L'uomo degli uccelli

scritto Jake Cleaver, in Stile di vita · 23-10-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Se avete letto The Portugal News negli ultimi mesi, alcuni di voi avranno notato che nell'angolo di una pagina c'è una bella foto di un uccello che potete trovare qui in Algarve, insieme ad alcune informazioni interessanti.

Avrete anche notato che sono sempre state firmate da 'Alan Vittery'.
Se le avete lette ogni settimana, avrete anche notato che i commenti sui volatili che ha osservato in Pakistan, e nelle Azzorre per esempio, non sono stati molto significativi. Osservazioni che accennano a una vita piuttosto interessante, e vi lasciano senza parole: chi è l'uomo dietro la telecamera dei birdwatcher?
Alan ha inviato questi deliziosi piccoli frammenti di informazioni sugli uccelli per un po' di tempo - ma sapevamo molto poco di lui. Era ora che gli facessimo visita.
L'ho trovato in una bella casetta vicino a Vila do Bispo, sulla costa occidentale, una zona di una bellezza selvaggia. Alan mi ha accolto e mi ha invitato a fare due chiacchiere sul suo balcone, dove aveva tutti i suoi telescopi posizionati sulla sua fantastica vista sulle montagne. Qui si siede quasi tutti i giorni, e con oltre 70 anni di birdwatching alle spalle (ha iniziato a 7 anni), e quelle che secondo lui sono più di 100.000 ore di esperienza sul campo, dubito che ci sia una sola piuma che svolazza vicino alla sua finestra che non possa identificare immediatamente.
Alan è un vero gentiluomo di vecchia scuola. Abbiamo iniziato a chiacchierare e ben presto è diventato chiaro che i miei sospetti che abbia vissuto una vita piuttosto straordinaria erano fondati. Quando ha lasciato la scuola è entrato nel Ministero degli Esteri, che ha riconosciuto subito la sua capacità di scrivere, ed è stato presto mandato negli angoli più remoti del globo.
Nel suo periodo con il Ministero degli Esteri Alan è stato inviato in Bulgaria, Gambia, Turchia, Pakistan e infine in Mozambico). Alan ne era entusiasta, perché gli permetteva di coltivare la sua passione per il birdwatching, come dice lui stesso, "a spese di Sua Maestà".
Tuttavia, a quei tempi, andare in giro di nascosto con un binocolo nei Paesi comunisti lo metteva occasionalmente nei guai. Forse non sorprende che la gente pensasse che stesse spiando, e a volte, sotto la minaccia delle armi, doveva spiegare che stava solo cercando di meravigliarsi della loro magnifica avifauna. Una scusa comoda per le rare occasioni in cui, in realtà, stava spiando. (Era il 1963. Sicuramente siamo sicuri di lasciarcelo sfuggire ormai?)
Mentre era stato inviato in Pakistan nel 1973, un'inondazione ha inquinato le riserve d'acqua e Alan ha purtroppo contratto l'epatite. Sarebbe stato già abbastanza grave, ma un medico ha erroneamente diagnosticato la malaria e gli ha dato una medicina per questo. Questo ha peggiorato di molto i suoi problemi al fegato e lo ha quasi ucciso.
Alan è sopravvissuto, ma gli è stata concessa una breve tregua perché il Ministero degli Esteri, "nella loro infinita saggezza" come dice Alan, ha deciso di trasferirlo immediatamente ad Addis Abeba, che con le pessime condizioni igieniche e l'alta quota non si è rivelato il luogo migliore per la sua guarigione. Inevitabilmente la sua salute ne ha risentito e lui è stato invalidato fuori dall'Etiopia. Ma non appena si è sentito un po' meglio è stato rimandato sul campo. Questa volta in Mozambico, che ancora una volta Alan dice "non era un centro benessere". Ma come sempre fu contento perché gli permise di fare un po' di ornitologia pionieristica.
Nel 1979, però, sua moglie Bonnie (che lo aveva accompagnato in tutti questi luoghi) volle riprendere la sua carriera, e Alan smise di lavorare per il Ministero degli Esteri e tornò in Inghilterra dove passò 10 anni a lavorare per il Nature Conservancy Council come capo del Site Safeguard Branch.
Ahimè, la sua eredità di malattie tropicali lo raggiunse, e nel 1990 gli fu dato il pensionamento medico. Alan era felice, e lo è tuttora, poiché ora può essere un birdwatcher a tempo pieno!
Ha trascorso quelli che ha descritto come i migliori 20 anni della sua vita nelle Highlands della Scozia, dove ha scoperto molti uccelli rari e ha pubblicato "The Birds of Sutherland".
Ma il freddo alla fine è diventato troppo per Alan e Bonnie, e hanno deciso di trasferirsi nella piccola isola di Santa Maria nelle Azzorre nel 2009. Purtroppo Bonnie è morta nel 2012.
La ricca vita degli uccelli avrebbe tenuto Alan felicemente a Santa Maria, ma qualche anno dopo ha incontrato Paula, un'artista brasiliana che voleva trasferirsi da qualche parte con un mercato più grande in cui mostrare i suoi notevoli talenti. Lei suggerì loro di trasferirsi in Algarve, e Alan, che già conosceva le fantastiche opportunità per il bird spotting qui, accettò.
Questa è solo una breve panoramica della vita di Alan, e si spera che non abbia dato via troppo, dato che ha recentemente pubblicato la sua autobiografia "What's in a life?", disponibile su Amazon se volete saperne di più.
Ma questo non è l'unico libro che Alan ha pubblicato. Nel corso degli anni ha pubblicato molti libri di uccelli (uno dei suoi ultimi è, naturalmente, "Gli uccelli dell'Algarve"). Ma ha anche molta immaginazione, e mentre eravamo seduti sulla sua terrazza a guardare gli uccelli volare, mi ha detto di aver scritto anche due libri di narrativa. Entrambi ci chiedono di viaggiare nel tempo. Il primo verso il passato, e il secondo verso il futuro.
È stato un grande piacere incontrare Alan. Gli ho chiesto se aveva intenzione di continuare a mandarci le sue piccole informazioni sulla nostra vita degli uccelli. Ha detto che non c'è motivo per non farlo. Ama scrivere, e l'Algarve ospita una serie infinita di avifauna per riempire le nostre pagine nel prossimo futuro.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.