Cosa si prova ad avere una diagnosi di ADHD a 35 anni

scritto PA/TPN, in Stile di vita · 23-10-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Simon Neville parla dell'impatto che cambia la vita di una diagnosi di ADHD da adulto.

Nel marzo di quest'anno, una settimana prima che il Regno Unito andasse in isolamento, mi è stato diagnosticato un disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Ho 35 anni, con dei bambini e un lavoro impegnativo come redattore su una redazione molto occupata - e questo mi ha mandato in tilt.
Ho lottato con il fatto che non mi era stata diagnosticata prima, come avrei dovuto 'sistemarmi', e imparare cosa significava veramente (tutto durante una pandemia). Ma, sei mesi dopo, posso dire che la mia vita è letteralmente cambiata. Ed è incredibile.
Per 35 anni ho pensato di essere una persona cattiva. Ma non lo sono. Sono solo una persona che era malata e non aveva il sostegno di cui aveva bisogno.
Una vita di lotte
È un malinteso comune che l'ADHD colpisce solo i bambini. Per me i segni c'erano fin da piccoli, solo che non sono stati riconosciuti. Crescendo, mi è stato detto dagli insegnanti e dalla famiglia che ero pigro e che avrei potuto ottenere molto di più se mi fossi 'concentrato'. Di conseguenza, mi picchiavo senza sosta, sviluppando il mantra guida che ero un pigro un***hole perché non mi importava abbastanza di nessuno.
Per me, la 'H' in ADHD era nella mia testa. Il mio cervello era inquieto, e concentrarsi e impegnarsi con i compiti era difficile. Potevo iper-concentrarmi per 10 minuti e poi mi distraevo. I miei occhi sfrecciavano in giro, assorbendo quanto potevo ed elaborando enormi risme di dati e informazioni.
L'ascolto era una sfida

Non riuscivo mai a capire come gli altri potessero apparentemente cavarsela così facilmente nella vita, con la capacità di ascoltare con empatia e cura. Nell'ultimo decennio circa, ho lavorato su questo aspetto attraverso la terapia della parola (il mio medico di famiglia mi aveva messo sotto antidepressivi e mi aveva suggerito di provare la terapia circa otto anni fa, durante un capitolo particolarmente difficile). Mi piace essere empatico nei confronti delle persone e riconosco l'importanza di saper ascoltare, ma una volta era così faticoso. Farei fatica a mantenere l'attenzione.
La vita ha assunto un modello di eccitazione/frustrazione/burnout - ho avuto nove lavori in 10 anni - mentre cercavo delle ancore. Pensavo di aver bisogno di un'infinità di adrenalina senza conseguenze - così mi sono costruito una carriera.
Ho perso degli amici e ho ferito le persone emotivamente lungo la strada, perché il mio cervello andava troppo veloce. Sentivo che potevo consumare così tanta energia per stabilizzarmi e cercare di inserirmi, oppure potevo agire sui pensieri del mio cervello - ottenere il colpo di adrenalina - ma poi affrontarne le conseguenze. "La vita è seria solo quanto la rendi seria", direi - senza rendersi conto o anche solo considerare l'impatto che potrebbe avere sull'altra persona.
Dopo l'università, ho iniziato a rendermi conto che avrei potuto formare relazioni più strette se avessi ascoltato di più, e ho lavorato duramente per cercare di farlo. Ma ci è voluto uno sforzo immenso e mi sono sentita un fallimento per non essere in grado di fare quello che il resto del mondo potrebbe fare, apparentemente così facilmente.
Finalmente le cose hanno un senso
A un certo punto, ho iniziato a pensare che potrei essere nello spettro dell'autismo, dopo aver letto un sacco di thread da persone con ASD che parlavano della loro elaborazione cerebrale. Molti di essi mi sono sembrati molto familiari. Ho parlato con il mio medico di famiglia. Non mi è stato diagnosticato l'autismo - ma il solo fatto di aver fatto questi tentativi mi ha dato l'opportunità di guardarmi sotto una luce diversa e di cominciare a perdonarmi per tutti gli "errori". Ora, essere diagnosticati con ADHD significa che le cose finalmente hanno un senso.
Adrian Chiles è stato diagnosticato con il disturbo da deficit di attenzione (ADD) quest'anno e recentemente ha parlato di come ricevere un trattamento ha cambiato la sua vita. Per me è stato lo stesso. Sto facendo una terapia cognitivo-comportamentale (CBT) e ho iniziato a prendere farmaci anfetaminici a giugno, il che mi porta allo stesso livello di tutti gli altri.
Da allora, ho anche perso due chili di peso e mi sono tolto gli antidepressivi per la prima volta in otto anni. Ho anche abbracciato gli audiolibri - passando dal non leggere mai libri al gorgheggiare sui 40 da marzo - e finalmente sto rallentando.
Mi ero convinta di essere cattiva e ho sempre pensato: "Se faccio solo QUESTO", tutto andrà bene. Ma non è mai stato così. La vita richiede tempo. Ascoltare richiede tempo e uscire dalla nostra testa ed entrare nella stanza può essere difficile e difficile da affrontare.
Guardando al futuro:
Di recente ho raccontato la mia diagnosi al mio nuovo grande capo, davanti a una sala di manager e redattori. Mi ha detto che ero coraggiosa. I colleghi hanno chiamato per "congratularsi" con me. È stata la cosa più facile che abbia mai fatto e, anche se è stato difficile scriverlo, se mi sento abbastanza a mio agio da dirlo alla persona da cui dipendo finanziariamente, posso iniziare a dirlo anche agli altri. Intendo scrivere di più su questo in veste professionale e voglio usare in meglio le nuove competenze che sono riuscito a sbloccare per la prima volta nella mia vita.
Non convincerò tutti che sono cambiato, e i comportamenti passati mi perseguiteranno sempre. La differenza ora è che posso scegliere come andare avanti, e questo è incredibile. Non ho più bisogno di dimostrare il mio valore. Ce l'ho fatta. Sono sopravvissuto. Per la prima volta mi godrò pienamente la vita.



Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.