Storicamente l'Oceano Artico si ghiacciava fino ai suoi margini (le coste settentrionali del Canada, della Groenlandia, della Russia e dell'Alaska) ogni inverno - 14 milioni di chilometri quadrati di ghiaccio - per poi sciogliersi in circa la metà di quell'area nell'estate successiva. Non quest'anno.

La stagione dello scioglimento estivo si è conclusa il 15 settembre, con poco più di un quarto dei ghiacci invernali rimasti (3,74 milioni di kmq.). È la seconda più bassa in assoluto, ma normalmente la copertura di ghiaccio avrebbe ricominciato ad espandersi subito. Quest'anno non è successo.

Il bordo del ghiaccio a nord della Scandinavia e della Russia europea è rimasto dov'era, e il ghiaccio sul Mar di Laptev (a nord della Siberia centrale) si è di fatto ritirato più a nord. Probabilmente ora inizierà presto a ricongelarsi, ma ha già fatto scattare l'allarme in tutta la comunità scientifica.

Tuttavia, sta rendendo molto felice la comunità marittima. In una conferenza del 2019 del Forum internazionale sui trasporti dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha discusso con gioia della prospettiva che il ghiaccio si stia restringendo e assottigliando così velocemente che le navi potrebbero presto essere in grado di navigare direttamente attraverso l'Oceano Artico piuttosto che strisciare intorno ai bordi.

Se il ghiaccio marino scompare completamente anche solo per un anno, in tutti gli anni successivi il vecchio ghiaccio spesso e pluriennale scomparirà. Nel peggiore dei casi le navi dovrebbero farsi strada attraverso il nuovo, sottile ghiaccio di un solo anno anche al Polo Nord, quindi non ci sarebbe bisogno di rompere il ghiaccio anche in inverno. Evviva!
Questi sciocchi non dovrebbero abbracciarsi con gioia. Dovrebbero rabbrividire dalla paura, perché un Oceano Artico senza ghiaccio potrebbe essere un evento abbastanza grande da far precipitare il clima mondiale in un riscaldamento molto più veloce e irreversibile. Questo è ciò di cui dobbiamo davvero aver paura: la sbandata improvvisa, il "cambiamento non lineare" che ci trasporta in un mondo di dolore.

Il ghiaccio del mare Artico, in pieno inverno, che copre un'area di nuovo grande la metà di quella degli Stati Uniti, è come un gigantesco specchio che riflette il calore del sole nello spazio. Sostituitelo con acqua aperta che assorbe i raggi del sole, e avete creato un nuovo gigantesco motore di riscaldamento globale che non potete spegnere.

Potrebbe accadere l'anno prossimo, potrebbe non accadere per altri vent'anni, ma il treno ha già lasciato la stazione. Sono le emissioni di gas serra a causare il riscaldamento, ma nessuna riduzione delle emissioni ora lo fermerà: c'è già abbastanza CO2 nell'aria per sciogliere tutto il ghiaccio marino nel prossimo futuro.

Sarebbe una catastrofe, quindi alcuni climatologi stanno pensando seriamente al prossimo passo logico. L'Artico si sta riscaldando tre volte più velocemente del resto del pianeta, quindi il dottor Hugh Hunt del Centre for Climate Repair dell'Università di Cambridge è pronto a fare questo passo.

"Tre anni fa, se me lo aveste chiesto, vi avrei detto che spero che non dovremo fare nessuna di queste stronzate di geoingegneria. Non è quello che vorresti fare, ma ora non riesco proprio a vedere questa situazione andare in un'altra direzione. Spero davvero che faremo un lavoro adeguato, finanziato dal governo, su come funzionano queste tecniche di geoingegneria, perché è sicuro come l'uovo è l'uovo che dovremo farle".

Molto a malincuore, Hunt sarebbe ora disposto a prendere in considerazione l'idea di mettere un aerosol (probabilmente anidride solforosa) nella stratosfera sopra l'Oceano Artico per riflettere abbastanza luce solare in entrata da mantenere bassa la temperatura locale. Tecnicamente sarebbe meno difficile che farlo altrove, perché la stratosfera sopra l'Artico è alta solo la metà di quella che si trova all'equatore e gli aerei esistenti potrebbero fornire l'aerosol.

Sa che ci sono molte domande a cui bisogna rispondere prima di farlo. Gli effetti dell'aerosol sarebbero limitati alla regione artica? Altrimenti sarebbe necessario il consenso di tutto il pianeta per farlo, non solo degli otto membri del Consiglio Artico (che probabilmente sarebbero favorevoli se fosse sicuro, perché hanno sicuramente un cane in questa lotta).

Ma se la ricerca dicesse che è sicuro, allora Hugh Hunt sarebbe pronto a farlo: "C'è qualcosa da dire per riportare l'Artico in modalità di ricongelamento ogni inverno un po' più di quanto non si sciolga in estate". Forse un po' di iniezione di aerosol stratosferico potrebbe spingerlo nella giusta direzione".

Non è il solo a giudicarlo. L'alternativa è probabilmente molto peggiore.