la cosa curiosa è che alcuni studi sottolineano che le persone che lavorano a distanza e lavorano per obiettivi di solito lavorano più ore, perché "quando si lavora per obiettivi, le persone sentono il bisogno di mostrare più lavoro e finiscono per lavorare più ore".

Un altro vantaggio è la riduzione dei costi legati al cibo e al trasporto. In termini di trasporto perché la persona perde la necessità di fare i pendolari per recarsi al lavoro, almeno non così spesso. Anche in termini di cibo, molte persone hanno sentito dei vantaggi. "Quando mangiamo a casa abbiamo una dieta più sana".

Per pochi, il lavoro a distanza era una realtà molto prima della pandemia, ma per molti era un nuovo paradigma che ci porta molte cose buone. Ora siamo in grado di lavorare in qualsiasi parte del mondo, cioè senza obblighi di restare nel Paese, possiamo iniziare a scegliere dove e come vivere. Tuttavia, alcune di queste cose buone hanno anche alcuni punti negativi - come il calo dei livelli di concentrazione quando si lavora da casa.