Virus che causa 6 volte meno morti che in aprile

in Notizia · 23-10-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Il nuovo coronavirus continua a diffondersi, ma la buona notizia è che sta causando meno morti di quando è iniziata la pandemia in Portogallo, quando il primo decesso è stato registrato il 16 marzo.

In aprile, il 4,8 per cento degli infetti è morto di Covid-19, e a maggio questo numero è salito al 5,3 per cento. Da allora, l'effetto mortale ha cominciato a diminuire e in settembre e ottobre ha raggiunto lo 0,8 per cento, cioè una persona su 116 non è sopravvissuta alla malattia.

Nonostante i dati incoraggianti, la comunità medica non è molto fiduciosa e teme una seconda ondata: "Abbiamo un numero elevato di nuovi casi, che sta causando un'enorme pressione sulle cure primarie, ma non abbiamo ancora l'effetto della mortalità", ha detto l'epidemiologo, Gustavo Tato Borges, al Correio da Manhã Newspaper, ma ritiene che l'allarme che questi numeri possano essere avvertiti nelle settimane successive.

Il dottor Ricardo Baptista Leite, ha detto allo stesso giornale: "oggi siamo in grado di affrontare meglio la malattia. Abbiamo più conoscenze, sappiamo come ventilare meglio, abbiamo il desametasone, una pillola che può ridurre la mortalità tra i pazienti in terapia intensiva".

Infine, il medico conferma che siamo più preparati che mai: "Abbiamo strumenti e organizzazione che non avevamo 7 mesi fa e quando il virus diventa endemico è normale che diventi meno aggressivo", ha detto Baptista Leite. Tuttavia, "è ancora troppo presto per parlare di mitigare la virulenza di Covid-19", ha spiegato, dicendo che è ancora importante controllare la diffusione per garantire il funzionamento sostenibile del servizio sanitario nazionale.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.