La pantomima britannica è un tradizionale spettacolo natalizio in cui i personaggi di serie affrontano pericoli immaginari e la partecipazione del pubblico è incoraggiata ("È dietro di te!"), ma la commedia non spaventa mai i bambini e ha sempre un lieto fine.

Il primo ministro britannico Boris Johnson potrebbe essere un personaggio pantomimico: arrossisce e si infuria, si assume i rischi più terribili, e sembra farla franca. Dopo la sua ultima mossa, un diplomatico britannico di alto livello ha osservato stancamente che "ci stiamo abituando a far parte della pantomima di Johnson", ma questa volta potrebbe non finire bene.

"I colloqui commerciali sono finiti", ha detto il portavoce di Johnson sabato scorso, "L'Unione Europea (Unione Europea) li ha effettivamente terminati dicendo che non vogliono cambiare la loro posizione negoziale". Il portavoce non ne ha parlato, naturalmente, ma Johnson non vuole nemmeno cambiare la sua posizione negoziale.

La maggior parte delle trattative, compresi gli attuali colloqui UK-UE per decidere sul rapporto commerciale post-Brexit tra gli ex partner, comportano un gioco da ragazzi verso la fine del procedimento. Una parte, di solito quella che non sta andando molto bene nei colloqui, minaccia di far saltare tutto e di andarsene.

Con Johnson, era praticamente garantito. E' noto per aver fissato delle scadenze e per aver fatto minacce a vuoto su ciò che accadrà se non riuscirà a farcela per allora. Michel Barnier, il capo negoziatore dell'Ue, la settimana scorsa lo ha addirittura deriso per questo: "È la terza scadenza unilaterale che Johnson ha imposto senza accordo", ha detto Barnier, "abbiamo ancora tempo".

Un accordo commerciale post-Brexit, non grande per la Gran Bretagna, ma molto meglio di niente, è ancora possibile. Il problema è che Johnson ha vinto le elezioni lo scorso dicembre dicendo che poteva "assolutamente garantire" di ottenere un "fantastico" accordo di libero scambio. In effetti, era "pronto per il forno". Johnson doveva sapere che si trattava di pura fantasia già allora. Ma ciò significa che ora deve avere un paio di "vittorie" di alto profilo per nascondere il fatto che l'accordo commerciale dopo la fine dell'"anno di transizione" della Gran Bretagna, il 31 dicembre (se c'è), sarà una piccola cosa miserabile, non lontanamente paragonabile al libero scambio di cui il Regno Unito ha goduto come membro dell'UE.

Così Johnson sta cercando di scrollarsi di dosso una vittoria simbolica o due minacciando di andarsene senza un accordo. E' molto improbabile che ci riesca, perché sta giocando a fare il pollo con un avversario che guida un grosso camion (450 milioni di abitanti dell'UE, 16 mila miliardi di dollari di PIL), mentre guida una Mini (68 milioni di abitanti del Regno Unito, 2,8 mila miliardi di dollari di PIL).

Nelle trattative commerciali, è l'economia più grande che chiama Johnson deve aver saputo che era pura fantasia anche all'epoca. Ma significa che ora deve avere un paio di "vittorie" di alto profilo per nascondere il fatto che l'accordo commerciale dopo la fine dell'"anno di transizione" della Gran Bretagna il 31 dicembre (se c'è) sarà una piccola cosa miserabile, non lontanamente paragonabile al libero scambio di cui il Regno Unito ha goduto come membro dell'UE.

Così Johnson sta cercando di scrollarsi di dosso una vittoria simbolica o due minacciando di andarsene senza un accordo. E' molto improbabile che ci riesca, perché sta giocando a fare il pollo con un avversario che guida un grosso camion (450 milioni di abitanti dell'UE, 16 mila miliardi di dollari di PIL), mentre guida una Mini (68 milioni di abitanti del Regno Unito, 2,8 mila miliardi di dollari di PIL).

Nei negoziati commerciali, è l'economia più grande che chiama la melodia, quindi i negoziatori dell'UE suppongono che Johnson stia solo bluffando. Dopo tutto, hanno definito un bluff abbastanza simile al suo ultimo anno e lui è crollato. Sicuramente, secondo loro, si limiterà a fare una breve dimostrazione di sfida, per poi tornare di nuovo come l'ultima volta.

In teoria dovrebbero avere ragione, perché la Gran Bretagna soffrirebbe molto più dell'UE se non ci fosse un accordo commerciale. Tuttavia, il primo ministro Johnson è al sicuro, non importa quanto deluso e arrabbiato sia l'elettorato, perché ha una grande maggioranza in parlamento e mancano quattro anni alle prossime elezioni.

La sua carica non è però sicura se i fanatici Brexiters del suo stesso partito decidono che ha fallito. La sua decisione finale sarà guidata da quale risultato gli farà più male politicamente all'interno del suo stesso partito, e questo è una questione di apparenze.

Come gli adulti nella stanza, i diplomatici dell'Unione Europea dovrebbero ora escogitare un modo per Johnson di mascherare la sua sconfitta, ma ci sono pochi segni che questo stia accadendo. Il loro disprezzo per le tattiche di Johnson può significare che non riescono a lanciargli un'ancora di salvezza - e Johnson, che è famoso per il dithering, può ritardare così tanto che il tempo si esaurisce.

Il tempo stringe, e ci sono molte richieste concorrenti all'attenzione di ogni governo. Quasi tutti i paesi europei devono affrontare l'aumento delle infezioni da Covid-19, e il governo britannico è già distratto da una crescente rivolta contro la sua incompetente gestione della pandemia. I negoziati commerciali tra il Regno Unito e l'Unione Europea continueranno, con timeout per i cattivi comportamenti, ma potrebbero non farcela.

La scadenza di fine dicembre è reale. Se non ci sarà un accordo commerciale entro Capodanno, l'immenso flusso quotidiano di cibo, medicinali, componenti di produzione just-in-time e altre merci attraverso i confini UE-Regno Unito si fermerà con l'innalzamento delle barriere doganali, e sarà un inverno molto triste nel Regno Unito.

La strategia di sopravvivenza politica di Johnson sarebbe quindi quella di demonizzare l'UE come infida e antibritannica, avvelenando il pozzo per qualsiasi futura cooperazione. Gli adulti hanno davvero bisogno di organizzarsi, perché Johnson non lo farà.