La Nuova Caledonia ha votato per rimanere francese con una maggioranza del 53,3% al 46%.

Non è una maggioranza schiacciante, ma è stato il secondo referendum in due anni a respingere l'indipendenza nell'arcipelago del Pacifico del Sud, quindi possiamo considerarlo un affare fatto.

La cosa strana di questo risultato è che quasi tre quarti delle 270.000 persone delle isole non sono di origine europea. Sono 'Kanak' (discendenti degli abitanti originari della Melanesia), altri abitanti delle isole del Pacifico, o asiatici, ma una parte sostanziale di loro vuole rimanere cittadina di un paese europeo a più di 16.000 km di distanza.

Eppure non è un caso unico. Mentre le altre potenze dell'Europa occidentale hanno dato l'indipendenza a tutte le loro colonie più di una generazione fa, la Francia rimane non solo nel Pacifico meridionale (Nuova Caledonia e Polinesia Francese) ma anche in Africa (Mayotte e Riunione), nei Caraibi (Martinica e Guadalupa) e in Sud America (Guyana Francese).

Inoltre, lo fa con l'approvazione degli abitanti locali, anche se da nessuna parte i francesi sono la maggioranza etnica. Qual è il fascino misterioso dell'essere francese che convince tanti extraeuropei a votare a favore di vivere nei "dipartimenti d'oltremare" della Francia stessa?

Gran parte del fascino si scrive M-O-N-E-Y. Se si vive in un dipartimento d'oltremare della Francia, allora si ottiene una buona istruzione gratuita e un livello di servizi pubblici e sociali di livello francese. Il reddito pro capite in Nuova Caledonia è dieci volte superiore a quello di altre nazioni insulari vicine come le Fiji, Vanuatu, Samoa e le Isole Salomone.

Mauritius e la Riunione sono grandi isole quasi identiche al largo della costa orientale del Madagascar. Parlano entrambi il francese, ma il Mauritius è caduto in mano britannica nel 1810 e ha ottenuto l'indipendenza nel 1968, mentre la Riunione è rimasta sotto il dominio francese ed è ora un dipartimento d'oltremare della Francia. Il PIL pro capite di Mauritius è di 11.203 dollari l'anno, quello della Riunione è di 25.900 dollari.

Lo stesso vale per i Caraibi. Guadalupa e Martinica, con circa 400.000 persone ciascuna, hanno un PIL pro capite di 25-27.000 dollari; le due isole ex britanniche più vicine, Dominica e St. E la Guyana francese ha il più alto reddito pro capite di tutto il Sud America (anche se ciò è dovuto in gran parte al fatto che ospita il principale porto spaziale dell'Unione Europea).
La più sorprendente di tutte sono le Isole Comore, a nord del Madagascar. Tre delle quattro isole principali hanno votato per l'indipendenza in un referendum del 1974. La quarta isola, Mayotte, ha votato per rimanere con la Francia allora, e ha scelto il pieno status di "dipartimento d'oltremare" con una maggioranza del 95,5% in un altro referendum del 2009.

L'orgogliosamente indipendente "Unione delle Comore", forte di un milione di persone, ha un PIL pro capite di 1.400 dollari. Quello di Mayotte è dieci volte più alto, e metà del suo quarto di milione di persone sono immigrati clandestini dalle altre isole.

L'Unione africana insiste ancora sul fatto che lo status di Mayotte è illegale, perché non si è decolonizzata con le altre isole, ma i Mahorais non sono interessati, soprattutto perché l'Unione delle Comore è anche la capitale mondiale dei colpi di stato militari. A loro non sembra importare che la legge islamica tradizionale sia stata sostituita dal codice civile francese (o almeno la metà femminile della popolazione non lo fa).
Nessuno di questi luoghi è un paradiso terrestre, e nessuno gode di un tenore di vita così alto come la Francia stessa. Ci sono stati violenti movimenti indipendentisti in molti di essi negli anni Settanta, prima che la Francia adottasse la strategia di donare loro dei benefici economici.

Per un nuovo caledoniano o un reunionario ha perfettamente senso scambiare le dubbie benedizioni di una nazione povera di un piccolo Stato con la cittadinanza di un Paese del Primo Mondo e l'accesso a tutti i suoi benefici, senza nemmeno dover uscire di casa.

E se si vuole lasciare la propria casa, ci si può trasferire in Francia (come molti fanno) o in qualsiasi altro paese dell'Unione Europea. Il vero rompicapo è: cosa ci guadagnano i francesi?

Non è certo un guadagno economico: i sussidi che la Francia paga superano di gran lunga i profitti che potrebbe ottenere dall'accesso privilegiato alle limitate risorse di questi piccoli territori. I benefici per la Francia sono quasi tutti psicologici.

La maggior parte degli altri imperi europei sono stati gestiti come pragmatiche imprese commerciali. Se le colonie non ottengono più profitti, forse perché diventano troppo costose da controllare, allora se ne vanno e le abbandonano a se stesse.

La Francia ha avuto un investimento emotivo maggiore nell'impero, forse perché era in costante declino dall'essere la più grande potenza europea del XVIII secolo a uno status molto più umile oggi. Potrebbe essere pragmatico se necessario (come quando ha dato l'indipendenza a tutte le sue colonie africane continentali nel 1960), ma è disposto a pagare per il privilegio di avere piccoli pezzi di Francia in altri continenti.
Chi potrebbe criticare gli abitanti di quei luoghi per aver approfittato di questo folle?